Giugno 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Proiettile d’artiglieria da 155 mm prodotto a Nivelle: “Soddisfa le esigenze della difesa belga”, ma aiuterà anche l’Ucraina

Proiettile d’artiglieria da 155 mm prodotto a Nivelle: “Soddisfa le esigenze della difesa belga”, ma aiuterà anche l’Ucraina

Questa è la prima volta per noi, poiché a Nivelle verrà presto prodotto un proiettile di artiglieria da 155 mm. Ciò soddisfa due esigenze: rafforzare la nostra difesa e aiutare l’Ucraina, che soffre di carenza di armi. Il gruppo franco-tedesco KNDS spera di produrre 30.000 proiettili di questo tipo entro un anno.

Ecco questo guscio da 155 mm sviluppato da KNDS. Sta inaugurando una futura linea di produzione che fornirà 30.000 proiettili all’anno a partire da giugno 2025.Qui ci limiteremo ad effettuare le cosiddette lavorazioni passive, ovvero lavorazione meccanica, trattamento superficiale con fosfatazione e verniciatura.“, afferma Christophe Meunier, amministratore delegato della compagnia d’armi. “Per motivi di sicurezza, i nostri permessi attualmente non ci consentono di riempire questo tipo di proiettili con esplosivi. Ma ci accontenteremo di realizzare la parte completamente inerte di questi gusci”.

Un ma chiaro

Lo scopo di questo progetto è chiaro partecipando all’Europa della difesa. Rafforzare le nostre basi industriali soddisfacendo al tempo stesso le esigenze dell’Ucraina, che non dispone di questo tipo di armi. Perché l’Ucraina spara ogni giorno tra i 5.000 e gli 8.000 proiettili. “Innanzitutto, rafforzare i nostri eserciti e rifornire le nostre scorte di munizioni per raggiungere un livello di deterrenza sufficiente a garantire la pace in Europa.“, afferma Ludivine Didondre, ministro della Difesa.“Soddisfa anche le esigenze della difesa belga in termini di ricostruzione delle sue capacità di artiglieria.”

READ  Fine dei veicoli termici: in 27 ratificano l'accordo bloccato da Berlino, verso auto a 'emissioni zero' nel 2035



L’azienda franco-tedesca investe 10 milioni di euro di fondi propri per produrre un proiettile di questo calibro. Considerata la situazione geopolitica, un proiettile di queste dimensioni ha un impatto molto maggiore in combattimento. “Si stima che quando un proiettile colpisce il suolo, venga interessata un’area grande circa quanto un campo di calcio.“, spiega Christophe Meunier.

Il Ministro della Difesa e la compagnia armatrice KNDS hanno firmato questa mattina una partnership strategica. 4.000 unità saranno riservate all’esercito belga nei prossimi 20 anni.