Febbraio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sconvolto a Melbourne, Alcaraz racconta a Zverev: 'Gli ho tolto la racchetta dalle mani'

Sconvolto a Melbourne, Alcaraz racconta a Zverev: 'Gli ho tolto la racchetta dalle mani'

Il tennis è imprevedibile. Ed è questa gloriosa incertezza che rende questo sport così bello ed emozionante. La partita tra Alcaraz e Zverev di mercoledì ne è stato un perfetto esempio. Considerato il favorito sulla carta, lo spagnolo non è affatto una grande delusione. Il sole era appena tramontato su Melbourne quando Alexander Zverev vinse il primo set 6-1, sorprendendo tutti. Barcollante, sorpreso e confuso, il genio murciano crolla nuovamente nel secondo set, sotto i colpi di avvertimento del numero 6 del mondo. Non c'è dubbio che non si aspettasse di vedere Alexander Zverev giocare ad un livello di tennis così esemplare. Con forza e precisione il tedesco è riuscito a portare a terra il numero due del mondo nel terzo atto. L'odore di un knockout. Era chiaro quando il giocatore di Berlino stava per servire per la partita sul 5-3.

L'effetto della remontada è stato annullato

Ma all'improvviso il braccio di Sasha cominciò a tremare. Lo spagnolo ha colto l'occasione per andare in break. Il pubblico, fino ad allora in coma artificiale, si era appena risvegliato con l'orgoglio dell'eroe iberico. I 'vamos' hanno finalmente risuonato nella notte di Melbourne e l'inizio di una rimonta è stato evidente quando Carlitos ha vinto il terzo set. Devo dire che gli spagnoli e gli improbabili montanari hanno un recente passato comune. Che si tratti di calcio con Real Madrid e Barcellona o di tennis con Rafael Nadal. Allora pensavamo che la marea fosse appena cambiata. Ma Zverev è riuscito a esorcizzare i suoi vecchi demoni al quarto round, regalandosi il più grande successo della sua carriera. “Penso di aver avuto un inizio perfetto. L'ho spinto molto. Ho giocato in modo molto aggressivo. Gli ho tolto la racchetta dalle mani. Ad essere onesti, era la cosa giusta da fare contro di lui. Se gli lasci controllare i punti e il ritmo della partita è imbattibile: è il miglior giocatore al mondo in questo campo. Riassumi chiaramente il tedesco.

READ  Martinez ha paura di perderlo a causa di Lukaku e spiega perché Batshuayi non lo sostituirà: "Trossard è molto mobile"

La partenza dello spagnolo ha permesso di dare meno spazio al risultato finale. Ma resta il fatto che la sorpresa è enorme e clamorosa.

Zverev-Medvedev, nuovo incontro

Venerdì Alexander Zverev affronterà in semifinale Daniil Medvedev, il difficile vincitore su Hubert Hurkacz mercoledì mattina (7-6, 2-6, 6-3, 5-7, 6-4). Una partita che si preannuncia esplosiva. Poiché la temperatura del rapporto tra i due uomini è più vicina all'inverno di Bruxelles che all'estate di Melbourne. Il russo ha detto questo del tedesco in aprile: “Non voglio entrare troppo nei dettagli, ma posso dire che non siamo mai stati amici intimi.” L'incontro è organizzato e si preannuncia tutt'altro che coraggioso.