Marzo 4, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Bielorussia adotta una dottrina sulle armi nucleari: cosa significa?

La Bielorussia adotta una dottrina sulle armi nucleari: cosa significa?

Venerdì 19 gennaio la Bielorussia ha adottato segretamente una nuova dottrina militare che non promette nulla di buono. Se approvato, costituirebbe il primo passo verso lo spiegamento di armi nucleari nel paese, come riportato dalla CNN. Per Viktor Khrenin, ministro della Difesa della Bielorussia, questo dispiegamento servirà da “deterrenza preventiva per impedire a potenziali avversari di lanciare un’aggressione armata contro il Paese”. Secondo lui, la Bielorussia è stata “costretta” a cercare rifugio lì. Questa decisione arriva nel momento in cui i paesi vicini Russia e Bielorussia hanno appena firmato un accordo volto a rafforzare i loro confini.

La ragione del dolore causato da questa dottrina deriva da ciò che essa comprende. In realtà, questo sistema, come spiega Viktor Khrenin, prevede “un passo da seguire in caso di aggressione armata” contro gli alleati della Bielorussia. Esiste all’interno della CSTO e comprende sei stati post-sovietici dominati dalla Russia: Armenia, Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan, Bielorussia e ovviamente Russia. Questa organizzazione chiede ai suoi membri di aiutarsi a vicenda in caso di attacco.

Anche se questo principio sembra terrificante, vuole essere caritatevole, secondo il ministro della Difesa bielorusso, che vuole “ripristinare l’influenza delle organizzazioni internazionali di sicurezza come le Nazioni Unite, l’OSCE e altre, e il loro lavoro efficace nella prevenzione e risoluzione .” “Per i conflitti armati”. Inoltre, la Bielorussia è “aperta alla cooperazione in campo militare con qualsiasi paese, compresi gli Stati membri della NATO”, ma solo se “la loro retorica aggressiva nei confronti della Bielorussia finirà”.

Non è il primo a usare questi termini. Nell’agosto 2023, il leader bielorusso Alexander Lukashenko ha usato una retorica simile, spiegando di non aver portato armi nucleari nel suo territorio “per intimidire qualcuno, ma perché rappresentano un forte fattore deterrente”. “Ecco perché lo utilizzeremo immediatamente in caso di attacco contro di noi”, ha concluso.

READ  Guerra in Ucraina: dopo che centinaia di corpi sono stati scoperti in Ucraina, la presidenza dell'UE vuole un tribunale per i crimini di guerra

Attualmente questo principio necessita ancora dell'approvazione dell'Assemblea popolare bielorussa. L'evento avrà luogo ad aprile, secondo i media statali russi RIA Novosti.