Luglio 18, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

salute. Come mangi e rimani idratato per rimanere in salute?

salute.  Come mangi e rimani idratato per rimanere in salute?

Dal 23 marzo, la maggior parte dei musulmani inizia il mese del Ramadan, che è uno dei cinque pilastri dell’Islam. In questo periodo di digiuno e preghiera, ci sono alcune buone abitudini da seguire per vivere al meglio questo mese santo. Stiamo valutando.

par Melanie Hennebeck
17:45 | Aggiornato alle 17:55

“Mangia e bevi fino all’alba. Il filo bianco può essere distinto dal filo nero. Quindi digiuna fino al tramonto.” Per la comunità musulmana questo 23 marzo non è stato un giorno come gli altri perché segna l’inizio del mese di Ramadan. Come ogni anno, la maggioranza dei musulmani osserva un periodo di digiuno di circa 30 giorni durante i quali non può mangiare né bere dall’alba al tramonto.

Quando la stella del giorno si addormenta, i praticanti iniziano a rompere il digiuno, cioè rompere il digiuno. L’occasione è buona per preparare diversi piatti e dimenticare per un breve momento le fatiche della giornata. Se la voglia di soccombere a tutti i piatti è irresistibile, alcune abitudini devono governare queste serate gourmet per vivere meglio il mese sacro e mantenersi in salute.

Gestione delle quantità

Judith Lubmansur, MD, raccomanda di seguire prima di tutto le regole dietetiche generali, ovvero il consumo di frutta e verdura o cereali integrali. Mangia i dolci con moderazione. “Certo, nulla è vietato, è soprattutto una questione di moderazione”, ricorda l’esperto. È anche meglio evitare sale, caffeina e alimenti trasformati.

Il medico consiglia di non mangiare troppo la sera e di scegliere con cura le fonti proteiche a quell’ora del giorno. “La sera, è meglio moderare e mangiare carne bianca come il pollo, piuttosto che cibi grassi con salsa”, dice. Per quanto riguarda il suhoor, cioè il pasto poco prima dell’alba, «l’ideale è prevedere uno spuntino non pesante e bilanciato, con acqua, latticini, frutta e un muffin integrale». come esempio.

READ  Salute: Jay Patrick Obiang Ndong discute con le parti sociali

dalla sua parte, l’oms Raccomanda di mangiare tre datteri quando si interrompe il digiuno, poiché sono “un modo tradizionale e salutare per iniziare a interrompere il digiuno”. L’organizzazione incoraggia inoltre i musulmani a evitare cibi fritti e trasformati ad alto contenuto di grassi o zuccheri.

Promuovere cibi idratanti

Di fronte alla tavola è importante anche una buona postura. “Devi mangiare e masticare lentamente, perché se lo fai, mangerai tre volte meno di quanto mangeresti a tutta velocità”, consiglia Judith Lubmansur. In particolare, consiglia di preparare il pasto in anticipo, anche se si tratta di un piatto, per non abbuffarsi come accade con il buffet condiviso con la famiglia. L’assunzione di grandi quantità causerebbe solo nausea o bruciore di stomaco.

Se alcune persone vulnerabili come gli anziani, le donne in gravidanza o i malati sono esentate dal Ramadan, la fede a volte prevale sulle raccomandazioni. Ad esempio, Judith Lobmansaur raccomanda prudenza per coloro che soffrono di insufficienza cardiaca. “Queste persone devono stare attente, perché rischiano di mangiare più sale del solito, il che può esacerbare le loro malattie”, spiega.

Oltre al cibo, è importante reintegrare l’acqua non bevuta durante la giornata. A questo proposito l’Organizzazione Mondiale della Sanità consiglia di mangiare cibi idratanti, come cetrioli e pomodori, e di mantenersi ben idratati tra l’iftar e il suhoor, cioè per tutta la notte. È anche importante muoversi il più possibile e continuare ad allenarsi con una certa regolarità durante questo periodo. L’unico aggiustamento da fare: evitare esercizi ad alta intensità, come la corsa o l’allenamento con i pesi, e favorire la camminata, lo yoga o il Pilates.