Marzo 1, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Scozia: scoperta di una nuova specie di pterosauro

Scozia: scoperta di una nuova specie di pterosauro
Questo articolo è stato originariamente pubblicato su Inglese

Questa scoperta offre ai paleontologi preziose informazioni sulla vita animale nel Giurassico medio.

annuncio

I ricercatori del Museo di Storia Naturale del Regno Unito notarono per la prima volta alcune ossa che sporgevano da una roccia durante un viaggio sull'Isola di Skye nel 2006. Il fossile si rivelò essere una nuova specie di pterosauro, chiamata Seoptera ivansae.

Questi rettili volanti – gli pterosauri si traducono letteralmente in “lucertola alata” – esistevano dal tardo periodo Triassico fino all'estinzione dei dinosauri, circa 66 milioni di anni fa. Ma le tracce fossili frammentarie che hanno lasciato durante il Giurassico medio ci hanno lasciato all’oscuro riguardo alla loro evoluzione.

“Questa nuova specie è la prima del suo stesso gruppo ad essere scoperta in Scozia, ed è il secondo rettile volante ad essere nominato nel paese.”“, afferma il professor Paul Barrett NHM(Museo di Storia Naturale), che ha guidato la spedizione di scoperta e coautore del nuovo articolo che descrive la specie. “Rivela che questi animali erano molto più diffusi di quanto si pensasse in precedenza.” Fiducia.

Con un'apertura alare stimata di 1,6 metri, Ceoptera evansae si librava sopra una ricca fauna durante il Giurassico medio scozzese, circa 165 milioni di anni fa. Gli esperti conoscono già antiche tartarughe acquatiche, dinosauri, mammiferi fossili, salamandre e altri pterosauri.

Dearc sgiathanach, come è stato descritto nel 2022, è stato il primo rettile volante a ricevere un nome in Scozia, dopo che i suoi resti straordinariamente ben conservati sono stati scoperti a Skye nel 2017. Derarc e Ceoptera forniscono la prova che gli pterosauri giurassici erano molto più diversificati. Più ricco di quanto si pensasse.

READ  Nintendo vuole gestire il cinema attraverso il suo studio

Perché l'evoluzione degli pterosauri è avvolta nel mistero?

Molto prima che gli uccelli volassero, gli pterosauri furono i primi vertebrati a sviluppare il volo a motore, su ali costituite da una membrana di pelle e muscoli.

Poiché le loro ossa sono così fragili, i fossili di pterosauro sono pochi. Inoltre, non trascorrevano molto tempo sulla terra vicino a fiumi e laghi, dove tipicamente si formano i fossili di dinosauro.

“La maggior parte della nostra conoscenza degli pterosauri, in particolare del Giurassico inferiore e medio, proviene da un gruppo di siti noti come Lagerstätten [du mot allemand pour dépôts] “La conservazione dei fossili è eccezionale.”“, spiega Paul Barrett.

“Quasi tutto ciò che sappiamo sulla biologia e sull’evoluzione degli pterosauri proviene solo da otto o nove di queste aree chiave in tutto il mondo”.

Dopo aver confrontato Siopetera con altri pterosauri, i paleontologi ritengono che appartenga a un gruppo noto come Darwinoptera, che abbraccia il periodo di transizione tra i primi pterosauri e gli pterosauri successivi.

La scoperta delle ossa – con il loro caratteristico mignolo, ad esempio – fornisce preziose informazioni su come, quando e dove è avvenuta questa evoluzione.

“La nuova specie si inserisce perfettamente nel quadro dei Darwinotteri ed espande la gamma geografica della collezione dal materiale ben conservato in Cina al Regno Unito e all’Argentina”.Aggiunge Paul Barrett. “Rivela anche che questi rettili apparvero nel periodo Giurassico inferiore, che è molto più antico di quanto precedentemente noto.”.

Gli esperti ora ritengono che i Darwinotteri siano sopravvissuti per circa 25 milioni di anni insieme a un'ampia gamma di altri pterosauri, incluso Dirk. La Cina e il Regno Unito sono attualmente gli unici luoghi in cui è stata riscontrata questa rara sovrapposizione nella documentazione fossile.

READ  Questa è la supernova più potente mai osservata ai raggi X

Come è stata scoperta la Ceoptera evansae?

Il divario di 18 anni tra la scoperta delle ossa a Skye e la loro descrizione pubblicata questa settimana in una rivista Giornale di paleontologia dei vertebrati Testimonia il meticoloso lavoro di studio paleontologico.

La spiaggia vicino a Elgol, sulla costa sud-occidentale dell'isola, dove è stato trovato il fossile, è un sito di particolare interesse scientifico, il che significa che il team è stato in grado di raccogliere campioni solo da rocce cadute naturalmente.

“Mentre strisciavamo su queste rocce per esaminarle alla ricerca di fossili, ne abbiamo notati alcuni sistema operativo Che ha superatoPaul Barrett ricorda. La parte superiore di questa roccia è stata raccolta e restituita al Museo di Storia Naturale di Londra, dove un curatore ha trascorso più di un anno esponendo le ossa utilizzando preparati acidi e altre tecniche.

La preside, la dottoressa Liz Martin-Silverstone, paleobiologa dell'Università di Bristol, all'inizio è stata entusiasta della scoperta di un gran numero di cellule tumorali nell'area a sua disposizione.

“Questo ci avvicina alla comprensione di dove e quando si sono evoluti gli pterosauri più avanzati”.ha detto NHM.

annuncio

C'erano abbastanza ossa perché questa creatura che si muoveva liberamente potesse essere riconosciuta come appartenente a una nuova specie.

Ceoptera prende il nome dalla parola gaelica scozzese che significa “nebbia”, “ceò”, con l'isola di Skye conosciuta come “l'isola della nebbia”.

Il nome specifico “evansae”, che appare dopo il genere, onora la professoressa Susan Evans dell'University College di Londra, che ha introdotto il team nell'area di Skye dove è stato avvistato Ceoptera Evansae. È così che l'”ala nebbiosa” è entrata nell'elenco delle specie.

READ  EA FC 24, DCE Hero Challenge presentato da Vincent Company Gamosaurus