Dicembre 1, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Secondo il comitato di emergenza dell’Oms, l’epidemia “non è ancora finita”.


Il comitato di emergenza dell’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato martedì che l’epidemia di COVID-19 “non è finita” e ha invitato i paesi a riconoscere tutti i vaccini approvati dall’agenzia.

Il comitato per l’emergenza Covid-19, presieduto dal francese Didier Hussein, si riunisce ogni tre mesi per valutare la situazione.

Progressi attraverso la vaccinazione

Dopo la sua ultima riunione della scorsa settimana, ha rilasciato una dichiarazione martedì sottolineando che “mentre sono stati compiuti progressi attraverso un maggiore uso di vaccini e trattamenti Covid-19, l’analisi della situazione attuale e i modelli di previsione indicano che la pandemia è sfuggente dall’alto”.

Si tratta dello stesso comitato che, nella sua seconda riunione del 30 gennaio 2020, ha consigliato al direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità di dichiarare un’emergenza sanitaria pubblica di portata internazionale, il più alto livello di preparazione alla pandemia. cosa ha fatto.

Nella sua dichiarazione rilasciata martedì, il comitato ha affermato di aver deciso la scorsa settimana “all’unanimità che l’epidemia rimane un evento straordinario che continua a influenzare la salute delle popolazioni di tutto il mondo e rappresenta il rischio di diffusione internazionale e distruzione del mondo. E richiede una risposta internazionale coordinata”.

Raccomandazioni per i paesi

Nelle sue raccomandazioni ai paesi, il comitato continua a opporsi al principio della prova della vaccinazione per i viaggi internazionali, vista l’ingiusta distribuzione dei vaccini nel mondo.

Richiede inoltre ai paesi di “riconoscere tutti i vaccini che hanno ricevuto l’autorizzazione per l’uso di emergenza” dall’Organizzazione mondiale della sanità.

Finora, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha approvato il vaccino RNA messaggero di Moderna e Pfizer/BioNTech, i vaccini cinesi di Sinopharm e Sinovac, il vaccino Johnson & Johnson e diverse versioni del vaccino di Sinopharm e Sinovac. Astrazeneca.

A breve è attesa una decisione sul vaccino Covaxin sviluppato dal laboratorio indiano Bharat Biotech.

READ  La futura BMW i5 è già in azione