Febbraio 27, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Stazioni sciistiche: neve artificiale, cambiamento climatico…quello che dice l'allarmante rapporto dell'Audit Bureau

Stazioni sciistiche: neve artificiale, cambiamento climatico…quello che dice l'allarmante rapporto dell'Audit Bureau

Di base
In un rapporto pubblicato oggi, martedì 6 febbraio, la Corte dei conti conferma la necessità di cambiare il modello economico applicato in Francia nelle stazioni sciistiche. La giurisdizione richiede una vera trasformazione, mentre gli stakeholder della montagna sono esposti al riscaldamento globale.

Sulle nostre montagne lo sci francese e le sue stazioni “stanno esaurendo”. Il progressivo calo del numero degli sciatori, il declino del modello economico, il cambiamento climatico… In un rapporto pubblicato martedì 6 febbraio, l'Accounting Board è giunto ad una conclusione chiara : Gli stakeholder del mondo montano dovranno avviare molto rapidamente una trasformazione delle loro attività.

Nel documento di 147 pagine, presentato da Pierre Moscovici, primo presidente della Corte dei Conti, si legge che dopo il 2050 solo “alcune stazioni sciistiche” potranno pensare di continuare la loro attività. Ecco alcuni punti da ricordare di queste nuove tendenze.

Quali sono i risultati nelle stazioni sciistiche del Paese?

Negli ultimi anni la Corte dei conti ha constatato una “lenta erosione” delle presenze nelle stazioni sciistiche. Il Consiglio parla quindi di una dinamica che “si è gradualmente interrotta”, soprattutto tra il 2009 e il 2021. L’Accounting Council cita come esempio la stagione 2021-2022: questa “attività sperimentata è vicina a quella registrata all’inizio del primo decennio del XXI secolo”.

Leggi anche:
«Dove abbiamo i cannoni, si scia»: nei Pirenei, la stazione di Val Lorne ospita un'area principianti nonostante il caldo afoso

E sulle piste, gli sciatori e gli altri appassionati di sport sulla neve non ringiovaniscono… Le stazioni faticano a ricostituire la loro clientela invernale: “Secondo Domaines Skiables de France, tra il 2009 e il 2019, circa 5,5 milioni di giorni da skater* L’economia dello sci ha perso entrate annuali, in particolare a causa del rifornimento incompleto dei clienti anziani da parte dei turisti giovani”, spiega il Consiglio di contabilità.

READ  La salute di Vladimir Putin è al centro dell'attenzione...

Perché questa erosione del turismo invernale?

Soprattutto a causa del “peggioramento della condizione della neve” negli ultimi anni. Le nostre montagne sono già in prima linea di fronte Il riscaldamento globale. Uno studio europeo citato dalla Corte dei conti indica che la temperatura media nelle Alpi è aumentata di circa 2 gradi Celsius dall'inizio del XX secolo.H secolo scorso, rispetto agli 1,4 gradi Celsius del resto del Paese. “La stessa osservazione è stata osservata nei Pirenei con un cambiamento di 0,2 °C ogni decennio, come riportato dall'Osservatorio dei cambiamenti climatici dei Pirenei”, continua la Commissione dei revisori dei conti.

E le prospettive non migliorano: entro il 2050, Lo spessore medio dei blocchi di ghiaccio sarà ridotto dal 10% al 40% Nelle montagne centrali.

Leggi anche:
Settimana bianca: ci sarà neve a febbraio sui Pirenei? “Non possiamo fare peggio di adesso…”

Resta la produzione di neve artificiale. Tuttavia, sentitevi liberi di pagare nelle stazioni che pagate: “Proiezioni climatiche che non sono sufficienti per la nuova produzione, in un numero croissant di stazioni, per garantire che lo sci sia installato sul vostro campo” Audit Bureau. Tanto più che alcuni attori non esitano a favorire la produzione di neve artificiale quando le risorse idriche sono “sottostimate”: “Sarà necessario ottenere licenze affinché l’acqua destinata alla produzione di neve sia più robusta tenendo conto delle proiezioni climatiche”, sottolineano afferma la corte.

Perché sarebbe necessario ripensare le politiche pubbliche?

In questo contesto, gli attori del turismo invernale stanno lavorando per scandire, Tiri di supporto E basato su Aiuto dallo Stato. “Le 180 stazioni sciistiche francesi con un fatturato inferiore a 15 milioni di euro sono state sostenute con circa 124 milioni di euro all'anno (tutte le amministrazioni pubbliche messe insieme)”, spiega la Corte dei conti. Ciò rappresenta quasi un quarto del loro fatturato. Ma per la giurisdizione, questi sussidi sono spesso “mal indirizzati”: tendono a “bloccare le comunità in un percorso di dipendenza dallo sci, privandole di spazio di manovra per sviluppare il turismo delle “quattro stagioni”.

READ  In un guasto, i settantenni in vacanza devono vivere nella loro macchina fino all'arrivo di un meccanico il ... 20 luglio

Leggi anche:
Cambiamenti climatici: uno studio suggerisce che quasi il 98% delle stazioni sciistiche in Europa potrebbe scomparire a causa della mancanza di neve

L'Accounting Board si rammarica pertanto della completa mancanza di aspettative da parte degli enti locali e degli stakeholders della montagna su questo tema. La giurisdizione prende poi come esempio una stazione dei Pirenei che vuole “aumentare il numero dei suoi clienti da 113.000 a 193.000” mettendo in discussione la “sostenibilità dell’attività sciistica”.

Quali sono le soluzioni previste?

L’Accounting Council sottolinea quindi la necessità di un “radicale riorientamento”, concentrandosi, tra l’altro, su: Diversificare le attività in montagna. Sul versante dello sci, la magistratura invita le stazioni sciistiche a proseguire Aumento dei loro prezziNon solo per ridurre la dipendenza dai sussidi pubblici, ma anche per competere con le economie sciistiche europee.

Il Collegio dei conti prende come esempio la stazione di Isola 2000 (Alpi marittime): “Il prezzo di un abbonamento giornaliero deve essere aumentato da 35 a 60 euro al giorno per poter effettivamente pagare il servizio”, nota una relazione .

*La giornata di uno sciatore equivale ad una visita giornaliera per chi viene a sciare o fare snowboard