Marzo 3, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Titoli di Stato, raccolte fondi record: le banche hanno a lungo preso in giro i consumatori?

Titoli di Stato, raccolte fondi record: le banche hanno a lungo preso in giro i consumatori?

E a livello globale, con servizi ridotti, costi operativi più elevati, minore disponibilità di liquidità e tassi di risparmio più bassi: le banche hanno ignorato per troppo tempo gli interessi dei loro singoli clienti? Non ci sono dubbi su questo Nicola Claësesperto di prodotti di risparmio e servizi bancari presso Testachats. colloquio.

citazioni

“Le banche preferiscono gli azionisti, non i risparmiatori.”

E con i titoli di Stato che offrono un rendimento interessante del 2,81%, il governo sta esercitando un po’ di pressione sulle banche affinché reagiscano, non è vero? ben chiamato?

Sì, è stato segnalato più di un anno fa. I margini bancari sono in aumento. Annunceranno i loro risultati e sono sicuro che gli utili aumenteranno e probabilmente ci saranno più dividendi pagati agli azionisti o riacquisti di azioni proprie. Preferiscono gli azionisti, non i risparmiatori. Non ottiene quasi nulla. Tutti hanno diritto ad una fetta della torta, ma qui tutto ruota intorno agli azionisti.

Già 2 miliardi di euro di sottoscrizioni ai titoli di Stato: una svolta?

Un buon passo per il ministro delle Finanze Vincent van Petegem, che ha subito battute d’arresto nella sua riforma fiscale…

Ci sono diversi elementi. Questo aumento, che vuole competere con i conti di risparmio, mostra, tuttavia, il fallimento della politica di aumento dei tassi di interesse all’interno delle banche. Questa campagna illustra questo fallimento.

Ma anche passare attraverso la legge dopo aver minacciato di agire contro le banche se non agiscono, giusto?

SÌ. Ma in modo specifico. Sarebbe stato meglio se ci fossero stati minimi più alti per i conti di risparmio, come richiedono alcuni partiti o istituzioni. Lì solo chi è abbonato può beneficiarne. Ricordiamo che il valore dei risparmi nei conti dei belgi è di circa 300 miliardi di euro.

READ  Quentin avverte i residenti di Suarlée della truffa alla stazione di servizio

L’argomentazione delle banche a favore del non muoversi era udibile?

NO. La distribuzione dei dividendi di miliardi di euro non è un problema per il settore, ma non appena si parla di risparmiatori, le banche tirano fuori il tema della fragilità e del rischio.

Quindi aumenteranno davvero i loro profitti?

Lo hanno già fatto nel 2022 andando forte. Vedremo, ma non mi sorprenderebbe se lo facessero quest’anno.

citazioni

“Non rovinerai il tuo piacere: i risparmiatori ne trarranno profitto.”

E a livello politico il commento?

Ma torniamo all’altro lato: sì: il ministro delle Finanze ha fallito la sua riforma fiscale. Aveva bisogno di colpire gli elettori. Ma non bisogna reprimere la sua felicità: i risparmiatori devono trarne profitto. Dopodiché non dovrai necessariamente investire tutti i tuoi risparmi in titoli di stato.

Buon piano per il Belgio o no?

Sappiamo che il debito è elevato, così come lo è il deficit. Diciamo che il successo dei titoli di stato dimostra che il Belgio non è troppo dipendente dai prestiti sui mercati. È un buon segno.

Le banche hanno ignorato per troppo tempo gli interessi dei loro clienti?

Le banche sono sempre più alla ricerca di redditività. Quindi c’è un calo dei servizi. So che ci sono meno viaggi nelle agenzie e un minore utilizzo di contanti. Ma questo esclude parte della popolazione. Non dimentichiamo che le banche hanno una missione minima di servizio pubblico. Tendono a rompere con lui. Tuttavia, lo Stato interviene quando il settore incontra difficoltà.

Assisteremo ad un aumento dei tassi di interesse o le banche ignoreranno il segnale?

Vedremo. Nel frattempo, le piccole banche sono le più colpite e le più messe alla prova dalla banconota statale. Agli adulti potrebbe non interessare, ma non lo diranno. Ma spero davvero di sbagliarmi.

READ  Il reattore Doel 2 si riavvierà sabato mattina | Belgio

Per informazioni e per sottoscrivere titoli di Stato è possibile rivolgersi direttamente all’Agenzia Federale del Debito E questo cancelloOppure tramite la tua banca dietro commissione.

-> Recensione del numero del 7 giugno 2023: