Giugno 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Sentinel-1 rappresenta un vero progresso nella scienza archeologica”.

“Sentinel-1 rappresenta un vero progresso nella scienza archeologica”.

Il continuo miglioramento della tecnologia spaziale tocca altri temi scientifici, a cominciare dall’archeologia. 8 febbraio 2024, recensione Rapporti scientifici È stato pubblicato uno studio scritto da Florent Michenot, dottorando presso CentraleSupélec. Quest’ultimo si è poi concentrato sullo studio di diversi siti in Francia e in America Centrale, utilizzando i dati acquisiti dal sistema satellitare Sentinel-1 nell’ambito del programma europeo Copernicus. Sotto la supervisione di Laetitia Thirion Lefebvre, Israel Hinostroza e Régis Genvarque, ricercatori e professori di CentraleSupélec, il team è riuscito a identificare le strutture nascoste nella foresta. Un lavoro meticoloso che i quattro accademici hanno accettato di commentare in un’intervista alla rivista Futura.

Futura: Innanzitutto credo che sarebbe interessante definire la differenza tra la tecnologia SAR, che stai sfruttando nel tuo studio, e la tecnologia LiDAR.

Letitia Tyrion Lefebvre :Sia con SAR (Radar ad Apertura Sintetica) che LiDAR (Rilevamento e misurazione delle immagini laser)), inviamo onde da un dispositivo ad una certa altezza che le rifrangono sulle superfici sottostanti. Misuriamo il tempo impiegato da queste onde per propagarsi. Ciò si ottiene con l’aiuto di laser per LiDAR o onde radio per SAR. LiDAR fornisce una risoluzione fino a nanometri con LiDAR e pochi centimetri per SAR.

Futura: Noti qualche discrepanza nella precisione tra le due tecniche?

Fiorenzo Michino : Le prestazioni LiDAR sono molto migliori. La distanza tra il dispositivo e il suolo gioca un ruolo nella qualità dei dati raccolti, così come la differenza d’onda tra SAR e LiDAR. Se decidiamo di integrare la tecnologia Sentinel-1 in un aereo, come avviene con il LiDAR e quindi più vicino al suolo, la precisione sarà comunque inferiore rispetto ai dati acquisiti dai laser.

Regis Genevarke : C’è anche una notevole differenza nei costi operativi. L’utilizzo di un aereo per la ricerca LiDAR è molto costoso. Per SAR, si tratta di immagini gratuite acquisite in un fotogramma Programma CopernicoProgramma Copernico. Accordo tra la Commissione europea eAgenzia spaziale europeaAgenzia spaziale europea (ESA) fornisce ai ricercatori un database ottenuto in Ruota in orbitaRuota in orbita Dal duo Sentinel-1.

READ  Conflitto israelo-palestinese - Il personale del Centro sanitario Al Awda di Rafah è ancora al lavoro

Futura: Le immagini fornite dall’ESA sono gratuite, ma comporta costi aggiuntivi per condurre la ricerca?

Fiorenzo Michino : La nostra tecnologia è molto economica, soprattutto grazie alle immagini gratuite. Paghiamo le cure e le bollette. Potremmo utilizzare un servizio Cloud computingCiò che usiamo di più è Google EarthGoogle Earth motore. Crei un account, inserisci righe di codice e Google esegue i calcoli per te. Per LiDAR, devi noleggiare l’aereo e l’attrezzatura e pagare il pilota…

Letitia Tyrion Lefebvre : LiDAR è molto costoso. Una missione aerea può costare rapidamente da diverse decine a centinaia di migliaia di euro.

Regis Genevarke : La tecnologia SAR consente inoltre di ridurre i costi consentendo di effettuare “ricognizioni” su vaste aree geografiche. Possiamo quindi restringere la regione e poi perché non inviarlo AereiAerei LiDAR e squadre di terra per ottenere più dati.

Futura: Speri di raggiungere un’integrazione con altri ambiti di studio, esplorando ambiti inesplorati o inaccessibili?

Letitia Tyrion Lefebvre : Dobbiamo tenere presente che non potremo mai essere sicuri al 100% di cosa si trova sotto la parte superiore dello schermo gli alberigli alberi. I dati ottenuti dal SAR permettono di determinare se esistono strutture, senza poter confermare lo stato dei resti. Ma se decidiamo che esiste un’alta probabilità di scoprire templi nascosti dietro la foresta, ha più senso utilizzare la tecnologia LiDAR. L’Agenzia spaziale europea ci ha recentemente contattato per rendere disponibili i dati per il monitoraggio dell’intero Sud America.

Futura: Se si scopre un luogo inesplorato, qual è il passo successivo?

Regis Genevarke : A seconda della zona, contatteremo gli archeologi nelle vicinanze. L’obiettivo è creare un progetto e sbloccare i fondi. Questo è chiaramente uno dei fattori più importanti per garantire la continuità aziendale.

READ  I nostri consigli per scegliere la migliore mutua sana per anziani (prezzo, situazione, ecc.)

Letitia Tyrion Lefebvre La difficoltà sta nel convincere gli scienziati a scambiarsi informazioni tra loro. Anche a volte in campi relativamente simili, concetti e vocaboli diversi possono essere inaccettabili. Pertanto, il dialogo può richiedere tempo.

Futura: Pensi che l’emergere di queste tecnologie possa dare nuova vita alla scienza archeologica?

Letitia Tyrion Lefebvre : Possiamo svolgere un enorme lavoro prima della ricerca, il che rende possibile ridurre lo spazio di ricerca per gli archeologi con l’aiuto di queste tecnologie. Ma non sostituiamo il lavoro sul campo che svolgono nei siti di scavo.

Regis Genevarke : Dobbiamo essere in costante dialogo con gli archeologi, per determinare cosa dovremmo effettivamente cercare. Saranno gli archeologi a dirci quali oggetti possiamo cercare. Vale la pena notare che la nostra area di competenza non è l’archeologia.

Futura: È necessariamente una collaborazione interdisciplinare?

Letitia Tyrion Lefebvre : Se studiamo la superficie terrestre con Copernicus, saremo più efficienti, ad esempio, nel lavorare con specialisti ambientali! Il nostro piano era quello di scoprire siti di prospezione dell’oro utilizzando Sentinel-1: poi dovevamo parlare con gli urbanisti o i militari per avere un’idea degli edifici e delle strutture costruite dai cercatori d’oro.

Israele Hinostroza : Incontriamo differenze significative riguardo alla firma elettromagnetica delle strutture rilevate da Sentinel-1. Pertanto è essenziale la collaborazione con le comunità scientifiche, senza la quale non potremo sfruttare i dati.

Futura: Quanto tempo ci vuole per studiare un sito come Lamanai nel nord del Belize?

Fiorenzo Michino : Quando so dove si trova il sito, può essere molto veloce. Per scaricare le immagini può essere necessaria circa un’ora. Il pretrattamento dura mezza giornata mentre il secondo trattamento dura mezza giornata. Dovrò poi cercare di determinare se è possibile scoprire qualche edificio, compito reso più semplice dalla tecnologia Motore di Google Earth. La complessità sta nella distinzione tra rilievi del terreno e strutture artificiali.

READ  Gli integratori alimentari possono danneggiare il fegato!

Futura: Hai intenzione di recarti sul posto dopo la rivelazione?

Letitia Tyrion Lefebvre : Preferiamo andare in luoghi monitorati da Sentinel-1. Questo ci permette di comprendere il lavoro sul campo. Soprattutto, possiamo identificare gli elementi che causano approssimazioni o errori. Un’immagine radar non può essere interpretata come un’immagine visiva e impariamo molto dai nostri errori.

Regis Genevarke : Lavoriamo con Natural Resources Canada (NRCan) nelle foreste boreali canadesi. Abbiamo già visitato il sito per analizzarne la topografia e la distribuzione ClassificareClassificare. Quindi stabiliamo a NegozioNegozio Che utilizziamo durante il lavoro successivo.

Futura: Il tuo lavoro non sostituirà le ricerche condotte dagli archeologi in questo campo?

Letitia Tyrion Lefebvre : Come ho detto prima, non sostituiremo mai gli esperti sul campo, che possono monitorare e analizzare gli elementi in tempo reale. Ogni persona ha la propria area di specializzazione.

Regis Genevarke È facile ottenere mappe, formulare ipotesi e creare algoritmi, ma più difficile da convalidare. Questo è fondamentale e richiede tempo. La verità fondamentale si ottiene frugando negli archivi alla ricerca di opere archeologiche o comunicando con gli archeologi presenti sul sito. In questo modo, il programma Copernicus e la tecnologia SAR sono di bene pubblico e consentono una collaborazione scientifica davvero ampia tra molte discipline!

Intervista di Dorian de ChamemeisterDorian de Chamemeister