Febbraio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Scaffali dei supermercati vuoti dopo l’insoddisfazione degli agricoltori: “La carenza di prodotti è inevitabile”

Scaffali dei supermercati vuoti dopo l’insoddisfazione degli agricoltori: “La carenza di prodotti è inevitabile”

Le misure di divieto da parte degli agricoltori hanno cominciato a mettere in imbarazzo il settore della distribuzione collettiva. Già venerdì alcuni supermercati mostravano gli scaffali vuoti e la situazione dovrebbe peggiorare questo fine settimana. Il gruppo Colruyt dovrebbe essere particolarmente colpito. Il motivo è che due di questi centri di rifornimento sono chiusi da martedì.

“Attualmente stiamo sperimentando notevoli disagi a causa di queste misure. I manifestanti non consentono ai camion di entrare o uscire dal sito. Non sappiamo quanto dureranno queste misure.”“, spiega un portavoce del Gruppo Colruyt. Ciò conferma che i prodotti mancheranno dagli scaffali. “È inevitabile che i prodotti prima o poi scompaiano dagli scaffali, soprattutto quelli presso le nostre sedi di Ollignies e Ghislenghien. È difficile fare dichiarazioni specifiche riguardo ai tempi, poiché i nostri negozi hanno livelli di stock diversi”.specifica il canale.

Protesta degli agricoltori: il blocco agricolo potrebbe interrompere le forniture dei supermercati

Il movimento di protesta degli agricoltori e la chiusura dei magazzini rischiano di costare caro al settore. “A gennaio abbiamo già notato un calo del 4%, ma questo mese potrebbe andare peggio.” avverte Pierre-Alexandre Bellet, amministratore delegato di Gondola.

Inizialmente, i consumatori possono trarre vantaggio da questo contesto in cui possono essere offerte promozioni. “Se i supermercati vogliono vendere i prodotti invenduti a causa di problemi logistici causati dalle azioni degli agricoltori, dovranno offrire promozioni o optare per donazioni, ad esempio alle banche alimentari”.“, spiega Alexandre Bilet. Ma tali promozioni rischiano di essere gravemente sfavorevoli da parte dei produttori e dei clienti. “Se i negozi offrono forti sconti sui prodotti agricoli, avranno un problema di immagine. Effettuare promozioni mentre gli agricoltori li accusano di non offrire loro salari adeguati è molto complicato”.Analisi di Alexandre Bellet.

READ  Hanno fatto un buon affare, hanno pensato: "Dovevamo pagare 1.551 euro in due settimane!"