Giugno 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Tassare i miliardari non è più fantascienza

Tassare i miliardari non è più fantascienza

Una tassa che pensavamo impossibile Che verrà attuato ed entrerà in vigore (in circa 140 Paesi, compreso il Belgio). Da febbraio, le multinazionali con un fatturato superiore a 750 milioni di euro sono costrette a pagare un’imposta pari ad almeno il 15% sui loro profitti, ovunque siano stabilite.

Cosa è possibile per le multinazionali Questo vale anche per gli individui e, in particolare, per i miliardari da 3.000 dollari del pianeta? Ne stiamo parlando seriamente, soprattutto all’interno del G20. Lo scorso febbraio, l’economista Gabriel Zucman ha spiegato ai rappresentanti del G20 come potrebbe essere una misura del genere. Sarà un’imposta del 2% sul reddito reale e un’imposta mista (sul reddito e sulla ricchezza) perché a questo livello di ricchezza, gran parte del reddito viene ridefinita come plusvalenze detenute in società di partecipazione. Molti grandi produttori di denaro, non particolarmente cripto-comunisti, sono intervenuti. Il ministro delle Finanze francese Bruno Le Maire ha annunciato di sostenere tale tassa, così come l’amministrazione Biden, che sta spingendo per riforme in questa direzione anche negli Stati Uniti.

Alcune di queste grandi fortune sono arrivate al punto di sfidare gli Stati Uniti.

Attenzione all’amalgama. In patria, nel discorso pre-elettorale, molti, in una grande ondata di populismo, confondono coloro il cui patrimonio ammonta a 1, 2 o 5 milioni con coloro la cui ricchezza è stimata in miliardi. Questo non c’entra nulla, si tratta infatti di un grido di preoccupazione lanciato da 400 imprenditori del Paese pochi giorni fa. Questi padroni sono giustamente preoccupati per questa volontà di sottrarre denaro ai proprietari del capitale dell’impresa familiare, cosa che ne indebolirebbe lo sviluppo, confondendo il capitale con il reddito che da esso si può ricavare oppure no. Per essere chiari, gli ultra-ricchi sono quei pochi individui globali con un patrimonio netto molto elevato il cui reddito ammonta a centinaia di milioni all’anno e la cui ricchezza è diventata quasi sistemica. Se Jeff Bezos, Elon Musk o Mark Zuckerberg dichiarassero bancarotta personale domani, avremmo tutte le possibilità di un crollo del mercato azionario.

READ  Liberi professionisti soffocati dai prezzi alti del carburante: "Falso aumento!"

Ci sono diversi argomenti Chi sostiene questa “tassa miliardaria”. Il primo, che spieghiamo nel nostro dossier di copertina, è che alcune di queste grandissime fortune hanno raggiunto il punto di sfidare le nazioni. Una tassa riequilibrerebbe un po’ questo gioco di potere. Inoltre, la maggior parte degli studi mostrano che le mega-ricchezze hanno registrato rendimenti annuali in media tra il 7% e l’8% negli ultimi 20-30 anni, rispetto a solo il 3% o 4% per gli asset medi. Quando sarai molto ricco, avrai accesso a maggiori opportunità di investimento e maggiori competenze per gestire le tue risorse. Pertanto, un’imposta del 2% eroderebbe solo una parte di questo rendimento in eccesso, reintroducendo così una certa concorrenza nel mercato dei capitali e nell’economia più in generale.

Tale tassa consentirebbe anche Per rimpolpare le casse pubbliche: potrebbe portare 40 miliardi di euro l’anno solo ai Paesi europei. Infine, c’è l’equità fiscale. È chiaro che i ricchi oggi pagano un’imposta sproporzionata, molto inferiore al 99,99% del resto della popolazione.

Questa doppia necessità – Aumentare le tasse e migliorare l’equità fiscale – Ha reso possibile, nel giro di una decina d’anni, con grande sorpresa degli infedeli, imporre alle multinazionali un’imposta minima del 15%, oggi in vigore in 136 paesi. Questa combinazione di elementi potrebbe anche creare una tassa minima sui super-ricchi. Non è più fantascienza.