Aprile 14, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Questa missione spaziale “rivoluzionerà la nostra conoscenza del ciclo dell’acqua”

Questa missione spaziale “rivoluzionerà la nostra conoscenza del ciclo dell’acqua”

Mentre ieri celebravamo la Giornata dell’acqua, l’UNESCO e il Comitato delle Nazioni Unite per le risorse idriche hanno avvertito di un rischio imminente di una crisi idrica globale. Quindi ci è sembrato interessante presentarvi un po’ più in dettaglio il satellite Swot, una delle cui missioni è comprendere meglio il ciclo dell’acqua e il suo impatto sul clima, concentrandosi su oceanografia, idrologia e costa, che è senza precedenti. È stato fatto. Spiegazioni di Annick Sylvestre-Baron, Direttore Cnes del Programma Swot, e Philippe Maisongrandre, Direttore Cnes del Programma Continental Surfaces.

Il satellite Swot, lanciato nel dicembre 2022, a bordo del veicolo di lancio Falcon 9 di SpaceX, rivoluzionerà l’idrologia portando a quota 891 chilometri un altimetro in grado di monitorare i fiumi e i laghi del nostro pianeta. Swot sarà quindi la prima missione a fare un inventario quasi completo delle risorse idriche sulla superficie terrestre ea monitorarne l’evoluzione, e quindi a migliorare la comprensione del ciclo dell’acqua dolce e del suo impatto sul clima. Mentre l’UNESCO e il Comitato delle Nazioni Unite per le risorse idriche avvertono di un rischio imminente di una crisi idrica globale per i 3 miliardi di abitanti della Terra, questo compito è più necessario e interessante di quanto sembri.

Annick Sylvester-Baron, Cnes Director of Swot Program, spiega che siamo tutti interessati a questo compito che porterà a Rivoluzionando la nostra conoscenza del ciclo dell’acqua del pianeta “Perché dovrebbe essere lì?” E Prima e dopo Swot Concentrandosi sull’oceanografia e sull’idrologia continentale e costiera, Swot mira a ” Per migliorare la nostra conoscenza del ciclo dell’acqua, un ciclo strettamente legato al clima e ai suoi cambiamenti “È davvero.” Il primo incarico di tiro con l’altimetro assegnato a Monitorare il livello di acqua dolce e salata del pianeta » per l’osservazione A Scorte quasi completeacqua in laghi, bacini idrici e persino nelle zone umide ».

READ  Ricco di proteine, questo alimento è ideale per bruciare il grasso della pancia

4.000 chilometri quadrati di preziose zone umide sono scomparsi in 20 anni

Comprendere il comportamento del ciclo idrologico continentale

Swot completerà così il set di osservazioni misurando nuovi parametri necessari per un accurato monitoraggio delle risorse.E Piace Altezze e pendenze, che consentono di valutare la portata dei grandi fiumi, sono una parte essenziale dei dati attualmente mancanti “dice Annick Sylvester Barron. Dalla sua orbita, Swot raggiungerà tutte le superfici d’acqua, comprese le aree difficili da raggiungere come molti laghi in Canada o in Siberia, che rappresentano gran parte del volume di acqua dolce sulla Terra, questo o l’azzurro che diventerà sempre più ambito e più ambito.

Per capire il grande interesse per Swot, Philippe Maisongrandre, Direttore Cnes del programma Continental Surfaces, ci ricorda che “ L’acqua dolce accessibile allo stato liquido rappresenta meno dell’1% di tutta l’acqua del globo. È quindi importante poter stimare la disponibilità di quest’acqua continenti e la loro evoluzione nel tempo e nello spazio Tuttavia, le attuali note di elevazione che esso Non permette di coprire tutti i continenti in modo così sistematico Swot correggerà questo pregiudizio.

Perché il satellite Swot è una rivoluzione?

Combinati con altri dati spaziali (ottici, termici, microonde negative, gravimetrici…), i dati Swot ci permetteranno di ” Migliore comprensione e conoscenza del ciclo dell’acqua su scala globale attualmente sconosciuta “. Dovremmo sapere che se la quantità totale di acqua sulla Terra non cambia ed è costante per milioni di anni”, AUN La distribuzione tra oceani, superfici continentali e atmosfera è in continua evoluzione ».

Sorprendentemente, c’è abbastanza acqua sulla Terra

Sicuramente lì C’è abbastanza acqua dolce sulla Terra, ma c’è un problema di giustapposizione tra i bisogni della popolazione e la distribuzione spaziale e temporale della risorsa Sui continenti, alcune regioni sono interessate da scarsità di precipitazioni, da un massiccio inaridimento del suolo e da un abbassamento della falda freatica, mentre in altre regioni i periodi di pioggia si fanno più intensi a causa delle temperature più elevate che aumentano la forza sedimentaria delle nuvole, con conseguenti inondazioni sempre più frequenti.Ad esempio, all’inizio del 2023, alcune regioni francesi hanno vissuto diverse settimane consecutive senza pioggia. IL Il cambiamento climatico accentua questi fenomeni aumentandone la frequenza e l’intensità Swot consentirà di diagnosticare e comprendere meglio questi cambiamenti al fine di anticiparli e gestirli meglio.

Nel contesto della crescita della popolazione e del cambiamento climatico, Swot è tempestivo. I suoi dati contribuiranno Facilita le decisioni sulla gestione dell’acqua e fornirà anche nuove informazioni sul suo ciclo globale Infatti, la misurazione della portata fluviale e la previsione dell’altezza dell’acqua hanno un forte potenziale applicativo in molti campi come “ Gestione delle risorse di acqua potabile, irrigazione delle colture, navigazione fluviale, previsione di inondazioni e inondazioni o produzione di energia idroelettrica e nucleare (regolata dall’acqua del fiume) Vuoi parlarci di Philippe Mesongrande.

Grazie alle grandi innovazioni tecnologiche, i dati Swot non interesseranno solo la comunità scientifica. Grazie al programma Aval, di cui Swot ha beneficiato, i dati di questo satellite saranno utili per molte applicazioni concrete nella vita di tutti i giorni.

Buono a sapersi

Se vuoi saperne di più sulla missione Swot, intervistiamo Sophie Coutin-Faye, Chief of Altimetry at Cnes, e Nicolas Picot, Swot Project Manager, che spiega perché questo è senza precedenti, sorprendente e scientificamente rivoluzionario. Intervistiamo anche Christophe Duplay, responsabile del programma Swot presso Thales Alenia Space, che ha costruito il satellite.