Aprile 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Questa corrente oceanica preoccupa gli scienziati perché la sua perdita potrebbe abbassare la temperatura di 30 gradi Celsius in Europa: “L’inverno è come in Canada”

Questa corrente oceanica preoccupa gli scienziati perché la sua perdita potrebbe abbassare la temperatura di 30 gradi Celsius in Europa: “L’inverno è come in Canada”

Diversi studi hanno recentemente messo in guardia sul fatto che questa tendenza potrebbe crollare entro la fine del secolo o che siamo già sulla strada della trasformazione a cui potrebbe portare. per colpa di ? Il riscaldamento globale. Le conseguenze per i terrestri saranno enormi. Tuttavia, le incertezze scientifiche non sono meno importanti. In realtà, si registrano osservazioni dirette di questa corrente solo a partire dal 2004, un periodo molto recente. Ma gli strumenti posti in mare indicano un indebolimento di questa corrente, e sembrano dimostrare che l’acqua trasportata dalla corrente è diminuita di qualche milione di metri cubi al secondo (da circa venti milioni, ovvero quasi cento volte la portata del Rio delle Amazzoni ).

L'arrivo di grandi quantità di acqua dolce

Sappiamo però che amok ha due possibili stati. La prima è la corrente, la cui circolazione è molto forte e provoca un notevole trasferimento di calore dalle basse latitudini (equatore) alle alte latitudini. Questa energia riscalda le acque costiere europee e promuove un clima moderato in Europa.

Il secondo caso mostra una circolazione molto più debole, con meno calore trasferito dall’equatore a latitudini più elevate, e quindi un clima più fresco in Europa. È accaduto in un passato molto lontano, mostrano i dati paleoclimatici. “Improvvisamente, per una ragione che non comprendiamo appieno, una grande quantità di ghiaccio si sciolse ed entrò improvvisamente nell’Oceano Atlantico settentrionale.cita lo specialista in modelli climatici Francesco Ragone (UCLouvain e IRM). Quest'acqua dolce, che non contiene sale, ha ridotto la densità dell'Oceano Atlantico settentrionale. Tuttavia, questa è l’area del mondo in cui l’acqua dovrebbe affondare. L'acqua affonda se è più pesante. Se la densità dell'acqua diminuisce, l'acqua non affonderà e il tapis roulant Amoc potrà fermarsi o almeno rallentare..

L’attuale sistema atlantico è sul punto di crollare? “Ci aspettiamo freddo in Europa”

In questo contesto, comprendiamo chiaramente le preoccupazioni degli scienziati legate all’attuale riscaldamento globale: “Parte del motivo per cui l'AMOC sta rallentando è lo scioglimento dei ghiacci. L'arrivo di acqua dolce attraverso lo scioglimento dei ghiacci (l'altra fonte sono le precipitazioni, ndr) avviene qui principalmente a causa dell'Artico e della Groenlandia.dice Francesco Ragone.

READ  Nuovi argomenti per garantire il futuro della maternità

Ricercatori olandesi pVisualizzato recentemente Se enormi quantità di acqua dolce venissero aggiunte all’oceano – 80 volte l’attuale tasso di scioglimento in Groenlandia – ciò causerebbe un punto di svolta che porterebbe rapidamente al collasso dell’Amok. Allora il clima cambierà radicalmente. In inverno, l'Europa sarà in media sotto lo zero da novembre ad aprile (cosa che attualmente non avviene), mentre in estate la temperatura media scenderà a 15°C (invece di 20°C). A febbraio potremmo perdere fino a 30°C in Scandinavia e nel nord della Gran Bretagna e intorno ai 10°C in Belgio. “Questo non è uno scenario tipo era glaciale in cui tutto gela e c’è ghiaccio in estate, ma gli inverni sarebbero probabilmente più simili agli attuali inverni canadesi che agli inverni europei.“, dice Francesco Ragone.

Previsto un calo delle temperature in Europa dopo il crollo del fiume Amok, secondo lo studio condotto dal ricercatore olandese Rene van Westen. © Natura

Tasso di fusione non realistico

“Ma dobbiamo essere chiarilo studioso si qualifica immediatamente dall'UCLouvain e dall'IRM. Questi risultati non rappresentano ciò che accadrà in futuro. Questo studio olandese non è una previsione. Per avere una previsione per il futuro bisognerebbe simulare un aumento dei gas serra e, a mia conoscenza, una simulazione così realistica non ha mai portato ad un collasso permanente dell’Amoc. Questo studio è in realtà un esperimento artificiale, che consiste nell'imporre un modello climatico numerico in vista del collasso dell'AMOC, simulando l'iniezione di quantità artificiali di acqua dolce nell'Oceano Atlantico settentrionale. Il suo obiettivo è studiare gli effetti del collasso di questa corrente marina e trovare numeri che ci permettano di dire se il sistema si sta spostando da uno stato all'altro. I tassi di scioglimento del ghiaccio utilizzati nello studio non mi sembrano realistici, nemmeno per il futuro. Inoltre, la simulazione dello studio olandese non tiene conto di altri fattori causati dal cambiamento climatico. “Il riscaldamento globale implica anche, ad esempio, il cambiamento dei modelli di circolazione atmosferica, che cambia l'effetto che i venti possono avere sulla superficie dell'oceano. Ciò potrebbe anche cambiare il trasferimento di energia e quindi potrebbe amplificare o negare gli effetti dell'Amoc.”

READ  L'intelligenza artificiale crea nuove proteine ​​terapeutiche da zero, che è una tecnologia innovativa ed economica

Quali sono questi punti critici che “potrebbero portare a devastanti effetti domino” sulla Terra?

Nel loro studio, i ricercatori olandesi credono anche di aver trovato un segnale di allarme precoce, che indicherebbe la situazione attuale. “Verso una svolta” Ciò ha portato al crollo dell’AMOC. Questo parametro è la quantità di acqua dolce trasportata a 34° S nell'Oceano Atlantico, che deve raggiungere il minimo. Questo studio segue un altro studio, pubblicato a luglio, che prevedeva questo collasso tra… il 2025 e il 2095.

Volatilità naturale?

Ma entrambi gli studi sono controversi. Per la prima ricerca, il parametro attualmente selezionato non mostrerà alcuna diminuzione, secondo alcune osservazioni. Mentre il secondo studio, che è stato oggetto di maggiori critiche, ha utilizzato una tecnica “Molto speculativo” Ceylon Francesco Ragone. “Non vediamo prove – almeno quelle che considero prove! -Ci stiamo avvicinando a un punto di svolta. In questo momento, ciò che stiamo osservando nei dati è un calo dell’AMOC negli ultimi dieci anni. L'indicatore utilizzato è la quantità di acqua trasportata a 20° di latitudine N nell'Oceano Atlantico. Gli strumenti sono collocati lì perché il volume d'acqua ivi trasportato rappresenta l'intera circolazione. Ma i valori di diminuzione osservati corrispondono a fluttuazioni naturali.. È una tendenza o no? La scienza non è unanime. Le prove di questa tendenza provengono in realtà da simulazioni o osservazioni indirette.

Crollo?

Ci sarà un collasso dell’AMOC? La mia opinione è la stessa del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (Esperti climatici delle Nazioni Unite, ndr). L’AMOC diminuirà, forse in modo significativo, ma un collasso è altamente improbabile. La maggior parte delle simulazioni mostrano un declino, ma non un collasso. Ci sono alcuni casi di collasso, ma segue la ripresa. Secondo il Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici, la probabilità di collasso è inferiore al 5%. Ma poiché questo collasso è un evento a bassa probabilità, ma ad altissimo impatto, non possiamo far finta che non esista! Ma se indosso i panni del cittadino, e se fossi ministro per i prossimi dieci anni, preferirei pensare a investire contro le ondate di caldo e la siccità, perché a questo livello siamo sicuri che ci saranno incrementi importanti.

READ  Sanità: Finalmente arriverà il primo medico al nuovo Centro Lodiak!

Se il collasso è improbabile, quali conseguenze avrebbe sull’Europa l’“indebolimento” (la diminuzione) dell’AMEC? “Possiamo aspettarci che la circolazione atmosferica e le precipitazioni cambino (in alto o in basso, non lo sappiamo)… e il Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici prevede anche più tempeste invernali nelle nostre regioni. Anche l’Europa sarà più fresca. Quanto e quanto? È sufficiente per compensare il potenziale aumento della temperatura (da 2 a 4°C) causato dai gas serra entro il 2100? Ciò non può essere escluso, ma attualmente gli scienziati non hanno buone stime del grado di raffreddamento dell’Europa causato dall’indebolimento dell’AMOC, poiché dipende da molti fattori. “Abbiamo buone stime del riscaldamento globale. Ma non abbiamo stime del raffreddamento causato dal declino dell’AMOCsottolinea anche Ragon, che ha valutato l'Amoc durante la prima conferenza sul clima del Centro climatico belga. Pertanto non possiamo dire quanto il riscaldamento globale sarà assorbito dal raffreddamento dell’Amoc. L’Amoc rimane un mistero sotto molti aspetti. Ma è un’area di ricerca molto attiva. Penso che nel prossimo rapporto dell’IPCC avremo più informazioni rispetto al rapporto precedente.

A questo punto, nonostante le osservazioni di declino di Amok, non vediamo alcun segno che l’Europa stia iniziando a calmarsi. “L'indebolimento dell'Amoc è ancora troppo limitato per vedere il suo impatto sulle temperature europee. Per iniziare a vedere l'impatto, l'Amoc dovrà continuare a diventare molto più debole e più forte. Per vedere l'impatto, potrebbero volerci dai 50 ai 100 anni, secondo ad alcune proiezioni.”