Dicembre 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Salmonella: Barry Callebaut è l’80% di cioccolato belga, il 20% a livello globale e la più grande fabbrica di cioccolato del mondo

Barry Callebolt. Nel mondo del cioccolato, è il nome di tutti i superlativi. Il gruppo, che a sua volta deve gestire (dopo Ferrero ad Arlon) problema salmonellapossiede la più grande fabbrica di cioccolato del mondo, la fabbrica di Wieze nelle Fiandre Orientali, che è stata costretta a chiudere.

È anche il leader mondiale nel suo settore. Il gruppo ha sede in Svizzera, a Zurigo, ma è di origine belga. La famiglia Kalibo era già a Wes. È una famiglia di birrai, ma nel 1911 Octave (Calibut) decolla nell’industria del cioccolato.

Cioccolato “coprire”, cioccolato, cuocere il cioccolato

Fu Callebaut ad inventare il cosiddetto cioccolato “da involucro”, cioccolato utilizzato dai professionisti, ricco di burro di cacao, che si scioglie più facilmente. È la stessa azienda che ha creato ‘Caltus’, le tavolette di cioccolato, più facili da dosare e conservare.

Nell’anno 96, Callebaut si fuse con il francese Cacao Barry, l’inventore del bastone da fornaio, e allo stesso tempo il pane (couque) au chocolat.

È il più grande acquirente di cacao al mondo.

Questo per quanto riguarda la storia di un gigante: il gruppo è presente in 40 paesi, ha 64 stabilimenti e impiega 12.500 persone. Sul suo sito, Barry Callebaut è orgoglioso di acquistare “Una fava di cacao su cinque nel mondo“.”È il più grande acquirente di cacao al mondo‘, spiega Bart van Bessian, Advocacy Officer di Oxfam Belgium,Fanno ciò che viene chiamatoCopertura al cioccolato‘, sia per grandi gruppi che vendono con il proprio marchio, sia per artigiani, piccoli cioccolatieri, biscottifici… E’ B2B (da azienda ad azienda)“.

READ  Crisi energetica: ecco i termini e le condizioni per usufruire del blocco del mutuo ipotecario

Il 20% dei prodotti a base di cioccolato è mondiale, l’80% in Belgio

Così Barry Callebaut si trova in 1 prodotto di cioccolato su 5 nel mondo, con clienti come i giganti alimentari Mondelez (precedentemente noto come Kraft General Foods, che possiede in particolare Côte d’Or, Cadbury, Milka o Low), Nestle o Unilever (Magnum , Ben e Jerry…).

Il cioccolato dipende eccessivamente da Barry CallebautSpiega Pierre-Alexander Billet, CEO di Gondola, una piattaforma di consumatori e commercio. Questo è più il caso in Belgio! Con noi, l’80 percento di tutto il cioccolato è fornito da Barry Callebaut”.

Poiché la maggior parte dei cioccolatieri in Belgio si posizionano come cioccolatieri belgi, devono acquistare il proprio cioccolato in Belgio, e quindi la maggior parte lo acquista da Barry Callebaut (sono presenti anche Cargill e Belcolade -Puratos-).

Chiuse altre fabbriche

Quindi è probabile che l’impatto della presenza di salmonella nel gruppo di Barry Callebaut sia significativo. Il gruppo svizzero ha dichiarato di aver contattato i suoi 73 clienti che avevano ricevuto il prodotto contaminato e nessuno lo aveva ancora immesso sul mercato, né in Belgio né negli altri paesi coinvolti (Paesi Bassi, Spagna, Francia, Polonia, Croazia, Danimarca, Germania , Regno Unito e Italia). Quindi non vi è alcun rischio per il consumatoreconferma.

Ma se il consumatore sopravvive, non tutte le aziende sopravviveranno. Neuhaus deve chiudere la sua fabbrica per due o quattro settimane per pulire e disinfettare tutto. Guylian dovrebbe anche chiudere temporaneamente diverse linee di produzione per gli stessi motivi. secondo voltaLo stesso vale per The Belgian Chocolate Company e una fabbrica francese a Mondelez.

Problemi di consegna

Inoltre potrebbero sorgere problemi di consegna, vista la chiusura del gigantesco stabilimento di Wieze. Secondo Chubrisco, l’Associazione delle Industrie del Cioccolato, Praline, Biscotti e Pasticceria “Ci sarà un effetto, questo è certo“L’estate non è l’alta stagione per il consumo di cioccolato”,Ma all’inizio di luglio, alcuni player hanno già iniziato ad esportare in Sud America, Giappone, Australia o Cina, ad esempio.“Dipenderà tutto da quanto tempo rimarrà chiuso lo stabilimento di Barry Callebaut.

READ  Gli acquirenti di auto nuove crescono di numero: ecco i tuoi diritti contro i tempi di consegna molto lunghi