Agosto 12, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Van Aert mette fine alla noia, al punteggio di Kurt e all’indolenza degli sloveni: cosa ricordare dalla quarta tappa

Magnus Cort batte il record nelle Isole Bahamont!

Terza tappa in linea e terza separazione dal danese Magnus Kurt Nielsen. Non solo ha indossato la maglia a pois sul suo terreno di casa, il ciclista EF Education ha dovuto prendere almeno un punto in più martedì per assicurarsi di mantenere la sua vestaglia. E lo dovrà tenere fino a venerdì, al termine della tappa che dovrebbe permettere al vincitore della vetta della Super Planche des Belles Filles di superare il danese.

Oltre alle cinque giornate a pois, Kurt si sarà regalato un record incredibile: corridore come è, ha appena fatto meglio del mitico Federico Bahamontes (una maglia a pois sei volte a Parigi) vincendo… i suoi primi undici sprint al vertice di una corsa in bicicletta in Francia. Certo, queste erano solo salite di Classe 4, ma nonostante ciò, stiamo parlando di un record di 64!

Roglic è un po’ basso, Poojakar è così solo

Un’altra lezione per oggi è il periodo di stagnazione dato da Primuz Roglic e Tadej Pojaccar. In una fase del round giocato sul pedale, raramente vediamo passare gli sloveni. Da parte di Primoz Roglic, c’è poca preoccupazione: l’allora campione olimpico era al volante con i suoi compagni di squadra prima di prendere il volo e vedere l’altro capitano della squadra, Jonas Weinggaard, mostrare una buona forma essendo sul punto di cambiare con i gialli maglia.

Dalla parte di Tadej Pogacar, il problema è probabilmente minore alle gambe: la maglia bianca non era ben posizionata in fondo alla salita e non ha saputo rispondere. Inoltre, mentre ci avvicinavamo a Cap Blanc-Nez, lo vedevamo spesso molto solo negli avamposti perché molti membri della sua squadra, a cominciare da Hirschi e Bjerg, mostravano i loro limiti. Cosa diamo in futuro agli avversari vincitori del doppio round? probabilmente.

READ  Doppia di Haaland, aiuto di De Bruyne: il Manchester City domina il West Ham grazie al nuovo magico duo

Da domani la fine della noia

Il Tour de France 2022 è iniziato molto tranquillamente, fino ai piedi del Cap Blanc-Nez. Nessuna restrizione in Danimarca e salta la quarta tappa… a Cap Blanc-Nez. In termini di presentazione, sapevamo meglio. Ma la buona notizia è che Wout van Aert ha deciso che basta un secondo posto. L’attacco di massa di Jumbo-Visma sull’ultima salita della giornata ha svegliato tutti gli spettatori del tour e ha ricordato la prima tappa della Parigi-Nizza. Con un solo finale questa volta: Wout van Aert. Qualcuno che ha vinto tre delle ultime sei tappe del Tour de France (comprese le ultime due tappe dell’edizione 2021), e non è mai arrivato secondo, ha fornito un vero capolavoro prima, molto probabilmente, servendo Roglic e Vinggaard da mercoledì.

In effetti, il palcoscenico di Arenberg e le sue undici sezioni acciottolate susciteranno inevitabilmente contese, mentre il Longwy Theatre, che giovedì attraverserà la Vallonia, fornirà un terreno di gioco ideale per i giocatori. Cosa vedete altri attacchi e che dire del teatro del venerdì che si concluderà con la Super Planche des Belles-Files? Devi far nascere la prima grande spiegazione tra i favoriti del tour. E poi, gli sprint massicci saranno rari in quanto il prossimo incontro dei big coscia dovrà aspettare Cahors (e ancora, senza garanzie), durante la diciannovesima tappa.