Marzo 2, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Quello che sappiamo del previsto attacco israeliano a Rafah

Quello che sappiamo del previsto attacco israeliano a Rafah

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha ordinato all'esercito israeliano di prepararsi ad un attacco a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, con l'obiettivo di “distruggere” Hamas in quella città. Ha anche chiesto “l'evacuazione” dei civili, la stragrande maggioranza dei quali sono rifugiati di guerra. La comunità internazionale è preoccupata per questo nuovo attacco, che potrebbe causare la morte di migliaia di persone.

Quattro mesi dopo l’attacco lanciato dal movimento palestinese Hamas contro Israele e l’inizio della risposta israeliana, la guerra infuria ancora nella Striscia di Gaza. Per sfuggire ai bombardamenti, più di 1,3 milioni di palestinesi, secondo i dati delle Nazioni Unite, si sono rifugiati a Rafah, una grande città situata nel sud della Striscia di Gaza, al confine con l'Egitto. I civili si stanno radunando, in condizioni umanitarie disperate, in questa città, trasformata in un enorme campo.

Dopo Gaza City e poi Khan Yunis, è ora Rafah il bersaglio di Israele che pianifica un'operazione di terra. Il primo ministro Benjamin Netanyahu è arrivato sul posto il 7 febbraio con l’esercito israeliano per preparare l’attacco a Rafaah e gli ha chiesto di inviare un “piano combinato” per la “vacanza” dei civili e la “distruzione” di Hamas. questa città.

Il capo del governo ebraico di Hamas ha affermato: “È impossibile raggiungere l'obiettivo della guerra senza eliminare Hamas e mantenere quattro brigate affiliate ad Hamas a Rafah”, e ciò richiede “l'evacuazione dei civili dalle aree di combattimento”.

• Rafah è già nel mirino degli scioperi

Se l’offensiva di terra non è ancora iniziata, sabato 10 febbraio l’esercito israeliano bombarderà la Striscia di Rafah. Già venerdì molti edifici sono stati distrutti. In uno dei quartieri, sono state viste persone trasportare i corpi di tre bambini uccisi in un attentato, come monitorato dai giornalisti dell'Agence France-Presse.

READ  Questa immagine indica che un guidatore privo di sensi è entrato in A4 in retromarcia venerdì, tuttavia...

Fino ad ora, i funzionari americani a Washington hanno affermato di non aver visto alcun preparato che suggerisse un “grande attacco” o “imminente”, mentre avvertivano di un “disastro”, temendo uno scenario simile a quello accaduto nel nord.

• Hamas avverte di “decine di migliaia di vittime”

In risposta alle dichiarazioni israeliane, il movimento palestinese Hamas ha avvertito sabato che l’attacco israeliano a Rafah potrebbe causare “decine di migliaia di morti e feriti”.

Hamas ha affermato: “Mettiamo in guardia da una catastrofe e da un massacro che potrebbero provocare decine di migliaia di martiri e feriti” e ha ritenuto “l’amministrazione americana, la comunità internazionale e l’occupazione israeliana” responsabili delle potenziali ripercussioni.

• Le ONG sono preoccupate per la sorte dei civili

Dato il numero di rifugiati in questa città, le ONG hanno già espresso la loro preoccupazione. “Costringere più di un milione di palestinesi sfollati a Rafah a evacuare nuovamente senza trovare un posto sicuro dove andare sarebbe illegale e avrebbe conseguenze catastrofiche”, ha affermato Nadia Hardman, specialista in diritti dei migranti e dei rifugiati presso Human Rights Watch.

Ha aggiunto: “Non esiste un posto sicuro a Gaza. La comunità internazionale deve agire per prevenire ulteriori atrocità”.

• Mobilitare la comunità internazionale

Come le ONG, la comunità internazionale sta monitorando attentamente la situazione ed esprime preoccupazione per questo previsto nuovo attacco. Anche gli Stati Uniti, alleati incondizionati di Israele, hanno messo in guardia lo Stato ebraico.

Questa settimana il Dipartimento di Stato americano ha avvertito che “effettuare un’operazione del genere ora (a Rafah) senza pianificare e senza pensare in un’area che contiene un milione di persone sarebbe un disastro”. In una rara critica a Israele dall’inizio della guerra, anche il presidente americano Joe Biden ha considerato “eccessiva” la “risposta nella Striscia di Gaza” all’attacco del 7 ottobre.

READ  Diretto - Guerra in Ucraina: Kyiv ha annunciato l'uccisione di 170 soldati russi a Bakhmut

Anche a livello europeo Berlino ha espresso preoccupazione per la sorte dei civili. Annalena, capo della diplomazia tedesca, ha dichiarato: “La situazione a Rafah è già al di là di ogni comprensione. Ci sono 1,3 milioni di persone che cercano protezione dai combattimenti in un'area molto limitata. L'attacco lanciato dall'esercito israeliano a Rafah sarebbe un prevista catastrofe umanitaria”. Libro degli orsi.

Da parte sua, il Regno dell’Arabia Saudita ha chiesto l’intervento del Consiglio di Sicurezza dell’ONU “per evitare che Israele causi un’imminente catastrofe umanitaria”. attacco.

I più letti