Febbraio 28, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Partito socialista vuole porre fine alla deflazione, la pratica che divora i consumatori: “È puro inganno”

Il Partito socialista vuole porre fine alla deflazione, la pratica che divora i consumatori: “È puro inganno”

Con la crisi e l'aumento dei costi delle materie prime, degli imballaggi, dei salari e dei costi di produzione, molti produttori hanno trovato una soluzione per dare ai consumatori l'impressione che i loro prodotti non siano aumentati. il trucco? deflazione. Dietro questo nome barbarico c’è il verbo inglese “shrink”, che significa “rimpicciolirsi”. Meno yogurt nella ciotola, meno pasta o patatine nella confezione, senza compromettere il prezzo, è un modo convincente per superare la pillola dell'inflazione. Ma alla fine il consumatore paga di più, senza rendersene conto. Per Vooruit e PS questa pratica dovrebbe essere vietata. Un disegno di legge in tal senso è sul tavolo, per evitare il restringimento o, almeno, per costringere i produttori a menzionare l'uso di questa pratica sui loro imballaggi.

“Mi dà fastidio che le aziende ingannino i consumatori”, ha detto ai colleghi di Laatste Nieuws il deputato Chris Verduycht (Vooruit), coautore del disegno di legge. “La deflazione è puro inganno, e i consumatori ne subiscono le conseguenze finanziarie perché le aziende vogliono compiacere i propri azionisti. Ecco perché vogliamo che la deflazione sia inclusa nella legge come attività commerciale fraudolenta. Chiunque non comunichi un cambiamento nel contenuto dovrebbe essere punito dall’Ispettorato economico”.

Carrefour denuncia i marchi che nascondono gli aumenti di prezzo… prima ancora di essere richiamati all'ordine

Sebbene sembri difficile vietare completamente la pratica, richiedere ai produttori di apporre un’etichetta sulla confezione per avvisare i consumatori di un cambiamento nella quantità di prodotto nella confezione sembra più convincente per gli oppositori della legge. L'etichetta deve apparire sulla confezione per due mesi.

Anche in Francia questa pratica ha portato all’intervento del governo. Il Ministero dell’Economia sta preparando una bozza di decreto che potrebbe entrare in vigore alla fine del prossimo marzo, in risposta alla richiesta dei consumatori di essere più informati in caso di contrazione dei prezzi di alcuni prodotti. La prima versione di tale decreto è stata sottoposta a Bruxelles per verificare la conformità alla Direttiva Europea del 2015 sulla Trasparenza delle Regole Tecniche. Lo scorso settembre Bruno Le Maire descrisse la pratica come una vera e propria “truffa”, mentre anche Elizabeth Bourne considerò l’operazione “scioccante”. Anche l'Associazione dei 60 milioni di consumatori condanna da molti anni le differenze inventariali e non esita a criticare i grandi marchi che ne fanno uso. E così Findus, Lipton IceTea, Lay's, Amora… furono pubblicamente presi di mira.

READ  "Conquista i governi e l'industria con la forza della sua ambizione": ecco la persona dell'anno di TIME.