Maggio 25, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Quentin Barent ha allenato Evenbühl all’Anderlecht: “Remco non cerca mai scuse: lavora, lavora, lavora sempre!”

Quentin Barent ha allenato Evenbühl all’Anderlecht: “Remco non cerca mai scuse: lavora, lavora, lavora sempre!”

La bici era già nella sua testa quando aveva 15 anni?

“Sono andato molto d’accordo con Remco molto velocemente perché eravamo entrambi appassionati di ciclismo! Lunedì abbiamo discusso delle gare del fine settimana. E già in quel momento, ricordo di avergli detto che con le sue qualità avrebbe dovuto correre due o tre, senza nemmeno sapere come faceva nuotava. Ma nella sua testa non c’era spazio per dubbi, era il calcio, punto! So che domenica, il giorno dopo le partite, guidava un po’ con suo padre, per ripulire lo sporco… Cosa che ci ha consigliato perché, avendo comunque già una resistenza eccezionale, non era una qualità tale da dover lavorare prima per avanzare nel calcio”.

Tutte le sue azioni e gesti sono interpretati, positivamente o negativamente. Ovviamente, la parte più difficile è gestire i commenti negativi a cui tiene… non leggerli! È un personaggio pubblico. Gestire tutto sarà una delle chiavi della sua carriera.

Quindi lo conoscevi bene da adolescente. Ora è un adulto che da poco si è sposato ed è diventato un campione del mondo nella sua disciplina. Amido. Hai sentito questo sviluppo?

“Sì sì! Ho notato in particolare questo sviluppo dall’inizio della sua carriera agonistica. A Neerpede ci siamo confrontati con il ‘guerriero Remco’. Io, quello che mi ha davvero colpito per un buon anno è che la sua squadra ora è tranquilla e calma, molto diverso dal periodo e dalle stagioni calcistiche La sua prima in bici. Nel 2022 se è in pista Liegi-Bastogne-Liegi, alla Vuelta o ai Mondiali, com’è calmo! E la stessa sensazione l’ho provata durante la festa organizzata alla Grand-Place di Bruxelles. quando il sindaco Filippo Vicino Gli ho passato il microfono, ero preoccupato guardando la folla, la pressione ecc. Ma lui ha risposto con molta calma, prendendosi del tempo per pensare. È un bel cambiamento nel suo leader. Anche se a volte ritorna la sua personalità guerriera, con i suoi lati positivi e negativi, anche il suo atteggiamento si è evoluto nella corsa. “

Sappiamo che Evenepoel ha recentemente letto libri sulla preparazione mentale, cosa che non ha fatto quando era ancora un giovane calciatore adolescente. Forse da questi libri ha imparato come affrontare certe situazioni.

READ  Leila Fernandez fa piangere i belgi alla Billie Jean King Cup: "Sono disgustata"

“Questo è sicuro, sì. Ha davvero lavorato molto in questo settore. So, ad esempio, che si ferma dall’andare sui social durante i pasti. Sono un mucchio di piccole cose che lo aiutano nella sua vita oggi. Quando giocava a calcio a 15-16 anni non aveva a che fare con tutto ciò che accadeva intorno a lui come i media, i tifosi, i social network, ecc. D’altra parte, deve concentrarsi.Per tutto ciò che esiste, per questa famosa gestione emotiva che fa parte dei criteri di prestazione e che influenza il percorso di carriera e la vita personale di un atleta di alto livello, con i suoi risultati recenti, questo l’allenamento invisibile è una parte crescente della sua vita quotidiana.È un vero passo positivo quello che ha fatto.Non dirò che abbiamo mai avuto un “nuovo Remco” ma in ogni caso ha superato una pietra miliare.Tutte le sue azioni e i suoi gesti vengono interpretati, positivamente o negativamente.Ovviamente, la parte più difficile è gestire i commenti negativi a cui tiene…e non leggerli!Inoltre, prova che lo ha toccato, in alcune celebrazioni di vittorie, e si è portato l’indice alla bocca per rivolgersi ai suoi critici. Durante la sua carriera, vivrà necessariamente alti e bassi. E deve imparare a ignorare i momenti di perdita, sia in pubblico che nel suo cuore. È un personaggio pubblico. Gestire tutto sarà una delle chiavi della sua carriera. “