Dicembre 8, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Annuncio Trump: cosa direbbe l’ex presidente degli Stati Uniti

Donald Trump aveva promesso un “annuncio molto grande” questo martedì, prevedendo che potrebbe essere “uno dei giorni più importanti nella storia del nostro Paese”.

Il suo consigliere Jason Miller ha promesso una dichiarazione “molto professionale ed elegante” in cui l’ex presidente sarebbe stato circondato da un folto gruppo di attivisti che “portavano striscioni”. Noto per la sua imprevedibilità, Donald Trump, che da mesi flirta con l’idea di rappresentarsi, potrebbe comunque stravolgere il calendario all’ultimo minuto.

Il ritiro sarà difficile, però, perché ha sollevato aspettative. L’imprenditore si aspettava che martedì sarebbe stato “uno dei giorni più importanti nella storia del nostro Paese”.


Leggi anche
Mid-term negli Stati Uniti: Donald Trump sull’orlo

nessuna “onda gigante”

Quando Donald Trump è salito al potere nel novembre 2016 in uno scenario politico senza precedenti che quasi nessuno si aspettava, Donald Trump ha deriso tutte le usanze durante la sua presidenza. Ha lasciato Washington allo sbando dopo aver fallito nel cercare la rielezione contro Joe Biden, una sconfitta che non ha mai ammesso. Quindi questa nuova nomination sarà la terza per il 70enne alla Casa Bianca.

Preannuncia anche una potenziale riconfigurazione delle elezioni presidenziali del 2020: il presidente Biden ha recentemente riaffermato la sua “intenzione” di candidarsi per un secondo mandato, sebbene sia desideroso di ritardare qualsiasi decisione finale fino al prossimo anno.

Si sarebbe dichiarato candidato anche prima della fine delle “elezioni di medio termine”? Nelle ultime settimane sono circolate voci su un imminente annuncio di Donald Trump, l’allora presidente determinato a cavalcare l’atteso successo dei repubblicani alle elezioni dell’8 novembre per riprendere il potere.

READ  Francia: verso nuove misure per fronteggiare la quinta ondata di Covid?


Leggi anche
A medio termine: “Il vero pericolo? Gli sforzi repubblicani per cambiare le regole elettorali

Ma l'”ondata gigante” che i conservatori avevano previsto con tanta sicurezza non si è concretizzata, tutt’altro: il partito democratico del presidente Biden questo fine settimana è desideroso di mantenere il controllo del Senato e potrebbe persino espandere la sua maggioranza, vanificando le aspettative dei sondaggisti.

È probabile che i repubblicani subentrino alla Camera dei rappresentanti dai democratici, ma con una maggioranza molto più piccola del previsto. A peggiorare le cose, lunedì uno dei suoi stretti alleati, Carrie Lake, non è riuscito a impossessarsi dell’ambita sede del governatore dell’Arizona.

Questa performance più che mista del campo repubblicano, in particolare dei candidati di Donald Trump, ha screditato il kingmaker sul pulpito. Diverse voci influenti nel campo conservatore hanno chiesto al magnate immobiliare di dimettersi dalla leadership repubblicana e di gettare un’ombra sui suoi progetti presidenziali.

Duello in Florida?

Una parte dell’elettorato conservatore si è già rivolta a un altro potenziale contendente alla Casa Bianca con sede in Florida: il governatore Ron DeSantis. Il 40enne nuovo protagonista dell’estrema destra, uscito più forte dalle elezioni di medio termine, ha affermato che la sua lotta “era solo l’inizio”.

Ma Donald Trump attualmente conserva un’innegabile popolarità con la sua base, un’ondata di cappelli rossi che continua a riversarsi negli incontri della sua campagna. La maggior parte dei sondaggi d’opinione gli dà ancora il vincitore delle primarie repubblicane.