Aprile 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Riciclaggio rifiuti, campione europeo italiano: e non solo.

Riciclaggio rifiuti, campione europeo italiano: e non solo.

Quest’anno l’Italia non ha raggiunto molti traguardi, ma uno è importante e degno di nota: l’Italia è il primo Paese europeo a riciclare rifiuti urbani e pericolosi. Le strategie per incoraggiare i cittadini a utilizzare correttamente i rifiuti hanno ovviamente fatto passi da gigante nell’ultimo decennio e le prospettive per il futuro sono molto promettenti.

Campione d’Europa

relativo a Uno studio Gestito da Assoambiente, l’associazione che rappresenta le imprese che gestiscono i servizi ambientali e l’economia circolare, l’Italia ha il più alto tasso di riciclaggio dei rifiuti in Europa. pari all’83,2%. È un privilegio Sopra la media europea del 39,2% : Molto alto rispetto ai principali paesi sviluppati come Spagna, Francia e Germania con tassi rispettivamente del 60,5%, 54,4% e 44%. Se ci concentriamo sul tasso di circolarità materiale (la percentuale di materiale che poi viene reintrodotto nell’economia), siamo secondi in valore assoluto, lo 0,6% in meno della Francia (che arriva al 22,2%) e soprattutto della media europea del 12,8%.

Due bellissime novità al prezzo di una: Innanzitutto, abbiamo un track record di cui siamo molto orgogliosi. In secondo luogo, sappiamo già dove dobbiamo migliorare: riutilizzare materiali riciclati.

Riciclaggio dei rifiuti: gli investimenti nelle strutture possono anche generare occupazione.

Riciclaggio dei rifiuti, i territori più virtuosi

In Italia, ci sono grandi differenze tra le regioni quando si tratta di riciclaggio. Secondo i dati ISTAT, i tassi di riciclaggio sono aumentati in tutte le regioni tranne Trento e Valle d’Aosta, che sono diminuite rispettivamente dello 0,9% e dello 0,6%. tuttavia, Trento ha ancora la percentuale più alta di raccolta differenziata, pari al 76,7%. Seguono Veneto (76,1%), Sardegna (74,5%) e Lombardia (73,3%). Nonostante un piccolo calo rispetto al 2019, Trento rimane in testa alla classifica.

READ  Gas russo: boss francesi e italiani chiedono a Macron e Draghi di "annunciare misure impopolari".

C’è ancora del lavoro da fare

Nonostante l’alto tasso di riciclaggio dei rifiuti e la buona economia circolare, c’è ancora molta strada da fare per credere pienamente nell’economia circolare. Una delle maggiori sfide è aumentare il numero di impianti di lavorazione e distribuirli uniformemente in tutto il paese. L’Italia ora Sono circa 6.500Per lo più di piccole e medie dimensioni ed è prevalentemente concentrato nel centro-nord. In confronto: la Germania ne ha circa 10.000.

E, un po’ ridicolo, circa 4,2 milioni di tonnellate di rifiuti urbani e industriali vengono esportati e riciclati all’estero. Noi li ricicliamo e li vendiamo (a basso prezzo), mentre altri li riciclano e guadagnano. Il governo dovrebbe aumentare la quantità di rifiuti riciclati in Italia e creare posti di lavoro incoraggiando gli investimenti nelle fabbriche, e concentrarsi sulle energie rinnovabili per far funzionare queste fabbriche e ridurre le bollette energetiche.

È importante continuare a promuovere la raccolta differenziata Proteggere l’ambiente e minimizza l’impatto dei rifiuti sull’ecosistema. Prossimo obiettivo: campione del mondo, giusto?