Maggio 16, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Fauna selvatica: ci sono solo dieci focene rimaste nell’Oceano Pacifico… nel mondo

Sebbene il numero di focene nell’Oceano Pacifico sia ridotto al minimo, gli scienziati sperano ancora di salvare questa specie dall’estinzione.

La sopravvivenza delle focene nell'Oceano Pacifico è diventata una questione diplomatica.

La sopravvivenza delle focene nell’Oceano Pacifico è diventata una questione diplomatica.

Agenzia di stampa francese

Si pensava fosse destinato all’estinzione: le focene del Pacifico sono oggi le specie di mammiferi marini più a rischio. E per una buona ragione, gli scienziati stimano che ne siano rimaste solo una dozzina nelle acque del Golfo di California. Di fronte a questa osservazione, molti credevano che questo animale non avrebbe mai potuto riprendersi. In questione, la parentela forzata della futura prole.

Ma questa teoria è ora contraddetta da un nuovo studio pubblicato giovedì sulla prestigiosa rivista “Scienza”. Sottolinea che, nonostante il loro basso numero, le focene non scompaiono per motivi genetici. Ad almeno una condizione: che le pratiche di pesca responsabili del loro deterioramento cessino una volta per tutte.

“Cerchiamo di contrastare questa idea che non c’è speranza, che non c’è nulla che possiamo fare per salvarli”, ha detto l’autrice Jacqueline Robinson ad AFP, direttrice dello studio e ricercatrice presso l’Università della California, San Francisco. La campagna per la sopravvivenza del genere ha mobilitato soprattutto l’attore Leonardo DiCaprio ed è diventata una questione diplomatica, gli Stati Uniti hanno fatto pressioni sul Messico.

Bassa diversità genetica

Appartenente alla stessa famiglia dei delfini, questa focena misura in media poco più di un metro, il che lo rende il più piccolo di tutti i cetacei. chiamata Vaquita Pig (piccola mucca di mare) In Messico, l’animale vive solo in un’area molto limitata, nel nord del Golfo di California.

Au XXH Nel secolo scorso è stato distrutto dalle grandi reti da imbrocco utilizzate per la pesca, in particolare dai pesci minacciati stessi, e PentimentoMolto richiesto in alcuni paesi. Sebbene la pesca di questo pesce sia dichiarata illegale, il divieto non viene sempre rispettato.

Tuttavia, le focene rimangono intrappolate in queste reti, facendole morire. Quando furono contate per la prima volta nel 1997, c’erano in realtà solo 570 specie e oggi la specie è sull’orlo dell’estinzione e alcuni credono che il suo destino sia ora segnato a causa dell’inevitabile parentela. A conferma di ciò, i ricercatori hanno analizzato i genomi di 20 focene, da campioni prelevati tra il 1985 e il 2017 (per lo più da individui deceduti) e conservati da allora.

Ciò ha permesso loro di determinare che le focene del Pacifico sono sempre state una specie rara, con una popolazione di poche migliaia negli ultimi 250.000 anni. Pertanto la sua diversità genetica è molto bassa. Il risultato è stato confermato confrontando il suo genoma con il genoma di altre undici specie (delfini, orche, balene, ecc.). In generale, si ritiene che una bassa diversità genetica sia una cosa negativa. Ma in questo caso rappresenta un vantaggio per il potenziale di sopravvivenza della focena nell’Oceano Pacifico”, ha spiegato Jacqueline Robinson.

fermare la finestra

Se la pesca con rete si interrompe completamente, il rischio di estinzione delle specie è solo del 6%. Ma se si riduce solo il pescato, il rischio di estinzione aumenta drammaticamente: anche con una riduzione del pescato dell’80%, le focene hanno una probabilità di estinzione del 62%.

Se possono ancora essere salvati, c’è una situazione di emergenza, allerta i ricercatori. “Se lo perdiamo, sarà il risultato di scelte umane, non di fattori genetici”, ha affermato in una nota Christopher Kyriasis dell’UCLA e coautore dello studio. Gli scienziati ritengono che le loro simulazioni possano essere applicate ad altre specie rare, come la tigre, la tigre della Florida e il diavolo della Tasmania… che sperano portino anche qualche speranza.

(Agenzia di stampa francese)

READ  frequenza accumulata nei casi di reinfezioni depuis Omicron