Febbraio 28, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Scandalo acqua minerale: depurazione illegale, 30% dei marchi coinvolti, confessioni di Nestlé… Cosa sappiamo della polemica

Scandalo acqua minerale: depurazione illegale, 30% dei marchi coinvolti, confessioni di Nestlé… Cosa sappiamo della polemica

Di base
L’uso di trattamenti vietati riguarderà circa un terzo dei marchi di acqua minerale in Francia, secondo un rapporto dell’Ispettorato generale degli affari sociali (Igas) presentato al governo nel luglio 2022.

L'uso di trattamenti vietati per purificare l'acqua minerale, ammesso da Nestlé lunedì 30 gennaio, è più diffuso? Questa pratica includerà un terzo dei marchi in Francia, secondo Business Insider. il mondo et al franceinfoUna fonte governativa nega qualsiasi “rischio per la salute”.

Leggi anche:
Acqua: quali sono le nuove riserve dell'Alta Garonna?

Nestlé Waters, l'acqua minerale numero uno al mondo, ha preso l'iniziativa quando ha rivelato il giorno precedente di aver utilizzato trattamenti UV vietati e filtri a carbone attivo in alcune delle sue acque minerali (Perrier, Vittel, Hepar e Contrex) per mantenere il loro “aspetto alimentare” sicurezza”. “E informare le autorità nel 2021. L’ispezione è stata poi effettuata dall’Ispettorato generale per gli affari sociali (EGAS)”. Le conclusioni presentate nel luglio 2022, rivelate dai nostri colleghi, attestano che “il lavoro ha rivelato che circa il 30% dei marchi sono soggetti a trattamenti non conformi”.

L’azienda ha confermato che i marchi Nestlé rilevanti sono ora “pienamente compatibili con il quadro normativo applicato in Francia”, aggiungendo che ha abbandonato i trattamenti vietati negli ultimi tre anni.

Mettere in discussione le etichette

Da allora una fonte governativa si è espressa dichiarando che “questo rapporto contiene dati soggetti a riservatezza aziendale” e pertanto non è destinato al rilascio pubblico. Ma conferma che “in questa fase non è stato identificato alcun rischio per la salute associato alla qualità dell’acqua in bottiglia”. Ma questi trattamenti incompatibili mettono in discussione il nome “acqua minerale naturale” o “acqua di sorgente”, poiché quest’acqua dovrebbe essere naturalmente pura e ha subito un numero limitato di trattamenti.

READ  La BMW è pronta a rivoluzionare la M3 con l'elettrificazione

Le acque minerali naturali e le acque minerali sono soggette a una regolamentazione severa in Francia, a seguito delle direttive europee. Impedisce qualsiasi disinfezione tramite raggi UV o filtri a carbone attivo. La microfiltrazione può essere praticata fino a un certo limite.

Nestlé non è l'unico gruppo preso di mira

Secondo i nostri colleghi, a Epinal è stata aperta un’indagine giudiziaria dopo “violazioni delle norme” constatate dall’agenzia di ricerca nei siti Nestlé Waters nell’ambito della missione EGAS. Ma Nestlé non è l’unica azienda presa di mira dalle indagini. Il gruppo Alma, che produce circa tre dozzine di marche di acqua in bottiglia in Francia, tra cui Cristalline, Saint-Yuri e Vichy Célestin, ha confermato di essere stato oggetto di “procedimenti legali” relativi a “fatti obsoleti e isolati specifici di specifici siti di produzione”. Ha insistito sul fatto che Crystal Water “non è stata affatto presa di mira”.

Leggi anche:
L’acqua potabile, una risorsa fragile e sotto pressione

È stato un ex dipendente di Alma a denunciare “pratiche sospette in una fabbrica collettiva” per reprimere le frodi alla fine del 2020, e quest’ultima ha poi deferito le sue indagini alla Procura di Coset (Allier). Il procuratore di Coset, Eric Novo, dovrà decidere “entro la fine della settimana” che tipo di seguito sarà dato a questo fascicolo “altamente tecnico”, riguardante atti di “inganno sulla natura o la qualità della merce”. ” Come Nestlé, Alma esclude qualsiasi rischio per la salute dei consumatori.