Luglio 25, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’esercito israeliano opera nel centro di Gaza: la situazione umanitaria è catastrofica

L’esercito israeliano opera nel centro di Gaza: la situazione umanitaria è catastrofica

L’esercito israeliano ha operato mercoledì nel centro di Gaza City, nei territori palestinesi settentrionali, dove la situazione per centinaia di migliaia di civili rimane sempre più disastrosa dopo un mese di guerra mortale.

Il ministro della Difesa Yoav Galant ha detto martedì sera che le forze sono ora “nel cuore” della città di Gaza, nel nord, dove le battaglie sul campo e una campagna di bombardamenti si sono intensificate negli ultimi giorni per “distruggere Hamas”.

“Non ci sarà tregua umanitaria senza la restituzione degli ostaggi”.Ha aggiunto il ministro israeliano. Secondo Israele, più di 240 persone sono state rapite il giorno dell’attacco di Hamas al territorio israeliano del 7 ottobre, che ha scatenato la guerra.

Almeno 1.400 persone, la maggior parte civili, sono state uccise lo stesso giorno dell’attacco di Hamas, l’attacco più mortale nella storia di Israele.

Da parte palestinese, più di 10.300 persone, la maggior parte civili, tra cui 4.237 bambini, sono morte a Gaza dal 7 ottobre, secondo un rapporto pubblicato martedì dal Ministero della Sanità di Hamas.

“Tombe complete”

Il servizio di comunicazione di Hamas a Gaza ha dichiarato martedì sera, tramite l’applicazione Telegram, che nella Striscia ci sono diversi cimiteri “È pieno e non c’è più spazio per la sepoltura”..

Di fronte alla catastrofica situazione umanitaria nella piccola regione assediata, si sono moltiplicate le richieste di cessate il fuoco da parte delle Nazioni Unite, delle ONG, dei leader del mondo arabo e di altri paesi.

Ha aggiunto: “Le nostre continue richieste per un cessate il fuoco immediato non sono state soddisfatte”.Martedì sera, Medici Senza Frontiere ha espresso il suo rammarico per aver annunciato l’uccisione di uno dei suoi dipendenti in un attentato che ha preso di mira il campo profughi di Beach, alla periferia di Gaza City.

READ  Il tributo alle celebrità piove dopo la brutale morte di Gaspar Ulliel: "Cuore spezzato"

Il Comitato Internazionale della Croce Rossa ha invitato le parti a porre fine alle sofferenze dei civili, esprimendo il proprio rammarico “Fronte morale”. Questa organizzazione ha annunciato martedì che uno dei suoi convogli di aiuti umanitari diretti all’ospedale di Gerusalemme della Mezzaluna Rossa palestinese è stato colpito da colpi di arma da fuoco, senza specificarne la fonte.

“Queste non sono le condizioni in cui gli operatori umanitari possono lavorare”.ha detto William Schomburg, un funzionario locale del Comitato Internazionale della Croce Rossa.

Secondo l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA), citando dati del Ministero della Salute di Hamas, dall’inizio della guerra sono stati uccisi 192 operatori sanitari.

Anche gli Stati Uniti, stretti alleati di Israele, hanno rifiutato l’idea di un cessate il fuoco, che invece appoggiano “Pause umanitarie”E insistere “Il diritto di Israele a difendersi”.

Secondo diverse fonti diplomatiche, i ministri degli Esteri del G7, riuniti a Tokio, cercheranno di unirsi mercoledì per chiedere questo. “Pause umanitarie”.

“Salvaci”

Per la popolazione di Gaza, che conta 2,4 milioni di abitanti, la disperazione è intensa dopo un mese di continui bombardamenti.

“Ferma questa macchina di distruzione. Salvaci.”Hisham Kulab, uno sfollato palestinese, ha dichiarato martedì di essere una vittima degli attentati avvenuti a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza.

Dal 9 ottobre gli abitanti di Gaza, assediati nel loro territorio di 362 chilometri quadrati, sono sottoposti ad un assedio totale che li priva di acqua, elettricità e scorte di cibo.

READ  Stati Uniti: un uomo irrompe nella Corte Suprema del Colorado e apre il fuoco

al Nord, “Molte persone che avevano urgente bisogno di cibo sono entrate negli ultimi tre panifici dove c’erano ancora scorte di farina di frumento”. Lo ha riferito martedì l’Ufficio per il coordinamento degli affari umanitari, che ha contato 650 camion di aiuti umanitari entrati nella Striscia dal 21 ottobre attraverso Rafah, l’unico punto di passaggio nella Striscia di Gaza che Israele non controlla con l’Egitto.

Al sud è un must “Aspetta in media dalle quattro alle sei ore per mezza porzione normale di pane.”L’Ufficio per il coordinamento degli affari umanitari ha stabilito che circa 600 persone, titolari di passaporti stranieri, e 17 feriti, hanno potuto essere evacuate martedì da Rafah.

L’esercito israeliano ha intensificato gli appelli ai civili affinché lascino il nord e cerchino rifugio nel sud, che ritiene più sicuro. Ma i bombardamenti continuano a colpire anche questa parte della regione, dove si sono radunati centinaia di migliaia di sfollati.

Nella regione ci sono più di 1,5 milioni di sfollati interni.

Il Ministero della Sanità di Hamas ha affermato di aver ricevuto l’ordine di evacuare immediatamente l’ospedale Al-Rantisi, aggiungendo che tale evacuazione “Metterebbe in pericolo la vita di bambini e pazienti”..

“Cicatrice terribile”

In Israele, i residenti si sono riuniti martedì in silenzio, preghiera e lacrime per onorare le vittime dell’attacco del 7 ottobre che ha sconvolto il Paese.

“Le atrocità hanno lasciato una cicatrice terribile e un trauma a livello personale ma anche a livello nazionale”.ha detto Asher Cohen, presidente dell’Università Ebraica di Gerusalemme, alcuni dei cui laureati sono stati uccisi.

READ  La condanna di Donald Trump nel processo per presunto pagamento di una porno star è stata rinviata a settembre

Mentre Israele si è ritirato unilateralmente dalla Striscia di Gaza nel 2005, dopo 38 anni di occupazione, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha dichiarato lunedì sera che il suo Paese si sarebbe ritirato. “A tempo indeterminato, responsabilità complessiva della sicurezza” Nei territori palestinesi per impedire il ritorno di Hamas, che è l’organizzazione che ho descritto “terrorista” Da parte di Stati Uniti e Unione Europea.

Queste dichiarazioni hanno scatenato la reazione degli Stati Uniti, che lo hanno confermato “In generale, non sosteniamo la rioccupazione di Gaza”.Lo ha detto il portavoce del Dipartimento di Stato americano Vedant Patel.

Il portavoce della Casa Bianca John Kirby ha dichiarato:“Una cosa è assolutamente certa: Hamas non può far parte dell’equazione”..

In risposta alla dichiarazione di Kirby, il portavoce di Hamas Abdul Latif al-Qanou’ ha detto tramite Telegram: “Ciò che Kirby ha detto sul futuro di Gaza dopo Hamas è solo una fantasia. Il nostro popolo convive con la resistenza e solo lui ne deciderà il futuro”..

Mentre la comunità internazionale teme che il conflitto si espanda, Netanyahu martedì sera ha avvertito che Hezbollah farà proprio questo “L’errore della sua vita” Se entra in guerra faccia a faccia.

Al confine israelo-libanese si verifica quotidianamente uno scontro a fuoco tra l’esercito israeliano e Hezbollah, alleato di Hamas e fedele all’Iran.

La violenza è aumentata anche in Cisgiordania, un territorio palestinese occupato da Israele dal 1967, dove dal 7 ottobre più di 150 palestinesi sono stati uccisi da colpi di arma da fuoco lanciati da soldati o coloni israeliani, secondo l’Autorità Palestinese.