Febbraio 26, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sempre più aziende chiedono ai propri dipendenti di tornare in sede: “Preferirei dimettermi piuttosto che perdere giornate di lavoro da remoto”

Sempre più aziende chiedono ai propri dipendenti di tornare in sede: “Preferirei dimettermi piuttosto che perdere giornate di lavoro da remoto”

Di ritorno al lavoro dopo una vacanza di 15 giorni in Corsica, Sabrina (nome presunto) ha avuto una grande sorpresa. Mentre per tre anni aveva potuto lavorare da casa quattro giorni alla settimana, la sua compagnia di assicurazioni ha improvvisamente chiesto ai suoi dipendenti di tornare in ufficio a tempo pieno.

“Non c’è stata alcuna consultazione con i lavoratori a monte ed è stata accolta molto male a livello internodice il 35enne di Namur. Non ho avuto problemi a parlare con il mio management, il che si è tradotto in meno giorni di lavoro a distanza, ma l’annuncio è stato molto aggressivo, soprattutto perché la nostra produttività non era affatto diminuita. Fin dall’inizio è mancato l’ascolto e la comunicazione con coloro che lavorano su questo tema, e sentiamo che c’è una mancanza di fiducia. Per me è chiaro che preferirei smettere piuttosto che perdere i giorni di lavoro a distanza, soprattutto per conciliare la mia vita privata e professionale.

Lavorava da remoto in vacanza: è stato interrogato da un collega e licenziato!

Dopo anni in cui è stato consentito il lavoro a distanza, sempre più grandi aziende, soprattutto negli Stati Uniti e in altri paesi europei, hanno deciso di obbligare i propri dipendenti a tornare nelle proprie sedi.

Ma è arrivata l’ora della RAB, del “ritorno in ufficio”? Il lavoro a distanza si è consolidato in Belgio dallo scoppio della pandemia, qui è strutturale e non sembra essere minacciato nel medio termine. Nel 2022, il 43% dei belgi ha affermato che il proprio lavoro consente loro di lavorare da remoto.

La fine dell’epoca d’oro del lavoro a distanza?

“Ad alcuni livelli senior del management, c’è una forma di paura di riporre troppa fiducia nei dipendenti“, spiega Lara Deloy, consulente senior di strategia e trasformazione presso la società di consulenza BDO, società che fornisce consulenza alle aziende nella gestione del lavoro da casa. Dopo gli anni del Covid, notiamo una certa tendenza a voler organizzare il lavoro a distanza e una migliore organizzazione in generale..

READ  Pannelli fotovoltaici in inverno: cose da fare per la manutenzione, cose da evitare

“Di tanto in tanto andavo a fare la spesa”: al lavoro da remoto è stata licenziata perché non digitava abbastanza velocemente sulla tastiera

Mentre sempre più aziende desiderano che i propri dipendenti tornino al lavoro a tempo pieno, quattro belgi su dieci, al contrario, vogliono lavorare di più a casa. Questo è quanto emerge da un sondaggio condotto su incarico della cancelliera BDO tra 1.000 belgi attivi. Pertanto, una chiara politica di lavoro a distanza è una risorsa importante per la metà degli intervistati, ma questo elemento manca nel 35% delle aziende. Il lavoro a distanza è qui per restare. Dice. Pertanto, è essenziale avere una buona politica e una comunicazione chiara su questo argomento. In ogni caso ci sarà sempre un quadro offerto dall’azienda a questo livello perché se diamo a ciascuno la libertà di fare la scelta che preferisce, ci sarà il rischio di disuguaglianza all’interno dei team. . Il consiglio principale è quello di scegliere una visione chiara che venga comunicata a tutta l’azienda e al momento non è così. Troppo spesso rimaniamo bloccati sulla formalità di un contratto di lavoro senza una comunicazione sana o prevista. Sul campo vediamo molte aziende e manager che hanno bisogno di aiuto e guida”.

Gli esperti concordano sul fatto che non c’è niente di meglio di accordi chiari tra datore di lavoro e dipendente per sviluppare una forma sostenibile ed efficace di lavoro a distanza. In linea di principio… perché solo il 37% dei dipendenti afferma che la propria azienda ha attuato una politica inequivocabile. Il 21% ha stipulato accordi informali riguardo al lavoro a distanza e il 35% non ha alcuna politica su questo argomento. All’interno di BDO ci concentriamo comunque su un approccio personale al lavoro a distanza. “Con noi è la squadra che decide la formula migliore. rivela Elke Verstraetene, dipendente della società di consulenza. L’organizzazione non impone nulla, abbiamo una visione semplice e una politica con poche regole. Crediamo davvero che il team e i dipendenti dovrebbero prendere queste decisioni. Bisogna tenere conto di tutto questo e lasciamo che le squadre si gestiscano da sole assumendosi la responsabilità”.

READ  New Works Board sotto alta tensione a Delhaize: sicurezza e agenti di polizia sul posto

Kristoff, la guardia carceraria, grida: “Le nostre condizioni di lavoro sono completamente violate, dobbiamo mangiare mentre lavoriamo!”