Dicembre 3, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Rolls-Royce produrrà piccoli reattori nucleari nel Regno Unito

Il Regno Unito è impegnato a decarbonizzare l’elettricità entro il 2035 e il governo fa molto affidamento sull’energia eolica, soprattutto offshore, ma anche sull’energia nucleare, mentre la sua flotta è a fine vita.

Tempo di lettura: 2 minuti

IlIl produttore di motori britannico Rolls-Royce ha annunciato martedì che costruirà piccoli reattori nucleari “a basso costo” nel Regno Unito “dopo una raccolta fondi di successo” da un gruppo di investitori, tra cui il francese Francois Perodud.

Rolls-Royce, BNF Resources e il gruppo nucleare statunitense Exelon Generation Limited investiranno congiuntamente 195 milioni di sterline in tre anni e il governo britannico inietterà 210 milioni di sterline attraverso l’agenzia governativa UK Research and Innovation, un investimento “già annunciato dal primo ministro. e ministro nel suo piano in dieci punti per una rivoluzione industriale verde.

Una fonte a conoscenza della questione ha confermato all’AFP che il miliardario François Perodud, presidente della compagnia petrolifera e del gas Perenco e membro di una delle famiglie più ricche di Francia, è azionista della BNF.

Rolls-Royce ha affermato che continuerà a “cercare attivamente ulteriori finanziamenti” e a lavorare per identificare i siti “per gli impianti che produrranno le unità che consentiranno l’assemblaggio in loco”, secondo una dichiarazione.

L’amministratore delegato di Rolls-Royce Warren East ha osservato che queste attività potrebbero “creare fino a 40.000 posti di lavoro, diffondendosi nel Regno Unito” ed esportare attività.

Il ministro dell’Energia e delle Imprese Kwasi Kwarting ha aggiunto che “i piccoli reattori modulari (SMR) offrono interessanti opportunità di riduzione dei costi nel nostro uso già in diminuzione dei combustibili fossili” per generare “elettricità pulita”.

A mezzogiorno, la quota del gruppo è salita del 4,2% a 147,74 pence.

progetto verde?

Le ONG ambientali denunciano la presentazione di piccoli reattori come un progetto “verde” e li considerano “più costosi delle tecnologie rinnovabili” e “non esiste ancora una soluzione per lo smaltimento dei rifiuti radioattivi”, afferma Doug Barr, direttore scientifico di Greenpeace.

Peggio ancora, non c’è nessun prototipo in vista a breve termine. La scadenza immediata è una drastica riduzione delle emissioni (inquinanti) entro il 2030 e i piccoli reattori non avranno alcun ruolo in questo”, continua.

Bar conclude: “Se vogliamo ridurre rapidamente le emissioni mantenendo i costi energetici accessibili, le energie rinnovabili con migliori reti di stoccaggio e distribuzione dell’energia sono un’opzione più sicura rispetto ai piccoli reattori nucleari”.

READ  Fai acquisti da Spar? Un nuovo concept che raggiunge diversi negozi in Belgio!