Dicembre 3, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un antidepressivo per combattere il covid? Esperienze incoraggianti – Salute

Pubblicato mercoledì, uno studio clinico ha concluso che la fluvoxamina, un farmaco antidepressivo, è in grado di ridurre i ricoveri per i pazienti con Covid-19 a rischio di forme gravi.

I ricercatori che hanno condotto questo studio concludono che Lancet Global Health è una pubblicazione collegata ma distinta dalla rivista di riferimento The Lancet.

La fluvoxamina è usata come antidepressivo e per il disturbo ossessivo-compulsivo. Gli autori dello studio hanno condotto prove, in dozzine di ospedali brasiliani, per stimare se evitano il ricovero in ospedale per i pazienti con Covid-19 che lo ricevono rapidamente.

Precedenti studi hanno già fatto sperare che la fluvoxamina sia di grande importanza contro il Covid-19, ma sono stati condotti su piccoli campioni e la loro metodologia ha reso le loro conclusioni altamente incerte.

Lo studio brasiliano è stato condotto su più di 700 pazienti, rispetto a un numero simile di pazienti trattati con un placebo e senza che i loro caregiver sapessero quale trattamento stavano dando.

Questi pazienti presentavano almeno un fattore di rischio: avere più di 50 anni, fumo, diabete, non essere vaccinati…

Lo studio ha misurato il numero di pazienti in ciascun gruppo che alla fine sono stati ricoverati in ospedale dopo 28 giorni o che hanno dovuto trascorrere più di sei ore nel pronto soccorso in un’occasione.

Alla fine, meno pazienti trattati con fluvoxamina rispetto a quelli trattati con placebo hanno riscontrato – 11% contro 16% – in una di queste due condizioni.

“Questo studio indica chiaramente che la fluvoxamina costituisce un’opzione di trattamento efficace, sicura, poco costosa e ben tollerata per i pazienti Covid-19 non ricoverati”, ha affermato il ricercatore della giuria Otavio Berwanger, che non era associato allo studio, in un commento pubblicato anche su il giornale.

READ  Le virtù del passato per la società del futuro, di Roland Hawke

Tuttavia, indica anche i limiti dello studio. Non consente di concludere l’effetto del farmaco nel ridurre la mortalità, e anche in termini di ospedalizzazione, le sue conclusioni sono indebolite dal fatto che ci sono due criteri misti.

Gli autori hanno spiegato di aver preso in considerazione anche i soggiorni nei dipartimenti di emergenza perché gli ospedali brasiliani erano oberati dalla crisi di Covid e non potevano prendersi cura dei pazienti che ne avevano bisogno.

I ricercatori che hanno condotto questo studio concludono che Lancet Global Health è una pubblicazione collegata ma distinta dalla rivista di riferimento The Lancet. La fluvoxamina è usata come antidepressivo e per il disturbo ossessivo-compulsivo. Gli autori dello studio hanno condotto prove, in dozzine di ospedali brasiliani, per stimare se evitano il ricovero in ospedale per i pazienti con Covid-19 che lo ricevono rapidamente. Precedenti studi hanno già fatto sperare che la fluvoxamina sia di grande importanza contro il Covid-19, ma sono stati condotti su piccoli campioni e la loro metodologia ha reso le loro conclusioni altamente incerte. Lo studio brasiliano è stato condotto su più di 700 pazienti, rispetto a un numero simile di pazienti trattati con un placebo e senza che i loro caregiver sapessero quale trattamento stavano dando. Questi pazienti presentavano almeno un fattore di rischio: avere più di 50 anni, fumare, avere il diabete, non essere vaccinati… Lo studio ha misurato quanti pazienti in ciascun gruppo sono stati infine ricoverati dopo 28 giorni, o in un’occasione hanno dovuto trascorrere più di sei ore Al pronto soccorso. Alla fine, meno pazienti trattati con fluvoxamina rispetto a quelli trattati con placebo hanno riscontrato – 11% contro 16% – in una di queste due condizioni. “Questo studio indica chiaramente che la fluvoxamina costituisce un’opzione di trattamento efficace, sicura, poco costosa e ben tollerata per i pazienti Covid-19 non ricoverati”, ha affermato il ricercatore della giuria Otavio Berwanger, che non era associato allo studio, in un commento pubblicato anche su il giornale. Tuttavia, indica anche i limiti dello studio. Non consente di concludere l’effetto del farmaco nel ridurre la mortalità, e anche in termini di ospedalizzazione, le sue conclusioni sono indebolite dal fatto che ci sono due criteri misti. Gli autori hanno spiegato di aver preso in considerazione anche i soggiorni nei dipartimenti di emergenza perché gli ospedali brasiliani erano oberati dalla crisi di Covid e non potevano prendersi cura dei pazienti che ne avevano bisogno.

READ  L'orbita solare stanotte sfiorerà la Terra