Luglio 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Riattaccami le gambe”: l’orrore dei bambini amputati a Gaza durante la guerra | Guerra Israele-Hamas

“Riattaccami le gambe”: l’orrore dei bambini amputati a Gaza durante la guerra |  Guerra Israele-Hamas

“Restituiscimi la gamba”, urla Layan Al-Baz, 13 anni, ogni volta che il dolore la sveglia nel suo letto d’ospedale, ed è sopraffatta dalla paura dopo essere stata amputata.

La ragazza, incontrata dal team dell’AFP al Nasser Hospital di Khan Yunis, a sud della Striscia di Gaza, rifiuta di immaginarsi con gli arti protesici, se riuscisse davvero a farli atterrare in un’area priva dei più semplici mezzi di sopravvivenza. .

“Non voglio protesi, voglio che mi riattacchino le gambe, possono farlo”, dice Lian dal suo letto nel reparto pediatrico. Ogni volta che apriva gli occhi, quando l’effetto dei sedativi aveva finito, vedeva i suoi monconi coperti di bende. Sua madre, Lamia Al-Baz, ha spiegato che Layan è rimasta ferita la settimana scorsa in un’esplosione nel quartiere di Al-Qarara a Khan Yunis.

Israele, determinato a “eliminare” Hamas, ha bombardato incessantemente la Striscia di Gaza in risposta agli attacchi mortali sferrati dal movimento islamico palestinese sul suo territorio il 7 ottobre, che hanno causato la morte di oltre 1.400 persone, la maggior parte dei quali civili. Secondo il governo di Hamas, questi bombardamenti israeliani hanno provocato la morte di oltre 10.000 persone, la maggior parte delle quali civili.

“Come farò a tornare a scuola quando i miei amici camminano e io no?” Lian si lamenta, le ferite gli coprono il viso e le braccia. “Sarò al tuo fianco. Andrà tutto bene, il futuro è ancora davanti a te”, cerca di rassicurarla sua madre.

Secondo questa donna di 47 anni, l’attentato ha ucciso due delle sue figlie, Ikhlas e Khattam, e due dei suoi nipoti, compreso un bambino di pochi giorni. Erano tutti nella casa di Ikhlas, che aveva appena partorito. Ha dovuto riconoscere le sue figlie all’obitorio. “I loro corpi erano fatti a pezzi”, dice, “ho riconosciuto Khitam dai suoi orecchini e Ikhlas dalle dita dei piedi”.

READ  Quando l'esercito americano diventa troppo "sveglio" per i repubblicani

(Leggi di più qui sotto)

Layan al-Baz, 13 anni. © Agenzia France-Presse

“Sarò forte”

Nel reparto ustionati, Lama Al-Agha (14 anni) e sua sorella Sarah (15 anni), ricoverate in ospedale dopo l’attacco del 12 ottobre, occupano due letti uno accanto all’altro. La loro madre, che fatica a trattenere le lacrime, siede al centro. La madre ha detto che l’attentato ha ucciso la sorella gemella di Sarah, Sama, e il loro fratello minore, Yahya, di 12 anni.

Punti e cicatrici da ustioni compaiono sulla testa e sulla fronte del lama parzialmente rasato. Dice: “Quando mi hanno portato qui, ho chiesto alle infermiere di aiutarmi a sedermi, e si è scoperto che la mia gamba era stata amputata”.

“Ho sentito un forte dolore, ma ringrazio Dio di essere ancora vivo. Mi metteranno una protesi e continuerò gli studi per realizzare il mio sogno di diventare medico. Sarò forte per me e per la mia famiglia”. ”, aggiunge Lama Al Agha con sorprendente coraggio.

Il dottor Nahed Abu Taima, direttore dell’ospedale Nasser, spiega che di fronte al gran numero di persone infette e alla mancanza di risorse, spesso i medici non hanno altra scelta se non quella di eseguire l’amputazione di un arto per evitare eventuali complicazioni. “Dobbiamo scegliere tra salvare la vita del paziente o metterlo in pericolo cercando di salvare la sua gamba ferita”, spiega.

(Leggi di più qui sotto)

Lama al-Agha, 14 anni.
Lama al-Agha, 14 anni. © Agenzia France-Presse

“Dov’è la mia gamba?”

Ahmed Abu Shahma, 14 anni, indossa una maglia da calcio verde e pantaloni abbinati, cammina con le stampelle, circondato dai suoi cugini, nel cortile della sua casa ormai in rovina nella parte orientale di Khan Yunis, dove era solito calciare un pallone.

READ  Attenzione se andate in vacanza in macchina: dovrete dotarvi di un corpicino ben preciso

Ha detto che la sua gamba destra è stata amputata dopo che un bombardamento ha distrutto l’edificio della sua famiglia, uccidendo sei dei suoi cugini e sua zia. “Quando mi sono svegliato (dopo l’operazione) ho chiesto a mio fratello dove fosse la mia gamba.” Mi ha mentito e mi ha detto che era lì e che non potevo sentirlo a causa dell’anestesia prima che mio cugino mi dicesse la verità il giorno dopo.

“Ho pianto molto. La prima cosa che ho pensato è stata che non avrei più potuto camminare o giocare a calcio come faccio tutti i giorni. Mi sono iscritto all’accademia una settimana prima della guerra”, aggiunge il ragazzo.

Ahmed è un tifoso del colosso spagnolo Barcellona, ​​mentre i suoi cugini sono sfegatati tifosi del Real Madrid. Farid Abu Shahma, uno di quei giocatori, ha detto: “Se potesse tornare indietro nel tempo e ridare ad Ahmed la sua gamba, sarei disposto a rinunciare al Real Madrid per diventare un tifoso del Barcellona come lui”.