Febbraio 3, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Recensione Sennheiser Ambeo Soundbar Plus: appare la sorellina dell’Ambeo Soundbar Max

Date le prestazioni assolutamente sorprendenti che l’Ambeo Soundbar Max può offrire, l’Ambeo Soundbar Plus ha avuto molto da fare per sorprenderci. La sfida, per così dire, è affrontata brillantemente perché questa battuta sorprende per la sua omogeneità di ampiezza, la sua profondità dei bassi, la sua sbalorditiva precisione e, soprattutto, la sua spazialità ancora mozzafiato.

Per compattezza, l’Ambeo Soundbar Plus è più economica in termini di altoparlanti rispetto alla sorella maggiore poiché ne ha “solo” 9 rispetto ai 13 dell’Ambeo Soundbar Max. Sono quindi presenti sette tweeter da 2″ (circa 5 cm) disposti frontalmente, lateralmente e superiormente, oltre a due tweeter da 4″ (circa 10 cm) posizionati in alto per riprodurre i bassi.

Nella modalità di ascolto più semplice (virtualizzazione Ambeo disattivata, modalità Neutral attivata), il nastro è semplicemente perfetto, sia in termini di accuratezza che di bilanciamento della presentazione del suono. Prima di tutto, l’Ambeo Soundbar Plus dimostra una buona estensione e un buon controllo dei bassi, anche quando non c’è un subwoofer lontano. Questi non sono mai traboccanti e apprezziamo la sottigliezza di effetti, esplosioni e strumenti, come grandi ritmi o pad di sintetizzatori. Anche i medi, come gli alti, sono discreti. I medi alti si ritirano leggermente, fornendo una presentazione morbida e calda in grado di elevare sia il contenuto musicale che cinematografico. Il nastro quindi non è mai aggressivo nella riproduzione timbrica, anche a volume costante. Gli alti sono leggermente potenziati, permettendovi di sfruttare gli effetti della stanza come dovrebbero. Anche il palcoscenico sonoro è ampio, anche se c’è un po’ di avanzamento e dinamica.

Il nastro ha altre cinque modalità: Cinema, Musica, Notizie, Sport e una modalità adattiva che si adatta in tempo reale al contenuto riprodotto dal nastro. Ciò si traduce in modifiche molto minori quando la virtualizzazione Ambeo è disabilitata. Ad esempio, la modalità Cinema porta un leggero aumento dei bassi, mentre la modalità Musica dà più vita allo spettacolo aumentando un po’ i medi. La modalità di miglioramento del suono è abbastanza ben congegnata, in quanto aumenta il livello delle voci umane senza distorcere troppo la riproduzione del suono. Tuttavia, questa situazione dovrebbe comunque essere evitata nei contenuti musicali.

READ  Dove acquistare la PS5 questa settimana?

Per sfruttare appieno le prestazioni del nastro su contenuti misti con 5.1, 7.1 o 3D, è necessario attivare Ambeo Surround Virtualization. Il palcoscenico sonoro viene quindi completamente ridisegnato: effetti collaterali e altezza si estendono ben oltre i limiti fisici del nastro e possono quasi avvolgere l’ascoltatore in una bolla sonora particolarmente immersiva. Aeroplani o elicotteri danno davvero l’impressione di volare sopra le nostre teste, e gli spari sono riprodotti con incredibile accuratezza di realismo. Il sistema di calibrazione aiuta molto a ottenere questa visualizzazione. Il nastro fa anche un ottimo lavoro nel mixare l’upmixing 5.1 e 3D e persino le sorgenti stereo. un upmix che dovrebbe essere evitato quando si ascolta la musica per non distorcere troppo la riproduzione del suono.