Maggio 26, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il governo federale si impegna ad accelerare la consegna degli aerei F16 all'Ucraina

Un comitato ministeriale ristretto, riunitosi venerdì mattina, ha deciso di confermare la decisione di inviare gli aerei in Ucraina e di accelerarne la consegna. In termini pratici, Kern ha deciso che “Attuare la decisione di consegnare gli aerei F16 il prima possibile.”

“Mentre quello “La guerra sta entrando in una fase decisiva e l’obiettivo è consegnare gli aerei F16 quest’anno”. Lo ha detto Alexander De Croo (Open VLD), primo ministro, nel corso di una conferenza stampa.

“Non possiamo aspettare il prossimo governo”.

Dopo il 9 giugno non ci sarà più un governo federale a pieno titolo e la situazione in Ucraina si sta deteriorando. Non possiamo aspettare un anno o due affinché il prossimo governo prenda una decisione sulla consegna degli F16“, spiega una fonte governativa.

Di quanti dispositivi stiamo parlando? Si tratterà di due o quattro F-16, che dovranno essere sostituiti dagli F-35 che il Belgio ha acquistato dalla Lockheed Martin. Ma questo dipenderà da quanti piloti ucraini saranno già stati addestrati a quel punto, da quanti meccanici saranno in grado di prendersi cura dell’aereo e da quanti aerei verranno consegnati da altri partner.

Questo argomento è effettivamente emerso durante il Kern mercoledì scorso. Alexander De Croo aveva messo sul tavolo, con l'appoggio del movimento comunista, la questione degli aiuti concessi dal Belgio all'Ucraina, e ne aveva chiesto una rivalutazione. Ha quindi ripetuto le dichiarazioni fatte a Kiev in ottobre. “Dobbiamo ammettere che dobbiamo fare di più e che dobbiamo fare meglio”.“, ha annunciato il primo ministro.

La riluttanza di Ecolo

“Lo avevamo chiesto, ora è fatto! Stiamo aumentando il nostro sostegno all'Ucraina prendendo la decisione di oggi di inviare i nostri aerei F16 per proteggere gli ucraini.”“, si è rallegrato David Clarenvall (MR), vice primo ministro responsabile per gli indipendenti.

Nawras

“Lo avevamo chiesto, ora è fatto! Stiamo aumentando il nostro sostegno all'Ucraina prendendo la decisione di oggi di inviare i nostri aerei F16 per proteggere gli ucraini.”

Ekulu e Grun furono i più difficili da convincere perché i Verdi avevano paura di usare questi aerei sul territorio russo. Gli ambientalisti hanno ottenuto una chiara clausola nel testo secondo la quale questi dispositivi saranno utilizzati solo nello spazio aereo ucraino, da piloti e personale di manutenzione ucraini.

READ  Ordine record di Rafale 17 miliardi di euro

La questione della consegna degli aerei all’Ucraina è molto delicata. Si tratta infatti di una rivalità intragovernativa tra il ministro della Difesa Ludivine Didondire (PS) e il ministro degli Esteri Hajja Habib (MR).

Lo scorso settembre, il movimento rivoluzionario ha annunciato di aver ottenuto dal governo uno studio del Ministero della Difesa, volto all'invio di aerei F16 in Ucraina. Questo annuncio, fatto senza consultazione, ha offeso i suoi partner.

La reazione del Partito socialista è stata quella di sottolineare che non poteva consegnare gli F16 all'Ucraina per motivi “Tecnico e operativo“.”Se avessi degli F-16 da dare all'Ucraina, li darei, Ludivine Didondre ha detto. Ma non metterò a repentaglio la sicurezza dei nostri residenti”.

Ludivine Dedonder ha potuto confermare venerdì che la capacità operativa del Belgio non diminuirà a causa di queste consegne. “La Russia lancia nuovi attacchi: il nostro sostegno all’Ucraina rimarrà costante finché continuerà l’invasione”.Ha aggiunto Ludivine Didondre (PS), ministro della Difesa. “Aiutando l’Ucraina, garantiamo anche la nostra sicurezza”.

Il governo ha anche annunciato la concessione di una nuova dotazione del valore di 200 milioni di euro come aiuto per partecipare all'iniziativa tedesca per la fornitura di un sistema antiaereo all'Ucraina.

Nell’ambito del nuovo pacchetto di sanzioni contro la Russia, il governo federale chiede anche una graduale sospensione del trasporto di gas naturale liquefatto russo nei porti europei. “Il governo è impegnato a sostenere l’Ucraina e gli ucraini di fronte all’invasione russa. Ma questo avrà senso solo se smetteremo di aggiungere denaro al tesoro di guerra di Putin“, ci dicono l'ufficio di Tine van der Straeten (Groen), ministro dell'Energia e Georg Gilkennett (Ecolo), vice primo ministro.

READ  Attacco di Hamas in Israele: “Non abbiamo riparo, camminiamo per le strade senza uno scopo preciso”