Febbraio 28, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Traduci: “È un incontro che incontra se stesso”.

Traduci: “È un incontro che incontra se stesso”.

Federica Malinverno: Come ti sei avvicinato alla traduzione dall’italiano?

Louis Boudonaud: Non ho studiato all'università, ho fatto il giapponese per imparare l'italiano. Ho un background diverso che crea lacune ma crea anche emozioni ed entusiasmo. Ho imparato l'italiano mentre vivevo a Roma. In generale mi piace incontrare gli insegnanti nelle loro città: mi piace andare a vedere come si svolge il lavoro nel suo territorio. Ho tradotto Marco Lodoli, Giorgio Falco, Giorgio Vasta e Francesco M. Molti scrittori come Cataluccio sono davvero scrittori legati a uno spazio, e per me è importante vedere come funziona quello spazio nella letteratura.

Da Flaiano, traduco Sport e carneficina A Buchet-Chastel. Flaiano, mi interessava questo scrittore perché era strettamente legato a un romano dell'epoca, Fellini. Vorrei ritradurre la sua opera caustica, ma è molto difficile in Francia far conoscere o ripubblicare autori morti…

Cosa ti ha colpito? Assolutamente niente E, in generale, nell'opera di Giorgio Vasta?

Louis Boudonaud: Amo tradurre autori che lavorano sul vuoto, sulla scomparsa, sulle tracce e sui resti. Cosa dire: Nell'essenza dell'essere. Giorgio Vasta ha un modo unico di affrontare questo tema, molto diverso da Lodoli, per esempio. Lo fa in forma arborescente, scava, solleva, zigzaga, e questa arborescenza è un po' di noi, la nostra fragilità che alimenta la finzione.

Tutto è in ogni cosa, così intrecciato. Assolutamente niente Come un cambiamento di lavoro, il punto di partenza di una ricerca che solca lo stesso fossato. Vasta sta lavorando a qualche monumento oggi. Questo tema mancante continua Palermo. Una biografia alla luce (Humboldt, 2022) Tre orfani (Casagrande, 2021) e in un corposo libro che sarà pubblicato da Sellerio in Italia nell'autunno 2024.

Nel cuore errante diAssolutamente nienteDal grande potere della finzione, offusca itinerari e letture del testo, creando una separazione, una mancanza e un vuoto: Assolutamente niente Un testo modesto sulla separazione, parla di come noi Sconfitto da un amore.

Vasta affronta, in modi molto diversi, l'autobiografia, un tema letterario raramente trattato in Italia. Sotto un accumulo di dettagli, aveva ” essere materiale » e perdita. Dà una prospettiva quasi metafisica. Di fronte a tanta serietà ho pensato subito a Vertier di pubblicare questo testo.

Potete ricostruire la storia editoriale di questo libro?

Louis Boudonaud: In genere cerco un autore e un'opera, trovo qualcuno che lavori in modo molto letterario e lo presento a un editore. È quasi un lavoro da agente; L'idea deve uscire ImportanteNon guardare oltre i libri premiati in Italia.

Questo processo non è sempre facile. Pertanto in Francia nessuno si interessò più all'opera di Lodoli, e alla fine la pubblicazione di Lodoli fu rilevata dal POL, che si occupava principalmente di letteratura francese. Si rivela un’avventura calda, umana ed editoriale.

READ  Roma si aspetta una vittoria italiana | Pressione su Jannik Shinner

Quanto a Vasta, era già tradotto da Callimard di Vincent Raynaud, e ho chiamato Vincent per sapere se voleva continuare. Assolutamente niente, era felice che mi interessasse. Ma questa traduzione vagava come il libro stesso: il libro è stato impedito dalla vita, per fortuna, altrimenti sarebbe apparso senza dubbio tutto chiuso e non avrebbe trovato il suo posto.

Meno male che ci è voluto così tanto tempo per pubblicarlo in Francia. valori e Quodlibet (editore italianoAssolutamente niente) Due case che si prendono il loro tempo, due montagne che non corrono all'impazzata Importante, esattamente. E poi tutto si è riunito al momento giusto, cosa di cui sono molto felice.

Ho fatto la prima traduzione, non era buona, non ero al passo con il testo. Dico sempre che il mio lavoro è essere un compositore. Direi che siamo interpreti come un pianista; Portiamo un tocco, lo amplifichiamo, gli facciamo eco, ma la musica deve attraversarti, non è meccanica; Dobbiamo scoprirlo coltello – nel senso di animazione -, il respiro del testo.

Così, a un certo momento, dopo una difficile esperienza di mancanza, di perdita – la tragica perdita dei miei genitori – il testo ha assunto un significato, una presenza. Potrebbe sembrare un po' patetico, ma è vero. Tradurre il testo è anche incontrarsi e prima non avevo il tono giusto, c'era qualcosa che non avevo sentito.

Puoi tornare a cosa significa questo per te?

Louis Boudonaud: Come ho detto, per me la traduzione è la musica, deve attraversare il corpo e concordare con la scrittura dell'autore.

Traducendo viviamo all'interno di un testo, un testo che non è parole morte, ma esso Un flusso, respiro, respiro. Tradurre in un modo che ci permetta di espandere il nostro pensiero e il nostro modo di sperimentare il mondo: questo, mi sembra, è ciò a cui dovrebbe fare la letteratura.

Benjamin lo pensava. Prova a trovare questo spazio promesso e proibito in cui le lingue si riconoscono e si realizzano a vicenda ”, il che è certamente impossibile, ma è questo percorso che respira la sua vitalità.

Il lavoro di un traduttore è spesso considerato un'attività solitaria. Tuttavia, quali sono le tue interazioni con l'editore e l'editore, ad esempio?

Louis Boudonaud: L'opera, è vero, è solitaria, ma, allo stesso tempo, è l'opera più vicina al linguaggio. Di solito non parlo molto con l'insegnante, perché se ci sono dei dubbi, per lo più si risolvono rileggendo. Prima di pubblicare e dare il primo suono, leggo Decine di volte Testo e soprattutto ovunque, il libro viene con me.

READ  Incredibile estate del gioco italiano, una parentesi semplice e seducente?

Tradurre è anche un'avventura umana, incontro scrittori ed editori italiani e francesi e parliamo di cose diverse dal testo. Quando lo mando all'editore non c'è un vero lavoro di riscrittura dietro, cosa che però avviene in Italia.

Per me collaboro poco con grandi strutture: è un piccolo lavoro di squadra, si tratta di conoscersi. Ho sempre trovato gli insegnanti con cui ho lavorato molto umili, quindi non creavano gerarchie.

A parte la tua difficoltà iniziale nell'inserire il testo durante la traduzioneAssolutamente nienteHai riscontrato qualche problema particolare?

Louis Boudonaud: All'inizio non trovavo la chiave, mi bloccavo perché non potevo ascoltare, non potevo essere pienamente presente a causa delle dolorose restrizioni personali che invadevano tutto. Questo era il problema principale.

Ma in generale, quando il testo è buono, non credo che il traduttore abbia reali difficoltà. Viene quasi naturale, il che è davvero emozionante. Questo può certamente richiedere tempo. Poi bisogna considerare che una traduzione è sempre contestuale, perché è viva, è un'interpretazione e domani sarà diversa.

Quali autori vorreste proporre agli editori francesi?

Louis Boudonaud: Direi: non necessariamente raccontare storie, ma autori con un universo forte, uno stile forte. A me, ad esempio, piace tradurre Alessandro Raveghi e la sua lingua Grande Karma, ma trovargli un editore è complicato; Oppure Davide Orecchio, Vanni Santoni, è difficile, perché spesso la Francia ha un'immagine dell'Italia un po' più glamour dell'Italia.

Più precisamente, ciò che mi interessava di Vasta, al di là della sua capacità di rompere la linearità della narrazione, era l'autobiografia mescolata alla pura potenza della finzione. La Francia è sempre stato un paese di narrativa autobiografica, e in Italia, nonostante si facciano tentativi in ​​questa direzione, spesso trovo che siamo in una storia molto classica di seguito.

Vasta, invece, si immerge in questa incredibile struttura in legno, nei suoi zigzag, in questo particolare materiale e nel senso dello spazio. Mi sembra che stia usando qualcosa di nuovo nella letteratura italiana.

Come vedi la letteratura italiana tradotta in Francia?

Louis Boudonaud: Non so se la più singolare e la più profonda della letteratura italiana sia stata ancora tradotta in Francia. oltralpe sono tante le storie di bambini, adolescenti, famiglie e affini, come quelle raccontate nei libri di Elena Ferrante. Trovo che Giorgio Vasta sia completamente fuori da questo campo. Lo considero un insegnante Molto innovativo.

READ  "Les Huit Montagnes", film belga girato in italiano e premiato a Cannes

Come si inserisce Giorgio Vasta nel panorama letterario italiano? Può essere considerato uno scrittore in qualche modo “diverso” o “non italiano”?

Louis Boudonaud: Lo definirei uno scrittore italofono che ha un suo universo: a un certo momento non è più importante la lingua, lo è l'universo. Non voglio quindi ridurre Lodoli a Roma, e Vasta all'Italia (quest'ultimo, pur scrivendo solo di Roma, è secondo me il più dostoevskiano degli scrittori italiani con un innato senso dell'allegoria). Questi insegnanti vanno oltre un territorio: hanno uno scopo universale, ci aiutano a pensare e ad essere vivi.

Attraverso quali canali i testi italiani arrivavano in Francia?

Louis Boudonaud : Dipende dagli editori che traducono le opere. Ci sono sicuramente editori consensuali che guardano innanzitutto agli scrittori che hanno vinto un Premio Strega o un Premio Italo Calvino. Nel contesto dell'editoria indipendente, spesso i traduttori forniscono direttamente i lavori. È importante fare rete, viaggiare e incontrare insegnanti in Italia. Ma l’editoria sta attraversando una grave crisi, così come lo è il progresso dell’intelligenza artificiale, che cambierà il lavoro dei traduttori.

Tradurre è un lavoro difficile?

Louis Boudonaud: Tradurre è fare delle scelte, scrivere a pieno titolo. Corriamo molti rischi e pensiamo. È un settore molto invisibile, complesso e allo stesso tempo entusiasmante. Secondo me non possiamo controllare la circolazione di queste lingue anche con i cambiamenti legati all’IA.

È intrecciato tra le piccole sfumature di ogni lingua e l'umanità che ne consegue. Ma questo è un futuro, che dipende dalle scelte degli editori. Ogni traduttore ha la propria metafora per descrivere il proprio lavoro. Anna d'Elia, Italia, parla da una mappa; Altri confermano che la traduzione è altrove, altri ancora utilizzano l'immagine ovvia del marciapiede e del ponte.

Non ho mai frequentato una scuola italiana, non ho mai guardato la pagina da sola, non mi piace dividere la frase o la parola, porto sempre con me. L'essenza del testo. Cercare di toccare qualcosa oltre le parole che collega tutto.

Forse per questo mi sento come se stessi suonando una partitura che necessita di essere provata a lungo. La traduzione non è vana: un traduttore può colpire la nota sbagliata, e un traduttore può sbagliare una parola, ma l'importante è riconoscere e mantenere la precisione del respiro che danno le croci.