Settembre 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Siria: 123 morti in 4 giorni di combattimenti tra curdi e jihadisti

I combattimenti sono iniziati dopo che l’Isis ha attaccato una prigione.

Tempo di lettura: 1 minuto

SPiù di 120 persone, la stragrande maggioranza dei combattenti, sono state uccise in quattro giorni di scontri tra lo Stato islamico e le forze curde in Siria, ha affermato domenica un’organizzazione non governativa.

Gli scontri sono scoppiati dopo un attacco lanciato dall’Isis, giovedì sera, alla prigione di Ghweran, una delle più grandi concentrazioni di jihadisti in Siria, presidiata dalle forze curde. L’Osservatorio siriano per i diritti umani ha affermato che “77 jihadisti e 39 combattenti curdi sono stati uccisi” e “sette civili”.

L’attacco è il più grande dalla sconfitta dell’ISIS nel 2019 nella Siria dilaniata dalla guerra da parte delle forze democratiche siriane dominate dai curdi, sostenute dalla coalizione internazionale anti-jihadista guidata dagli Stati Uniti.

Migliaia di jihadisti sono stati arrestati nel nord e nord-est del Paese, terre sotto il controllo delle autorità curde. Tuttavia, il gruppo è ancora in grado di effettuare attacchi mortali grazie alle cellule dormienti. La prigione, situata nella città di Hasaka, ospita circa 3.500 sospetti membri dell’ISIS, compresi i leader del gruppo estremista, secondo l’OSDH.

READ  "La Russie ne peut se pensioner d'Ucraina, car le Kremlin n'avait pas le choix"