Dicembre 2, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sabina Fallimento: Vent’anni dopo, dov’è Air Belgium?

Questa domenica ricorre il ventesimo anniversario del fallimento di Sabina. Nel settore dell’aviazione, le aziende stanno diventando meno nazionali. Ma che dire delle aziende belghe?

SN Brussels Airlines nasce dalle ceneri di Sabina. Creata da quaranta investitori, l’azienda beneficia di 80 anni di esperienza nell’azienda nazionale. Tuttavia, nel 2017, l’azienda belga è passata nelle mani del gruppo tedesco Lufthansa.

Con la crisi sanitaria, l’azienda sta lottando finanziariamente. Poi il governo decide di intervenire finanziariamente: 290 milioni di euro per salvarlo dalla bancarotta. “Il governo belga ha concesso questi 290 milioni sotto forma di prestito. Non so come verranno risarciti perché, viste le prestazioni della società di recente, non sono sicuro di come saranno in grado di pagare. Ma non c’è stato nessun compromesso”, spiega Didier Lippi, segretario permanente di CNE Brussels Airlines.

In termini di risultati finanziari, Brussels Airlines ha indicato la sua chiusura 2019 con una perdita di 40,6 milioni di euro. nel 2020, La perdita è balzata a 293 milioni di euro.

Air Belgium: “Belgia lordo”

Dopo la sconfitta di Sabina, il mondo dell’aviazione è rimasto decisamente fragile. Ma un barlume di speranza brilla nei cieli del Belgio. Nel marzo 2018, una nuova compagnia privata, Air Belgium, ha effettuato il suo primo volo per il Suriname. È specializzato nelle lunghe distanze e ne sottolinea il carattere nazionale. “Questa compagnia ha qualcosa di speciale, non solo il nome Air Belgium, ma il servizio a bordo. Tutto è belga. I prodotti sono belgi, i ristoranti sono belgi, il personale a bordo è ovviamente belga. È un fardello completo”, indica Etienne de Niel, ex vicepresidente di Sabina Europe.

READ  Per iniziare - Toyota GR86 (2022): un'auto analogica nell'era digitale

Air Belgium registrato Utile prima delle imposte 5,6 milioni di euro nel 2019, osso Perdere 16 milioni nel 2020Un anno segnato dal Corona virus.

È chiaro che l’azienda italiana è stata aggirata

Sebbene non ci sia una compagnia aerea finanziata dallo stato in Belgio, sta anche lottando per sopravvivere altrove. Francia, Germania e Gran Bretagna riuscirono a mantenere i loro pionieri nazionali a causa delle dimensioni del paese. Ma l’Italia di recente ha dovuto rinunciare alla propria azienda. “Vediamo, ad esempio, la compagnia italiana Alitalia, che era molto debole, non aveva un mercato interno sufficiente, che era nettamente superato dalle compagnie low cost, anche sul suo territorio‘”, sottolinea Xavier Tytelman, un esperto di aeronautica.

Questi voli low cost sono diventati un incubo per le storiche compagnie aeree nazionali. A medio termine, guadagnerà l’1% del mercato europeo ogni anno, e questo è già stato fatto da più di 20 anni.