Febbraio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Senegal: centinaia di manifestanti sono stati dispersi con gas lacrimogeni e pietre lanciate contro la polizia

Senegal: centinaia di manifestanti sono stati dispersi con gas lacrimogeni e pietre lanciate contro la polizia

Uomini e donne di tutte le età, sventolando le bandiere del Senegal o indossando la maglia della nazionale di calcio, si sono radunati nel primo pomeriggio verso una rotonda in una delle strade principali della capitale, su invito di diversi candidati.

Le forze della gendarmeria, schierate in gran numero, hanno sparato pesanti colpi di fuoco e gas lacrimogeni per disperderli. Sono poi penetrati a piedi o con camioncini nei quartieri circostanti per inseguire i manifestanti in fuga. Poi furono sottoposti a molti colpi di pietre.

I giovani cantano “Dittatore Macky Sall!” Si è impegnato a istituire posti di blocco con mezzi temporanei.

Uno dei candidati alla presidenza, Daoud Ndiaye, ha pubblicato un messaggio sui social network in cui affermava di essere stato sottoposto a un “trattamento brutale” da parte della polizia e riferiva che alcuni dei suoi collaboratori erano stati “arrestati”.

Sono i primi scontri dopo che il presidente Macky Sall ha annunciato, sabato, il rinvio delle elezioni presidenziali dal 25 febbraio.

Uno dei manifestanti, Demba Ba (36 anni), ha detto all’Agence France-Presse: “Siamo usciti per dire no a questo crimine, no a questo colpo di stato costituzionale”.

Il rinvio delle elezioni presidenziali ha fatto scalpore e fatto temere un attacco di febbre in un Paese conosciuto come un’isola di stabilità dell’Africa occidentale, ma che dal 2021 è testimone di diversi episodi di sanguinosi disordini.

Questo annuncio ha suscitato preoccupazione anche all'estero.

Diversi candidati dell'opposizione hanno annunciato alla stampa la loro decisione di ignorare la decisione del presidente Sall e di continuare la campagna elettorale domenica.

L’Unione Europea e la Francia, partner importanti per il Senegal, hanno sottolineato che il rinvio delle elezioni presidenziali ha aperto un periodo di “incertezza” e hanno chiesto che le elezioni si svolgano “il più presto possibile”.

READ  Stati Uniti: Donald Trump condannato a New York per "tocco sessuale"

Gli Stati Uniti e l'organizzazione regionale ECOWAS, di cui il Senegal fa parte, hanno espresso preoccupazione e hanno chiesto alle autorità di fissare rapidamente una nuova data.

Sabato, poche ore prima dell'apertura ufficiale della campagna, il presidente Sall ha annunciato l'annullamento del decreto di convocazione del collegio elettorale per il 25 febbraio.

È la prima volta dal 1963 che le elezioni presidenziali a suffragio universale diretto vengono rinviate in Senegal, un Paese che non ha mai subito un colpo di stato, una rarità nel continente.

Il presidente Sall ha citato il conflitto scoppiato tra il Consiglio costituzionale e l'Assemblea nazionale dopo l'approvazione definitiva da parte del tribunale di venti candidati e la cancellazione di decine di altri candidati.

Lunedì i rappresentanti si incontreranno per discutere un progetto di legge che rinvia di sei mesi le elezioni presidenziali, ha appreso dal Parlamento l'Agence France-Presse. Per essere approvato il testo dovrà essere approvato da 3/5 dei 165 rappresentanti.

Si prevede che questa discussione rappresenterà un altro punto culminante della crisi e l'approvazione del testo non sembra certa.

Su iniziativa di Karim Wade, il candidato fallito che ha messo in dubbio l'integrità di due giudici costituzionali e ha chiesto il rinvio delle elezioni, il Consiglio ha deciso la scorsa settimana di formare una commissione d'inchiesta sulle condizioni per l'approvazione delle candidature.

Contrariamente a tutte le aspettative, i rappresentanti del campo presidenziale hanno sostenuto questo approccio. Ciò ha scatenato una dura disputa sulla separazione dei poteri, ma ha anche sollevato dubbi sul piano del governo di rinviare le elezioni presidenziali ed evitare la sconfitta. Il candidato del campo presidenziale, il primo ministro Amadou Ba, compete tra le sue fila e affronta i dissidenti.

READ  Tensioni in Ucraina: les États-Unis vont déployer 3.000 militari in Europa dell'Est

Al contrario, il candidato antiregime Basseiro Diomai Faye, la cui candidatura è stata ratificata dal Consiglio costituzionale nonostante sia in carcere dal 2023, si è affermato nelle ultime settimane come un candidato credibile alla vittoria, uno scenario da incubo per il campo presidenziale.

Secondo la legge elettorale, il decreto che fissa la data delle nuove elezioni presidenziali deve essere pubblicato entro 80 giorni prima del voto, che nella migliore delle ipotesi porterebbe alla fine di aprile.

La presidente Sall rischia quindi di rimanere in carica anche dopo la scadenza del suo mandato, prevista per il 2 aprile, creando ulteriori incognite.