Maggio 16, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Salute. Per prevenire future epidemie, la questione del finanziamento

Entro la fine del 2021, la pandemia di Covid-19 aveva ucciso tra 13 e 17 milioni di persone in tutto il mondo, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Per evitare ulteriori tragedie, la ricerca si sta preparando a future epidemie ed epidemie che potrebbero verificarsi nei prossimi anni. L’ANRS ha tenuto un punto stampa mercoledì su questo. Per gli esperti, questa è stata un’opportunità per valutare la gestione del Covid-19 considerando le esigenze per comprendere meglio le malattie future. Necessità emergente: disporre di fondi sufficienti per poter anticipare potenziali malattie infettive emergenti.

Aspettati di reagire meglio

In ambito sanitario, le innovazioni impongono il “rigore assoluto”, come affermato nel preambolo da Roger Le Grand, Direttore della divisione “Modelli di malattie infettive per terapie innovative” all’interno della Commissione per l’energia atomica e le energie alternative (CEA). Questa precisione indica che è necessario un tempo di sviluppo “incomprimibile” per garantire che il trattamento sia efficace e scalabile nella comunità. In questo contesto, saper anticipare è fondamentale, per rispondere più rapidamente all’insorgere di una nuova epidemia. Durante l’epidemia di Covid-19, la precedente conoscenza dell’RNA messaggero ha permesso il rapido sviluppo di un vaccino, come ricorda Roger Le Grand: “Non avevamo un proof of concept per l’antigene del vaccino, ma avevamo la prova della fattibilità di questo concetto fino a stadi molto avanzati”.

Ma la prevedibilità richiede mezzi finanziari, soprattutto in un periodo di crisi. Non possiamo iniziare a pensare alle sperimentazioni cliniche quando l’epidemia è qui. Il finanziamento in questo periodo di crisi è molto importante, poiché è un mezzo facilmente mobile”, sottolinea France Mintry, Direttore del Dipartimento di Epidemiologia, Biostatistica e Ricerca Clinica dell’Ospedale Bichat-Claude Bernard (AP-HP).

READ  Santé: peu d'interêt pour un retour dans le réseau public

La finanza pubblica, fondamentale

I fondi pubblici ei mezzi che devono essere investiti dalle politiche pubbliche sono fondamentali, perché i produttori sono spesso riluttanti a intraprendere prove senza un ritorno sui loro finanziamenti. Un modus operandi che spiega in parte l’incapacità di Sanofi o Merck di produrre in modo tempestivo un vaccino contro il Covid-19. “In termini di problemi di salute pubblica che esistevano prima della crisi del Covid, per un grande produttore industriale intraprendere la tecnologia dell’RNA messaggero era un rischio enorme. C’era incertezza sulla possibilità di andare fino in fondo, entrare nel mercato, essere in grado di per trovare questi investimenti, come analizza Roger Le Grand, i vaccini a RNA sono stati inizialmente prodotti da piccole e medie aziende come Moderna perché erano già in una piccola nicchia, i vaccini contro il cancro, e hanno beneficiato di molti aiuti pubblici per mantenere la loro ricerca e sviluppo”.

Yazdan Yazdanbana, direttore dell’ANRS, ha lamentato questa situazione: “Penso che dobbiamo cambiare la cultura in base alla quale tutti i finanziamenti devono avere successo. Dobbiamo introdurre il concetto di assunzione di rischi nella finanza e accettare che alcuni non lo faranno”. Come primo passo verso una migliore comprensione, il bilancio storico ANRS è stato rivisto. L’obiettivo è ottenere 80 milioni di euro all’anno, 40 milioni di euro per HIV, epatite e tubercolosi e 40 milioni per malattie infettive emergenti. Non siamo lontani da questo, dobbiamo solo perpetuare la parte delle malattie infettive emergenti”, rivela Yazdan Yazdanbana.