Giugno 14, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Scoperta di una nuova classe di esopianeti che potrebbero ospitare la vita

Scoperta di una nuova classe di esopianeti che potrebbero ospitare la vita

Intorno alle nane rosse è stata identificata una nuova classe di esopianeti composta da metà rocciosa e metà acqua. Secondo i ricercatori, una tale scoperta potrebbe avere implicazioni significative per la ricerca di vita extraterrestre. I dettagli dello studio sono pubblicati sulla rivista Scienze.

Le nane rosse costituiscono oltre il 70% della popolazione di stelle nell’universo. Questi corpi, più piccoli e più freddi del Sole, sono noti per ospitare esopianeti. Il fatto che queste stelle siano così comuni ha portato naturalmente gli astronomi a chiedersi se potrebbero permettere alla vita come la conosciamo di emergere ed evolversi.

questa domanda Ancora in discussione Per diverse ragioni. D’altra parte, queste stelle sono note per essere particolarmente instabili e sparare regolarmente Big Bang nel loro ambiente immediato. È quindi possibile che tali eruzioni “rubino” l’atmosfera e, di conseguenza, la vita di pianeti situati molto vicini.

Se non si sa ancora se i mondi in orbita attorno a queste nane rosse siano abitabili, è anche perché mancanza di comprensione Ricercatori su la loro composizione. Per saperne di più, i ricercatori si sono recentemente concentrati su piccoli mondi che si evolvono attorno alle vicine nane rosse (più luminose e quindi più facili da studiare). Per fare ciò, hanno esaminato i dati dal satellite TESS.

Sei “nuovi” mondi

Le stelle sono naturalmente più luminose dei loro pianeti. Dal nostro punto di vista, questi mondi sono inondati di luce, e quindi invisibili. Tuttavia, gli astronomi possono imparare di più attraverso metodi indiretti. Un esempio è l’ombra creata da un pianeta che passa davanti alla sua stella. Il leggero effetto gravitazionale di questi pianeti sul moto delle loro stelle è un’altra questione.

READ  Annunciato Sonic Origins! - PXLBBQ

Questi dati sono necessari. Rilevando l’ombra di un pianeta sulla sua stella, gli scienziati possono effettivamente stimarne il diametro. Misurando la minuscola forza gravitazionale che un pianeta esercita su una stella, possono quindi stimarne la massa. Per questo lavoro, un team guidato da Raphael Luke dell’Università di Chicago si è concentrato su di esso Trentaquattro esopianeti il cui diametro e massa erano già noti. Questi dettagli hanno aiutato i ricercatori a farlo Stima della densitàda cui la conclusione Possibilità di struttura.

Dei trentaquattro pianeti analizzati, i ricercatori hanno identificato 21 mondi rocciosi e sette giganti gassosi. D’altra parte, i restanti sei oggetti rappresentano a Un nuovo tipo di esopianeta Consiste di circa Metà roccia, metà acquasia in forma liquida che sotto forma di ghiaccio.

Disegno artistico di un mondo mezzo roccioso e mezzo acquatico in orbita attorno a una stella nana rossa. Crediti: Pilar Montagnes

Case per la vita?

Il fatto che questi pianeti siano così acquosi ci porta inevitabilmente a pensare alla vita. Tuttavia, nota che sebbene questi mondi siano chiaramente ricchi di acqua, ciò non significa necessariamente che siano coperti da oceani. Ad esempio, rappresenta solo l’acqua 0,02% della massa terrestrequesto rende il nostro pianeta un mondo arido dal punto di vista astrofisico, anche se tre quarti della superficie è ricoperta d’acqua.

Al contrario, sebbene i pianeti acquosi scoperti dai ricercatori siano composti per metà da acqua, ciò non significa che abbiano oceani sulla loro superficie. Tutta quest’acqua può mescolarsi con la roccia.

Osservazioni future potrebbero dirci se questi pianeti si trovano anche attorno a stelle più grandi. I ricercatori possono anche utilizzare le capacità di Telescopio James Webb (JWT) per verificare la composizione dell’atmosfera, se presente, per analizzare come viene immagazzinata tutta quest’acqua. Quest’opera, a sua volta, può permetterci di stimarne il potenziale di abitabilità.

READ  Test Huawei Nova 9: ​​senza 5G è difficile da dimostrare