Giugno 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Rum, più trendy che mai: “Ho sofferto a lungo di un’immagine appannata dell’alcol pirata, ma è finita!”

Rum, più trendy che mai: “Ho sofferto a lungo di un’immagine appannata dell’alcol pirata, ma è finita!”

Il prezzo del vecchio whisky è salito alle stelle, la vodka è ancora “troppo alta” per non pochi consumatori, il gin è al suo apice ma anche i suoi sapori botanici non piacciono a tutti, Cognac e Armagnac costituiscono i loro “sbocchi”. cos’è rimasto? rum *! Dopo la mania dei mojito e del ti-punch che abbiamo visto emergere negli anni 2010, è passata ancora una volta sotto il radar delle tendenze. Ma ultimamente sta facendo un bel ritorno nel cuore degli amanti dei buoni distillati con una versione più secca e nei menu dei cocktail bar: la sua vasta gamma di aromi gli permette di suonare un insieme impressionante.

Come il gin, distillerie e produttori hanno giocato al gioco della distillazione, proponendo prodotti di maggiore qualità e minore forza. Ma prima di questi forti venti, Rum ha lottato per affermarsi. “La storia del rum risale a più di 500 anni fa. Per molto tempo è stato bevuto solo dove veniva prodotto, nei Caraibi. Il predecessore del rum, prodotto dalla frantumazione della canna da zucchero, si chiamava Eau ardente e aveva una pessima reputazione come alcol pirata, un alcol che rende ciechi.dice Florian, Perolini, grande specialista di questo liquido limpido, ambrato o marrone, che lavora in un nuovo negozio a Bruxelles dal nome schietto “Rhum Attitude”.Questa reputazione è rimasta con lui per molto tempo. Certo, bevevamo sogni caraibici, piña colada, daiquiri, osannato da Hemingway o cuba libre, ma era tutt’altro che un liquore popolare.

Dai cocktail dolci ai prodotti più unici

Una collezione di rum dei Caraibi francesi. © Guarda Viator

e altri”Per quanto riguarda il gin, è stato l’assalto marketing e commerciale dei grandi marchi industriali nel mercato dei cocktail a sollevare il settore dalla sua dubbia reputazione».Florian continua. Chi vede un (singolo) punto positivo nell’arrivo massiccio di rum dolci come Diplomatico (Venezuela, anni ’60) e soprattutto Don Papa (Filippine): “A una base di rum invecchiato si aggiungeva zucchero, tanto zucchero e aromi di caramello o vaniglia. Questi drink tagliati a 40 gradi associati a grandi mezzi di marketing e creativi hanno fatto il resto: sono diventati la base di moltissimi cocktail, nei bar e nei locali alla moda.L’esperto spiega ancora, ma punta il dito sull’uso improprio dello zucchero che contiene:Alcune gamme contengono 21 o anche 45 g per bottigliaTuttavia, è nato un nuovo pubblico interessato, quindi chiunque!Aprire il mercato per i marchi piccoli e artigianali”. E per i curiosi: i bevitori di rum dolce scopriranno cose più secche e artistiche (soprattutto gli amanti del whisky e del cognac).

READ  Lapide della regina Elisabetta II: è realizzata in marmo nero belga

La maggior parte si trova sugli scaffali di Rhum Attitude, la cui offerta in quest’area è piuttosto ampia: 800 referenze di rum sulle 1.200 offerte nei negozi. E unicità: nel negozio, il cliente può riempire la propria bottiglia (acquistata sul posto o portata) in uno dei tre barili: un Armagnac e due rum portati dalla Giamaica e da Trinidad. Gli alcolici di qualità sono offerti a un buon prezzo grazie all’imballaggio e al riciclaggio.

Il rum alla spina, che può essere assaggiato, viene venduto al litro. © Guarda Viator

Questo negozio, di fronte all’Amigo Hotel, è la versione attuale del negozio RhumAttitude.com, uno dei siti più importanti per la vendita di superalcolici in Europa con quasi 4.000 referenze di alcolici (principalmente rum ma anche whisky, cognac e altri distillati), è stato lanciato da Olivier Mignon la cui carriera è iniziata in Pernod Ricard. In quel momento, ha sentito che la clip stava per decollare. Ed è vero: in circa 10 anni il mercato del rum è cresciuto economicamente con nuovi marchi e grande varietà nei paesi produttori: da Capo Verde alle Hawaii.

Bottiglie da collezione

Collezionisti di bottiglie di rum, impagabili! © Guarda Viator

I turisti spingono curiosamente la porta tra il salto sulla Grand Place e la visita al Manneken-Pis. Anche intenditori e collezionisti (e anche investitori) hanno subito sgomberato il posto: qui vendono bottiglie di rum Caroni, che ha un prezzo di cartellino di 490 euro! Ma ci sono tante altre cose che Florian Perolini e un altro esperto Florian Prost offrono a ciascuno secondo le proprie inclinazioni. E il rum totale (di fattoria, marrone o arrangiato) di piccoli produttori a volte costa meno delle note marche che si trovano nei supermercati. “E soprattutto hanno un rapporto qualità/prezzo davvero interessante grazie alle filiere che abbiamo creato grazie al nostro sito.spiega Georges Mignon, che ha accompagnato il figlio Olivier nell’avventura della boutique belga.

READ  Travis Scott ancora una volta ha causato un terremoto in Italia

Democratico, anche il rum si invita sulle tavole gastronomiche: azzeccato”,Sostituirà il vino dolce con il foie gras, per esempioFlorian descrive,Ridurre la sensazione di grasso. E che dire di un rum invecchiato con cioccolato fondente…

* Tutto è consumato con moderazione