Dicembre 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il rilevatore più sensibile al mondo è stato testato per la prima volta

La ricerca della materia oscura ha trovato un nuovo paio di occhiali. Divertiti nuovo mondo. Questo nuovo accessorio è il rilevatore LUX-Zeplin (LZ), installato in una miniera d’oro abbandonata nel South Dakota, negli Stati Uniti. Tre mesi e mezzo di test che questa macchina gigante contiene quasi 10 tonnellate di xeno liquido Si è rivelato essere il rilevatore di materia oscura più sensibile di sempre.

“Il centro del rivelatore è il luogo più puro della Terra, forse anche dell’intero sistema solare, Garanzia settimanale shamkur gaghun membro del team LZ. È l’unico spazio sul nostro pianeta, o sotto la crosta terrestre, che è anche protetto dalle radiazioni e dalla polvere. I dati ottenuti durante il periodo di test non sono sufficienti per rilevare nulla, ma ora gli scienziati sono pronti a cercare la materia oscura in modo serio.

citato notizie scientifiche, Hugh LippincottUn fisico dell’Università della California, Santa Barbara, portavoce di LZ, ha detto durante il webinar Vedi i risultati7 luglio:

“La materia oscura rimane uno dei più grandi misteri della fisica delle particelle oggi.”

Si ritiene che la materia oscura rappresenti l’85% di tutta la materia nell’universo, ma non sappiamo esattamente di cosa si tratta. Le osservazioni astronomiche, ad esempio, mostrano che le stelle in una galassia “normale” ruotano così velocemente che la loro gravità combinata non dovrebbe essere sufficiente per impedire loro di “volare” nello spazio. “Quindi i fisici ipotizzano che una sorta di materia oscura invisibile – molto probabilmente una nuova particella – fornisca la gravità extra necessaria per tenere basse le stelle”, spiegare Scienze. Questa “cosa” si chiama materia oscura. Perché non si irradia nell’universo, non riflette la luce e non la emette.

READ  Venerdì 329.371 casi confermati, oltre 24.500 pazienti ricoverati in ospedale

Alla ricerca di nuovi fenomeni fisici

Sono stati pianificati diversi anni di acquisizione dati utilizzando LZ. Combinate con esperimenti simili con altri rivelatori di materia oscura, in Cina e in Italia, queste informazioni dovrebbero consentire ai fisici di dare finalmente un’occhiata a questa misteriosa sostanza che sarebbe apparsa con la cosiddetta materia normale, che costituisce tutto ciò che ci circonda. Contemporaneamente al Big Bang, 13,7 miliardi di anni fa.

“In questo momento, è un po’ strano, stiamo dicendo che siamo i migliori al mondo a non trovare nulla, È ironico nuovo mondo Chamkaur Ghag, dell’University College di Londra. Ma la possibilità di scoprire nuovi fenomeni fisici nel giro di pochi anni è del tutto possibile».