Febbraio 27, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sullo sfondo della rabbia sociale, Miley ottiene la sua prima vittoria legislativa

Sullo sfondo della rabbia sociale, Miley ottiene la sua prima vittoria legislativa

Il 2 febbraio questo testo, intitolato “Legge Fondamentale e Punti di Partenza per la Libertà degli Argentini”, ha compiuto un primo passo decisivo. Il Congresso approvò la legge con 144 voti favorevoli e 109 contrari.

Debolezza parlamentare

Poche ore prima del voto, Javier Miley ha lanciato un avvertimento ai parlamentari: “Il tempo del dibattito è finito. È tempo che i legislatori decidano se stanno dalla parte della libertà degli argentini o dalla parte dei privilegi della repubblica corporativa”.

La lettera rivelava una certa eccitazione. festa di Miley, La Liberté Avance ha solo 38 deputati in circolazione. La debolezza parlamentare ha spinto il governo a fare molte concessioni per raggiungere un accordo su questa legge.

Oltre un centinaio di articoli – tra cui l’intera sezione fiscale e la privatizzazione del colosso petrolifero YPF – sono stati trascurati. Nonostante le intense discussioni in Aula, la maggior parte del testo è stata infine negoziata a porte chiuse, negli uffici del presidente del Parlamento Martin Menem, suscitando il malcontento dell’opposizione. “Non ci sono parole per descrivere quanto vergognosamente sia stata trattata questa legge”. Lo ha denunciato Miriam Bregman, rappresentante della sinistra.

Chi è Javier Miley, il candidato anti-regime, eletto presidente dell'Argentina?

Privatizzazioni di massa e pieni poteri

La rabbia è aumentata anche nelle strade. Per tre sere, di fronte ad un Congresso completamente fortificato e di fronte a un'imponente forza di polizia, migliaia di persone hanno manifestato e cantato “La patria non è in vendita.”

La legge adottata dal Congresso prevedeva la privatizzazione di una quarantina di imprese (tra cui il canale pubblico Telam, le poste, la compagnia aerea Aerolineas Argentinas e tutte le compagnie ferroviarie). “Sappiamo molto bene cosa significano queste privatizzazioni, perché le abbiamo già sperimentate sotto (Carlos) Menem, negli anni ’90… Ci saranno licenziamenti di massa”. spiega Mariano, il macchinista, che sa già di essere al centro dell'attenzione. Per diverse settimane, ha notato che la frequenza dei treni su cui viaggiava era stata dimezzata: “Il governo sta sabotando il nostro lavoro finché la popolazione non accetterà la privatizzazione”. Lui protesta.

READ  Quand une fuite de données d'un service de livraison en Russie révèle des informations sur des agent secrets russes

Patricia, infermiera cinquantenne, è preoccupata per “l’emergenza economica”. Questa misura eccezionale rimane nella nuova versione della legge e consentirebbe all’esecutivo di governare senza parlamento per un massimo di due anni, in diversi settori chiave. “Come persona che ha vissuto la dittatura (1976-1983), non ho parole per esprimere quello che provo… Come siamo arrivati ​​a questo punto?”

In Argentina, Javier Miley l'ha già testato per strada: “Maele crede di poter fare quello che vuole con l'Argentina e che la gente glielo permetterà”.

“Sostanze chimiche aggressive” utilizzate dalla polizia

Il giorno prima dell’approvazione del testo, intorno alle 21, c’erano solo poche centinaia di manifestanti in piazza del Congresso quando i motori della polizia hanno cominciato a rombare. Pochi secondi dopo, la polizia ha sparato proiettili di gomma tra i fischi degli attivisti. In totale, circa 100 persone sono rimaste ferite, tra cui diverse alla testa. Tra loro c'erano una trentina di giornalisti e diversi membri di organizzazioni per i diritti umani, tra cui l'avvocato Mathias Overy, che ha riportato una grave lesione agli occhi.

All'inizio della giornata, c'era un uomo che si contorceva dal dolore sul marciapiede, con la faccia cremisi. Aveva ricevuto in faccia un liquido tossico molto sgradevole, secondo quanto osservato gratuito, causando a molti manifestanti forti dolori alla pelle per diversi giorni. I fatti sono stati confermati il ​​giorno successivo dal Centro de Estudio Legales y Sociales (CELS). Lo conferma l'organizzazione che ha presentato ricorso alla Corte interamericana dei diritti dell'uomo “Secondo numerose prove fotografiche, queste sostanze chimiche aggressive sono state spruzzate direttamente sui volti dei manifestanti senza alcuna ragione per giustificare il loro uso se non quella di disperderli”.

READ  Mubasher - La guerra in Ucraina: una persona è morta nel bombardamento di un centro per sfollati in Russia

Martedì prossimo è in programma il secondo turno

Questo uso sproporzionato della forza si inserisce nel contesto di rigide misure di sicurezza, incarnate da Patricia Bullrich, ministro della Sicurezza, che ha presentato un nuovo “protocollo” che criminalizza le manifestazioni all’inizio di dicembre.

I rappresentanti dell'opposizione hanno lasciato la sala per denunciare le azioni della polizia. Anche i ranghi moderati dell’URSS (centrodestra), che hanno votato in maggioranza a favore della legge, hanno descritto i metodi della polizia come “Una pericolosa avanzata repressiva alimentata dal potere esecutivo”.

Questa dimostrazione di forza non mira a rassicurare questo gruppo centrista, storicamente legato ai valori democratici. Ma i loro voti peseranno molto nel secondo atto di questa battaglia legislativa – il voto “straordinario” su ogni capitolo della legge – previsto per martedì prossimo.