Luglio 5, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La razza umana non verrà da Marte – rts.ch

La corsa per esplorare Marte è in pieno svolgimento. Ma stabilire una colonia umana sul Pianeta Rosso rimane un sogno di fantascienza irrealizzabile e indesiderabile per molti, molti astrofisici.

Nel settembre 2016, durante una conferenza a Guadalajara, in Messico, Elon Musk, in particolare il capo di Space X e Tesla, ha annunciato il suo piano per colonizzare Marte. Sembra essere un progetto molto potente, con un obiettivo: una città marziana di un milione di abitanti entro la fine di questo secolo.

>> Leggi a riguardo: Il miliardario Elon Musk vuole costruire una “città” su Marte

La colonizzazione umana di Marte è realistica? No, secondo l’astrofisica e collaboratrice scientifica del Dipartimento di Astronomia dell’Università di Ginevra, Sylvia Ekström. Ha firmato il libro con suo marito Non vivremo su Marte o altrove. (Direttore. Favre). I suoi argomenti sono molteplici.

storia dell’acqua

Innanzitutto, il pianeta rosso è inabitabile. Ciò significa che l’acqua cambia da ghiaccio a vapore senza una transizione liquida. Tuttavia, l’acqua è essenziale per la vita come la conosciamo. Quindi una fondazione marziana può aver luogo solo sotto una campana, in una città delle bolle.

La creazione di una struttura del genere sarà molto complicata, anche se viene eseguita a terra. L’idea di estrarre materiali di base direttamente da Marte è attraente, ma poco pratica perché richiede la costruzione di fabbriche e altiforni sul sito.

affaticamento del corpo

Inoltre, non possono essere trascurate le restrizioni sanitarie relative ai viaggi in assenza di gravità. Il semplice volo dura almeno cinque mesi e gli astronauti della ISS ci hanno insegnato che questi soggiorni non sono stati privi di conseguenze: la circolazione sanguigna è completamente disturbata, così come la massa di ossa e articolazioni. Un soggiorno di sei mesi sulla Stazione Spaziale Internazionale corrisponde a un invecchiamento di dieci o vent’anni sulla Terra.

READ  Philip Claessens acquista un nuovo edificio a Verviers: Chateau Betonville

Infine, i Martionauts saranno bombardati con raggi cosmici, un’esposizione alle radiazioni equivalente a cinquantacinque radiografie del torace al giorno.

idea vergognosa

Michel Mayor, astrofisico e Premio Nobel per la Fisica 2019, si dichiara “totalmente sensibile all’idea di una colonia marziana”. In effetti, questa idea lo stupisce: “Invece di preoccuparsi della vita sulla Terra, l’umanità esporrà collettivamente mezzi enormi per permettere una tale esperienza; è una sciocchezza!”. Il progetto è stato anche considerato “impossibile”.

Allora perché l’opinione pubblica è così influenzata dalle idee di Elon Musk? Secondo Florian Cova, assistente professore di filosofia e psicologia all’Università di Ginevra, una spiegazione è qualcosa chiamato pregiudizio di prestigio, che è una tendenza a voler imitare e seguire le persone di maggior successo.

Adrien Zerbini / SP