Maggio 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Svezia, sconvolta dalla retrocessione in P3

Svezia, sconvolta dalla retrocessione in P3

La Svezia prende molto sul serio la partita contro il Belgio. Miglior indizio: il gioco è esaurito. Cinquantamila persone cercheranno di spingere la loro squadra verso lo sfruttamento della vulnerabilità, dopo le ultime due campagne disastrose.

La nazionale svedese, infatti, non ha ancora affrontato la questione della mancata qualificazione ai Mondiali. Nell’ultimo playoff ha perso (2-0) in Polonia ed è andata molto male. Zlatan Ibrahimovic ha avuto problemi al ginocchio ed è arrivato solo al 79′.

Era solo l’inizio della vergogna della Svezia. Nella Lega B della Società delle Nazioni è arrivata ultima nel proprio girone con 4 su 18. La prossima stagione sarà retrocessa nella Lega C – P3 – e questo è considerato un insulto dall’opinione pubblica. La scusa di Coach Anderson è valida: per tutto il 2022 i ritiri sono raddoppiati.

Nelle ultime quattro partite – contro Messico, Algeria, Finlandia e Islanda – la Svezia ha vinto. Erano partite amichevoli, ma faceva bene al morale. Hanno riportato positività nella squadra.

Ma è soprattutto il giocatore di Zlatan che deve riaccendere la fiamma. Nonostante abbia 41 anni, il suo impatto sulla squadra è enorme. Alla sua conferenza stampa di martedì hanno partecipato tutti i tifosi di calcio. Per più di mezz’ora si è occupato dello spettacolo, in particolare pubblicizzando il Qatar.

Il fatto di aver potuto giocare ancora quattro partite con il Milan – tre partite e una parentesi – e di aver segnato un gol dal dischetto fa sognare agli svedesi una grande presenza contro i belgi.

L’allenatore Anderson ha cercato di enfatizzare la positività invece di parlare dell’orribile anno che è stato il 2022. Il suo argomento principale? La Friends Square porta fortuna alla nazionale svedese nelle partite di qualificazione ai Mondiali e agli Europei. La sua ultima sconfitta nelle qualificazioni risale infatti all’8 settembre 2015 – quindi otto anni fa – contro l’Austria (1-4).

READ  Jannik Sinner sogna in grande: "Se potessi svegliarmi ed essere Federer per un giorno..."

Eva Teldman