Dicembre 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Formula 1 | La FIA è a disposizione per indagare sulla caduta di Perez a Monaco

La polemica sugli ordini di squadra tra Max Verstappen e Sergio Pérez a Interlagos ha fatto divampare le polemiche: sono riaffiorate voci, alimentate dalla stampa olandese, su un possibile deragliamento volontario di Sergio Pérez nel Q3 a Monaco. Lo stesso Max Verstappen aveva sospettato che il messicano avesse mancato la curva Portier per impedirgli di completare il giro…

Ma siamo ancora lontani dall’imposizione di una sanzione a Sergio Perez, o addirittura dall’apertura di un’inchiesta ufficiale.

Nessuno ha approfittato della FIA al momento, ha detto Mohammed bin Sulayem ad Abu Dhabi – e la federazione non si muoverà fino a quando non saranno presentate nuove prove da una terza parte esterna. Ma il presidente della federazione degli Emirati Arabi Uniti si dice anche aperto a indagini se necessario…

Nessuno mi ha detto che volevano che indagassimo. »

“Ma se c’è qualcosa da esaminare, siamo più che felici di farlo. Una cosa che direi davvero è che non sono timido o impaurito di indagare o andare se c’è un problema. Non mi nasconderò”.

“Alzerò anche la mano e chiederò se c’è un problema con la FIA. Altrimenti, se non posso farlo, non migliorerai e non svilupperai mai. Te lo posso assicurare”.

Mohammed bin Sulayem torna sulla polemica di Abu Dhabi

In ogni caso, l’ultima grande contesa in Formula 1 rimane, ovviamente, il Gran Premio di Abu Dhabi 2021, con la gestione di questa famosa safety car, entrata in pista dopo l’incidente della Williams Nicholas Latifi.

La FIA ha pubblicato un rapporto In questo incidente: è stato colto per errore umano da Michael Masi, direttore di gara della FIA; Ma era deluso di non fornire un’analisi completamente esauriente, o di non dare la parola allo stesso Massey… perché aveva firmato un accordo di riservatezza.

READ  La giornata pazza di Wout van Aert e Jumbo Visma: "Era tutto pronto, ma che sorpresa e che piacere vedere Mathieu al volante"

Ancora una volta la FIA è stata accusata di mancanza di trasparenza.

Ma Mohammed bin Sulayem (che ha appena assunto le sue funzioni nella FIA lo scorso anno in questo momento) ha dato (metà) la sua responsabilità, un anno dopo questo Gran Premio, su questo circuito di Yas Marina. Sostiene che da allora la FIA è progredita verso una maggiore trasparenza.

“Ti capisco quando lo dici in quel momento, riferisci [d’Abu Dhabi] Forse non era abbastanza. Ma la trasparenza… è stato un buon tentativo di trasparenza. »

“Ho ereditato qualcosa. E non ho intenzione di incolpare nessuno. Ma quando l’ho ricevuto, ho imparato di più sulla trasparenza”.

“Ho dovuto fare un cambiamento nella mia amministrazione. Quindi ci sono stati dei cambiamenti. Ci sono stati cambiamenti nella Segreteria Generale dello Sport, ci sono stati cambiamenti in molte aree. E ora stiamo facendo di nuovo dei cambiamenti perché ci stiamo evolvendo”.

E Mohammed bin Sulayem per fare l’esempio dell’incidente avvenuto a Suzuka (gru in pista senza safety car)… forse non il più appropriato, però, perché la FIA guardava allora, nel suo report. Dai la colpa a Pierre Gasly.

“Ora sulla trasparenza… forse vai in Giappone e vedi che problema abbiamo.”

“Abbiamo preparato un rapporto completo e poi lo abbiamo pubblicato sul sito web della FIA prima della prossima gara per assicurarci di non avere nulla da aggiungere dopo la consultazione”.

Quali futuri direttori di gara per la F1?

La decisione forte presa da Mohammed bin Sulayem, dopo Abu Dhabi, è stata quella di licenziare Massi e sostituirlo con il duo Eduardo Freitas-Nils Wittich.

READ  Programma televisivo del Gran Premio d'Austria 2022

Ma anche la soluzione ha vacillato: Eduardo Freitas è stato licenziato dopo i fatti in Giappone. e altri, E Muhammad bin Sulayem aveva ammesso che questo duo non è altro che una benda… (facciamo meglio come complimento)!

Quindi Mohammed bin Sulayem difende il suo record su quest’altro punto critico per la FIA…

“Siamo su una curva di apprendimento”.

“Prima di tutto Michael, sono in contatto con lui. Michael ha molta esperienza, ma posso dire che in F1, se vuoi fare il tuo lavoro, devi anche stare alla larga dai media, perché loro possono entrare onestamente nella tua mente.

Ma il processo che abbiamo ora è in corso. E direi che non possiamo contare su uno o due direttori di gara. E se succede qualcosa? »

“Questo sport sta crescendo, e questa è la Formula 1, non possiamo gestirla come una formula normale. Dobbiamo gestirla come la Formula 1. Fidati di me. Ci vuole tempo”.

“Ma mi fido della squadra attuale che abbiamo con i direttori di gara, e anche con i commissari. »