Agosto 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ucraina: missile russo colpisce un centro commerciale

Un missile russo ha colpito lunedì un centro commerciale “affollato” e bruciato nell’Ucraina centrale, uccidendo un numero imprecisato di persone, poiché il presidente dell’Ucraina ha chiesto ai leader del Gruppo dei Sette tedesco “pieno e completo sostegno” per porre fine alla guerra.

Un missile russo ha colpito un centro commerciale “affollato” a Kremenchug, nell’Ucraina centrale, hanno affermato le autorità locali, aggiungendo che le perdite potrebbero essere molto pesanti.

Il presidente ha scritto su Facebook: “Gli occupanti hanno sparato un missile contro un centro commerciale dove erano presenti più di mille civili. Il centro commerciale è in fiamme, i soccorritori stanno combattendo l’incendio. Impossibile immaginare il numero delle vittime”. Volodymyr Zelensky.

Secondo il governatore della regione, Oleg Senegubov, il bombardamento russo della grande città di Kharkiv, nel nord-est dell’Ucraina, e della sua regione, ha ucciso due persone e ne ha ferite cinque al mattino.

Domenica, per la prima volta dal 5 giugno, la città di Kiev è stata bombardata da missili russi mentre i pesanti combattimenti continuavano nell’est del paese.

Il tempo stringe, ha detto Volodymyr Zelensky, e il G7 deve fare di tutto per porre fine a questo sanguinoso conflitto prima della fine dell’anno e dell’inverno.

In un discorso video da Kiev, parlando prima dell’annuncio dello sciopero a Kremenchug, il signor Zelensky ha assicurato ai leader delle sette potenze industriali, riuniti al castello di Elmau nelle Alpi Bavaresi, che questo non era un “tempo per negoziare” con Mosca, secondo i commenti riportati dalla presidenza francese.

Durante questo discorso a porte chiuse, il leader ha insistito sulla “necessità di un sostegno pieno, completo e molto pratico per l’Ucraina”, secondo Paris.

READ  La giustizia britannica autorizza formallement l'estradition d'Assange aux Etats-Unis

I paesi del G7 (Germania, Stati Uniti, Francia, Canada, Italia, Giappone, Regno Unito) gli hanno promesso un fermo sostegno: continueranno a sostenere l’Ucraina “finché sarà necessario”, secondo la loro dichiarazione congiunta.

Nel frattempo, questi capi di Stato e di governo, che si incontrano da domenica, continueranno ad “aumentare la pressione su Putin”, come ha sottolineato il cancelliere tedesco Olaf Schulz, ospite di questo vertice, in particolare attraverso una nuova ondata di sanzioni contro il Economia russa.

Secondo un alto funzionario della Casa Bianca, gli occidentali, guidati dagli Stati Uniti, vogliono reprimere Mosca prendendo di mira in particolare l’industria della difesa russa.

Intendono anche svilupparsiIl meccanismo del tetto del prezzo del petrolio russo a livello mondiale.Secondo questo alto funzionario.

Mentre i termini di tale misura restano da definire, gli occidentali sembrano disposti ad accettare una richiesta del signor Zelensky che ha chiesto loro di “Determinazione del prezzo del petrolio emesso dall’aggressore”.

La stessa fonte ha aggiunto che si tratta di prosciugare una delle principali fonti di reddito della Russia, poiché il G7 “coordinerà anche l’uso delle tariffe sui prodotti russi per aiutare l’Ucraina”.

il divieto

Il primo giorno di scambi di domenica, alcuni dei sette paesi industrializzati hanno già annunciato il divieto dell’oro appena estratto in Russia. Nonostante le severe sanzioni che hanno colpito l’economia russa dall’inizio dell’attacco all’Ucraina il 24 febbraio, lunedì il Cremlino ha affermato che “non c’era motivo” per menzionare il default della Russia, come affermato da alcuni media.

Tuttavia, le autorità russe hanno annunciato che, a causa delle sanzioni, i creditori non sono arrivati ​​in due rate entro la scadenza di domenica.

READ  Putin si paragona allo zar Pietro il Grande: "Ora tocca a noi riprenderci ciò che appartiene alla Russia"

Con Kiev che continua a richiedere più spedizioni di armi, gli Stati Uniti stanno ora valutando la possibilità di fornirle un avanzato sistema missilistico terra-aria “a medio e lungo raggio”. > – USA –

Per Olaf Schultz, gli attentati di domenica e lunedì sono serviti a ricordare ancora una volta che “è giusto che noi ci uniamo e sosteniamo l’Ucraina”.

Il bombardamento russo è continuato anche dentro e intorno alla città orientale di Lysekhansk dopo che le forze russe hanno preso il pieno controllo della sua città gemella e del centro industriale Severodonetsk dopo settimane di aspre battaglie.

“Lysichansk e i villaggi vicini stanno vivendo i loro giorni più duri. I russi distruggono tutto sul loro camminoha affermato Sergei Gaudai, governatore della regione di Lugansk.

La cattura di Lysychansk darebbe alla Russia il controllo dell’intera regione di Lugansk nel bacino industriale del Donbass.

rischio crisi alimentare

Sia durante gli scambi che durante le sessioni fotografiche di gruppo informali, gli occidentali si sono assicurati di mostrare la loro unità durante questo vertice in gran parte dedicato alla guerra in Ucraina e alle sue conseguenze.

Più urgente è la crisi alimentare che minaccia una parte del pianeta mentre migliaia di tonnellate di grano dormono nei silos ucraini a causa del blocco o dell’occupazione russa dei porti del Mar Nero.

Gli occidentali hanno chiesto alla Russia di consentire “il libero passaggio di merci agricole dai porti dell’Ucraina sul Mar Nero”.

Il primo ministro britannico Boris Johnson avrebbe dovuto chiedere “un’azione urgente” per rilanciare le esportazioni vitali di grano ucraine mentre i paesi poveri sono al limite, ha riferito Downing Street.

READ  Eruzione del vulcano alle Canarie: cancellati tutti i voli per La Palma

Cette grave minace qui plane sur nombre de pays émergents est égallement au coeur des discussioni qu’ont menées lundi les chefs d’Etat et de gouvernement avec les dirigeants des cinq pays invités cette année en Bavière, Inétégalé, Argentine From the south).

India, Senegal e Sud Africa si sono astenuti dal votare su una risoluzione delle Nazioni Unite che condanna l’invasione russa dell’Ucraina.

Il capo di Stato indonesiano e presidente del G20 Joko Widodo si recherà presto in Ucraina e Russia per discutere le conseguenze economiche e umanitarie dell’invasione russa.

Le economie emergenti sono particolarmente a rischio per la carenza di cibo e la crisi climatica, un’altra emergenza che i sette leader hanno dovuto discutere con i loro ospiti.

Nel contesto della carenza di gas russo, le ONG ambientali temono che il Gruppo dei Sette principali paesi industrializzati rinunci ai propri impegni di porre fine al finanziamento internazionale dei combustibili fossili.

I leader del G7 concluderanno il loro vertice martedì, giorno in cui il presidente russo Vladimir Putin dovrà fare il suo primo viaggio all’estero dall’inizio dell’attacco all’Ucraina. Si recherà in Tagikistan, ex paese sovietico e alleato dell’Asia centrale.

La maratona diplomatica degli alleati proseguirà martedì al vertice dei 30 Stati membri della Nato a Madrid, appuntamento a cui Zelensky deve partecipare a distanza.

I capi in questa occasione decideranno di indossare “molto più altoIl segretario generale dell’Alleanza Jens Stoltenberg ha affermato che 300.000 soldati sono altamente preparati ad affrontare la minaccia russa.