Dicembre 1, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Rischio carenze nei supermercati? I dipendenti del centro di distribuzione minacciano di scioperare

Il nostro Paese rischia ulteriori carenze in alcuni supermercati. Perché ? Minaccia di sciopero dei dipendenti dei centri di distribuzione per chiedere un miglioramento del loro potere d’acquisto e delle condizioni di lavoro. La trattativa è ancora in corso, questa sera, mercoledì, tra i sindacati e la Federazione dei sindacati.

I rappresentanti sindacali difendono gli interessi dei lavoratori nel commercio alimentare. Un settore molto eterogeneo: si passa dal commerciante – il macellaio, il casaro o il droghiere – che impiega gli operai ai centri di distribuzione nei supermercati. In totale, ci sono 70 aziende e 40.000 lavoratori.

Come in altri settori, il punto di partenza delle discussioni è l’aumento di stipendio per il 2021 e il 2022 che il governo ha fissato un massimo dello 0,4%. “Dovresti sapere che lo 0,4% non è ancora ottimo. Questo fa guadagnare un totale di dieci euro al mese. Quando abbiamo riempito 10 euro, se ne sono andati molto velocemente”, afferma Dominic Rowland, responsabile del settore CGSLB.

Nel settore del commercio alimentare, alcuni sono stati rinchiusi. È il caso, in particolare, delle aziende che consegnano ai ristoranti. Altri ne hanno beneficiato, come i supermercati. I sindacati vogliono che se ne tenga conto per il bonus di 500 corone. Vogliono anche aumentare i costi di viaggio di fronte all’aumento dei prezzi del carburante. “Les centres de logistique se trouvent dans des dépôts qui, généralement, sont éloignés des gares. Il n’y a donc pas de transport en commun qui permet de pouvoir aller dans ces centres de logistique. les travailleurû de ça Pour More costoso”, si riferisce a Tangwe Cornu, vicepresidente di FGTB.

READ  Il nuovo vaccino antivirale che potrebbe essere presto disponibile in Europa

Non è stato dato alcun preavviso se non la minaccia di un colpo in aria. E quando sappiamo che quasi la metà degli addetti al settore lavora nei centri di distribuzione dei supermercati, capiamo che la leva è importante. “Abbiamo le feste di San Nicola e il Natale all’inizio di dicembre. Oggi il 120% delle persone lavora nei magazzini. Se non ci sarà un accordo, i magazzini si fermeranno e sarà un problema. Una situazione molto complicata per tutti”, Tanguy Cornu continua.

Questo è il nono incontro consecutivo e forse l’ultimo poiché dovrebbe durare fino a tarda notte.