Agosto 15, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Salute: il ministro François Brown esamina l’organizzazione delle emergenze al CHU Dijon Bourgogne

Il nuovo ministro della Salute ha scelto la Côte d’Or per il suo primo viaggio ufficiale nella regione venerdì 9 luglio. Il servizio Access to Care, testato da CHU Dijon Bourgogne, mira a ridurre del 30% le visite al pronto soccorso.

In vista delle ultime elezioni presidenziali, Emmanuel Macron ha chiesto a François Brown, medico di emergenza del CHR Metz-Thionville e presidente di Samu Urgences de France, proposte per contribuire all’aspetto sanitario della sua piattaforma elettorale.

Lo scorso giugno il rieletto presidente della repubblica ha affidato al medico d’urgenza un “compito urgente” sulle carenze del sistema ospedaliero francese. Nel luglio 2022, François Browne è stato nominato Ministro della Salute e della Prevenzione nel secondo governo di Elizabeth Bourne.

Si tratta quindi di una rapida ascesa nel mondo politico di questo uomo di 60 anni che si interessa di medicina d’urgenza e medicina di guerra secondo la tradizione di famiglia. Suo padre, in particolare, era il capo medico dei vigili del fuoco nella regione di Balfour.

Organizzare l’accesso di emergenza

Uno dei punti principali delle sue proposte riguarda l’organizzazione dell’accesso ai servizi di emergenza per le istituzioni sanitarie al fine di trattare le emergenze critiche in via prioritaria indirizzando altri pazienti ai medici della città, possibilmente in prossimità di situazioni di emergenza, in collaborazione con l’ospedale.

Per evidenziare questo aspetto, venerdì 8 luglio 2022 il nuovo Ministro della Salute si è recato al CHU Dijon Bourgogne che da giugno 2021 testava tale normativa tramite il dispositivo SAS per l’accesso al servizio di assistenza. Questo è stato il primo viaggio del ministro fuori dall’Ile-de-France dalla sua nomina.

READ  Fatoni Bangura, un chimico sanitario in visita a Lombez

Centro sanitario universitario nell’area postale

Il viaggio è iniziato con una visita all’University Health and Primary Care Home (MUSSP) a Chenov, accompagnata da tempo per la discussione con le équipe.

Il Centro sanitario universitario è stato aperto nel 2015 a Hay Al Bareed, che rientra nel quadro della politica cittadina, su iniziativa del dottor Jean-Noel Pace. Su una superficie di 900 metri quadrati, riunisce medici di famiglia, infermieri, ostetriche, dentisti o persino assistenti sociali della città di Chenov.

“L’idea è quella di creare un vero e proprio centro sanitario, collaborando con tutti gli operatori sanitari, e di consentire un migliore percorso di cura, grazie a una cura coordinata dei pazienti che includa una maggiore prevenzione”, ha osservato Chenov durante l’inaugurazione.

Tra i partner, troviamo l’Università della Borgogna, l’agenzia sanitaria regionale Bourgogne-Franche-Comté, il Ministero francese del commercio o dell’assicurazione sanitaria.

“Soddisfare i bisogni di salute di un territorio”

“Questa integrazione degli operatori sanitari, tra la città e l’ospedale, con l’università, con lo stesso obiettivo di soddisfare i bisogni sanitari della popolazione, questo esempio è davvero grande”, ha affermato François Brown dopo la sua visita al MUSSP.

Le istruzioni per l’ARS, che sono state respinte dalla “Missione rapida”, dovrebbero essere pubblicate presto al fine di facilitare l’emergere di tali strutture in tutta la Francia.

“Questa è una delle soluzioni che risponde veramente ai bisogni sanitari di una provincia e di una popolazione”, ha insistito il ministro, in un intervento altrettanto “urgente”.

L’ospedale universitario di Digione beneficia degli investimenti di Ségur de la Santé

Il viaggio è stato molto armonioso, quindi il viaggio è continuato a CHU Dijon Bourgogne dove è stata accompagnata un’ampia delegazione del ministro, in particolare il governatore della Côte d’Or Fabien Sodry, direttore generale dell’Agenzia sanitaria regionale della Borgogna-Franche-Comté Pierre . Pribel, presidente dell’Università della Borgogna, Alain Bonin, i parlamentari Didier Martin (rinascimentale) e Fadela El Khattabi (rinascimentale) e Benoit Bordat (Unione progressista) la cui prima partecipazione è stata in un viaggio ufficiale come membro del parlamento.

READ  "Gli studenti sviluppano cattive abitudini che potrebbero causare loro dolore in seguito".

Il Ministro è stato accolto da Nadig Bayle, Direttore Generale dell’Istituzione Sanitaria, che ha esordito presentando le attuali realizzazioni legate agli investimenti del Ségur de la Santé: un ampliamento edilizio per creare una famiglia e un rinnovamento energetico in particolare.

SAS ha ridotto del 30% le visite al pronto soccorso

Il servizio di accesso all’assistenza (SAS) è stato introdotto dal dott. Philippe Dreyfus, il quale ha osservato che la riflessione del CHU Dijon Bourgogne sull’argomento risale alla Carta di riforma delle emergenze creata dall’ex ministro Agnès Buzyn nel 2019.

L’ospedale universitario di Digione rientra nell’obiettivo di ridurre del 30% le visite al pronto soccorso – in particolare per i pazienti che possono essere coinvolti nella medicina cittadina – e di ridurre i tempi per prelevare le 15 persone, migliorare il percorso assistenziale e sviluppare cure specialistiche come quelle odontoiatriche emergenze, “problemi sociali” e geriatria.

Il servizio di accesso alle cure presso CHU Dijon Bourgogne è iniziato nel giugno 2021 e copre Côte-d’Or e Nièvre. Nel primo semestre 2021 le presenze al pronto soccorso sono aumentate del 20% rispetto al 2019 (mentre le chiamate sono aumentate del 2,7%). Nella seconda parte dell’anno, dopo l’entrata in servizio del servizio SAS, l’incremento è stato solo dell’1% (sebbene le chiamate siano aumentate del 13%).

Per fare ciò vengono assegnati gli Assistenti al Regolamento Sanitario (ARM), fino a 13,5 equivalenti a tempo pieno. Per sviluppare ulteriormente tali posizioni, il prossimo settembre aprirà un centro di formazione nell’ambito di una partnership con gli ospedali di Auxerre e Chalon-sur-Saône.

Il numero delle linee telefoniche è stato raddoppiato, la geolocalizzazione delle chiamate nonché uno strumento di visita medica è stato implementato su tablet digitale in formato congiunto tra CHU e SDIS 21. L’offerta di trasporto medico è stata aumentata del 30%.

READ  Salute, semaforo giallo per il CAQ

Oggi, l’83% delle chiamate alla posizione 15 riceve risposta entro 30 secondi e il 94% entro 1 minuto.

Riunioni a porte chiuse

Prima di lasciare il CHU, François Brown ha avuto il tempo di discutere con il dottor Sebastien Merrick, anestesista, rianimazione e “relè sanitario” di Emmanuel Macron durante la campagna presidenziale (Leggi il nostro articolo).

Inoltre, nel pomeriggio, il ministro della Salute si è confrontato a porte chiuse rispettivamente con François Repsamine (PS, Progressive Union), sindaco di Digione, e con François Sauvadet (LCOP), presidente del Consiglio provinciale della Cote-Golden.

Jean-Christophe Tardefon