Aprile 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Tirreno-Adriatico | Jonas Fingegaard ha paura: “Sono più in forma rispetto allo scorso anno”

Tirreno-Adriatico |  Jonas Fingegaard ha paura: “Sono più in forma rispetto allo scorso anno”

È facilmente classificabile come uno “specialista assoluto dei Grand Tour”. E anche il Tour de France. Ma Jonas Vingegaard tende a diventare qualcosa di più. Probabilmente non svilupperà un eclettismo degno di Tadej Pogacar: i selciati delle Fiandre potrebbero esplodere. Probabilmente non potrà mai competere con Remco Evenepoel, specializzato in raid solitari di media montagna. Ma il danese sa anche vincere alla grande e non solo nella classifica generale.

Sabato è apparso da solo in vetta al Monte Petrano. Il giorno prima aveva vinto da solo, prendendo il controllo della Tirreno-Adriatico. La sua riapplicazione non era una necessità urgente. “È solo perché mi piace vincere“, ha sorriso Vinjegaard durante l'intervista al vincitore, utilizzando una formula suggerita dal suo intervistatore. Con 33 successi professionali, di cui 28 dall'inizio della stagione 2022, il leader di Visma | Lease a Bike è forte.

Vingegaard: “L'ho fatto oggi perché mi piace vincere”

“Stiamo cercando il piccolo mostro.”

Lo ha fatto anche nel World Tour, a partire da marzo, quando fu dominato da Pogacar durante il Tour del Bahrain di due anni fa, per poi essere battuto nuovamente dallo sloveno – e anche da David Gaudu – nella finale della Parigi-Nizza. anno. “Penso di essere più in forma rispetto allo scorso anno e alla stagione precedente (Allo stesso tempo)”, è considerato il due volte campione della Grand Boucle, che sarà incoronato domenica, al termine della tappa finale riservata ai velocisti.

“Sabato ha vinto con 26 secondi di vantaggio, il giorno successivo una completa dimostrazione di forza, in salita, in discesa e poi in pianura (1'12 pollici di vantaggio). Quindi, questo fine settimana, è stato meno travolgente. “Non lo vediamo sempre così scontroso“, ha osservato Jacky Durand su Eurosport, senza considerare questo motivo di preoccupazione per il danese. “Stiamo cercando il piccolo mostro, Vengeard sopra gli altriPhilippe Gilbert ha continuato durante la sesta fase finale.

READ  23 o 26 giocatori agli Europei? Lo ha deciso la commissione UEFA

Il semplice fatto che questa discussione possa aver luogo durante una gara riflette la mancanza di suspense. Ciò testimonia il dominio di Jonas Vengegaard sulla concorrenza ancora forte: Juan Ayuso e Jay Hindley (seconda e terza tappa decisiva, oltre alla classifica generale) sono due dei migliori scalatori del mondo, e rispettivamente terzo. Vuelta 2022 e vincitore del Giro nello stesso anno. Ma di fronte a questo “Vingo”, sembra non esserci più nulla da fare. Potrebbe essere più forte a luglio.

immagine

Il momento decisivo: la rottura e la scomparsa del missile Vingguard