Novembre 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Quello che vuole il nemico è chiaro”: Zelenskyj risponde a diversi attacchi russi

“È chiaro cosa vuole il nemico. Non raggiungeranno il loro obiettivo”, ha detto in un breve video pubblicato sui social media, aggiungendo che “85 missili sono stati lanciati” dall’esercito russo martedì “principalmente contro le infrastrutture energetiche”. . Un portavoce dell’aeronautica ucraina gli ha detto in precedenza che c’erano più di 100 missili russi.

Volodymyr Zelensky ha invitato la popolazione civile a “rimanere nei rifugi per un po’” perché, secondo lui, “potrebbero esserci altri venti raid” in futuro.

“Lavoriamo, riprendiamo tutto, vivremo tutto”, ha detto in questo video, girato nel suo ufficio.

Leggi anche: Diverse città ucraine sono state attaccate: la Russia ha lanciato più di 100 missili, la situazione a Kiev è “estremamente complicata”

Kiev ha immediatamente invitato i paesi del G20, che attualmente si stanno incontrando in un vertice in Indonesia senza il presidente russo Vladimir Putin, a fare pressioni su Mosca in risposta.

“Gli edifici residenziali e le infrastrutture energetiche sono interessati. Stiamo aspettando una reazione in linea di principio dal vertice del G20”, ha scritto su Twitter il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba.

In una lettera pubblicata sia in inglese che in ucraino, ha esortato: “E per favore evitate di ‘contattare entrambe le parti. Mettetevi dalla parte del popolo, non dei criminali di guerra’”.

Leggi anche: Un ministro olandese che martedì era presente alla sparatoria a Kiev: “Gli autori devono essere ritenuti responsabili”

Almeno una persona è stata uccisa martedì a Kiev a seguito degli attacchi russi, i primi nella capitale ucraina dal 17 ottobre.