Febbraio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Se l’Union Saint-Gilloise non sarà campione quest’anno, non lo sarà mai più”.

“Se l’Union Saint-Gilloise non sarà campione quest’anno, non lo sarà mai più”.

L’Union Saint-Gilloise è attualmente in testa al campionato e ha confermato il suo posto come una delle migliori squadre del nostro torneo dopo il suo ritorno nell’élite del calcio belga. Nonostante i cambi di allenatore e la partenza di diversi buoni giocatori che attualmente si stanno godendo i bei tempi per buoni club in Europa, l’Etihad si sta ambientando a lungo termine e quest’anno potrà arrivare fino alla fine. Sul set di La Tribune, tutti sembravano essere d’accordo sul fatto che l’USG meritasse questo trofeo per la sua prestazione in D1A per due anni e mezzo.

Per Marc Wilmots la constatazione è chiara, e i numeri non la smentirebbero: “Se non fosse stato per i playoff, sarebbero stati campioni per due stagioni.

Quello su cui in gruppo sono tutti d’accordo, ma le qualificazioni ci sono ed è questo che fa temere all’ex allenatore dei Devils che lo scenario disastroso si ripeta ancora: “Non so cosa succederà quest’anno perché i punti saranno nuovamente divisi in due. Questo è il momento in cui devi essere bravo. Se perdi due giocatori a questo punto…Filippo Alberto ha aggiunto:C’è anche il CAN, che deve entrare in gioco.

Ma nonostante tutto, il bilancio di Al-Ittihad resta davvero eccezionale da quando è entrato nella D1A, mostrando una regolarità straordinaria in termini di risultati mentre la squadra è cambiata poco, e anche lo staff tecnico: “Dobbiamo anche tenere conto di tutti i giocatori che se ne sono andati, e del fatto che hanno avuto tre allenatori in tre anni, quanti club avrebbero resistito a questo uragano?“Philippe Albert rilascia,”Se non saranno campioni quest’anno, non lo saranno mai più. Avrebbero dovuto esserlo nelle ultime due stagioni. […] Spero che lo facciano questa volta, perché è la squadra migliore in due anni e mezzo in termini di continuità. Meritano la coppa.

READ  Luka Elsner frustré: "Un sentimental d'injustice et une incompréhension totale, nous nous sentons lésés!" - Tout le foot

Victor Boniface è in Bundesliga a Leverkusen, Denis ha detto che era in casa all’Allemagne di Stoccarda ed era nell’Allemagne per salvare il titolo di suo figlio nella selezione, ma non è successo per caso. . Stefan Stricker è tentato da questo modo di fare: “È legato alla loro politica di reclutamento, alla loro filosofia di cercare giocatori vendicativi, che abbiano una grande mentalità, e penso che sia unica.“.

Uno scout bravo e di nobili principi è un elemento importante di una buona ricetta sindacale. Gustav Nilsson beve una birra al termine dell’incontro con i tifosi, a testimonianza della convivialità di Dowden Park e dei suoi tifosi, altro ingrediente segreto della ricetta del successo del governo americano. Stefan vede solo gli aspetti positivi: “Penso che se i giocatori sono davvero uniti, se festeggiano insieme, se bevono dopo le partite, direi che si fanno i punti e non il contrario. La mia unica paura nei loro confronti è che noi della federazione siamo concentrati sulla paura che le cose vadano di nuovo male sulla nostra terra“.

Ma anche se tutto è a posto, elementi esterni non devono arrivare a sconvolgere la macchina unitaria: “C’è un collettivismo consolidato, ma quando hai sfortuna come è avvenuto negli anni precedenti. Perché la qualità ci vuole c’è. Io credo che queste sono anche le realtà delle partite che ha funzionato contro di loro in certi momenti”, conclude Philippe Albert.

L’USG attualmente guida la Pro League con 44 unità, otto in più dell’Anderlecht secondo.