Giugno 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sei persone sono state arrestate all’aeroporto di Bruxelles per contrabbando di anguille cieche

Sei persone sono state arrestate all’aeroporto di Bruxelles per contrabbando di anguille cieche

L’ufficio del pubblico ministero di Hull-Vilvoorde ha dichiarato sabato sera che sei persone sono state arrestate venerdì all’aeroporto di Bruxelles per aver tentato di esportare 200 kg di anguilla cieca, una specie in via di estinzione.

La dogana ha scoperto per la prima volta che erano state controllate 18 valigie identiche imballate su un volo. Quindi li scansiona per scoprire che hanno tutti lo stesso contenuto. Uno di questi è stato aperto: al suo interno c’erano sacchi pieni d’acqua, anguille cieche e bottiglie d’acqua ghiacciate. Le anguille cieche sono piccoli serpenti la cui specie è minacciata e soggetta a restrizioni sulla loro commercializzazione. Tuttavia, i portabagagli non possono fornire alcun permesso di esportazione.

Dopo aver esaminato i bagagli rimanenti e i sei passeggeri malesi, la dogana ha concluso che questi ultimi avevano tentato di contrabbandare 200 chilogrammi di anguille in Malesia attraverso il Qatar e il Vietnam, poiché il valore di questa spedizione è stimato in 400.000 euro sul mercato nero. Successivamente, gli agenti hanno contattato la Procura, che ha disposto l’arresto dei sei scafisti. Sabato sono stati presentati al giudice istruttore, che li ha posti in stato di fermo. Appariranno davanti alla camera di consiglio giovedì.

La pena massima per il contrabbando di una specie in via di estinzione è di cinque anni di reclusione.

READ  «Les prix seront probablement plus élevés qu'avant le Covid»