Maggio 20, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Ucraina: il presidente Zelensky si rammarica del comportamento “scorretto” di Macron

“Non dobbiamo cercare una via d’uscita per la Russia, e Macron lo sta facendo invano”, ha espresso rammarico il signor Zelensky giovedì sera sul canale televisivo italiano RAI 1, secondo le foto trasmesse dal suo canale Telegram venerdì. “So che vuole ottenere risultati nella mediazione tra Russia e Ucraina, ma non ne ha ottenuti”, ha detto.

“Finché la stessa Russia non vorrà e capirà di aver bisogno (la fine della guerra, ndr), non cercherà alcuna via d’uscita”, ha aggiunto il presidente ucraino.

Macron ha affermato lunedì che per porre fine alla guerra condotta dall’esercito russo in Ucraina, è necessario costruire la pace senza “umiliare” la Russia. Ma per Zelensky, “Macron non ha bisogno di fare concessioni diplomatiche (alla Russia) ora”.

Ha ritenuto questo approccio “non del tutto corretto” per consentire, ai suoi occhi, a Putin di “salvare la faccia”, in un momento in cui i russi stanno ancora cercando di controllare l’Ucraina meridionale e orientale. Il presidente ucraino ha anche ritenuto che “il tempo di sedersi a un tavolo con la Russia è finito”. “Non è più possibile”, ha detto.

“Il presidente della repubblica non ha mai discusso nulla con Vladimir Putin senza il consenso del presidente Zelensky. Ha sempre detto che spetta agli ucraini decidere i termini dei loro negoziati con i russi”, si è difeso venerdì.

Dopo diverse sessioni di colloqui tra Kiev e Mosca a marzo, le discussioni da allora si sono bloccate e le posizioni dei partiti sono divergenti. “Oggi il dialogo (con Mosca, ndr) deve essere pratico”, ha aggiunto.

Volodymyr Zelensky ha ribadito ancora una volta il desiderio di incontrare Vladimir Putin, “ma solo con lui, senza alcun intermediario”. “Con un approccio di dialogo, non (emettendo) avvertimenti”, ha affermato.

READ  L'influenceuse ukrainienne enceinte à Marioupol réapparait dans un média pro-russe: vrai témoignage ou mise en scène ?