Aprile 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Quanto guadagnano realmente gli agricoltori? Risposte dell'INSEE

Quanto guadagnano realmente gli agricoltori?  Risposte dell'INSEE
Il tenore di vita è una delle rivendicazioni avanzate dai sindacati dopo la rivolta dei contadini del gennaio 2024.

Il tenore di vita è una delle rivendicazioni avanzate dai sindacati dopo la rivolta dei contadini del gennaio 2024.

Agricoltura – È questo il tema al centro delle richieste degli agricoltori da settimane: la retribuzione. Sugli striscioni alcuni denunciano di non pagare più di 400 euro al mese, altri mettono in guardia sul livello del loro debito a fronte di un'attività che non viene pagata come dovrebbero. Tuttavia, alcuni agricoltori vivono (molto) bene, soprattutto i viticoltori. C'è qualcosa in cui perdersi.

Ciò di cui dobbiamo innanzitutto tenere conto è che l’agricoltura in Francia è uno dei settori di attività in cui le differenze nel tenore di vita sono più marcate. L’Istituto Nazionale di Statistica e Studi Economici (INSEE) sottolinea nel suo ultimo numero che nel 2020, il 10% più ricco ha ricevuto in media 3.700 euro al mese, contro i 900 euro del più modesto.

In confronto, il 10% migliore dei francesi guadagna 3.300 euro al mese, mentre i più poveri 990 euro. L'INSEE precisa inoltre che il tenore di vita è calcolato sulla base del reddito disponibile annuo, al netto delle imposte dirette, e in base alla composizione del nucleo familiare.

L’agricoltura convenzionale paga più di quella biologica

Il reddito agricolo dipende quindi direttamente dal tipo di settore produttivo. Quindi nel 2020 il tenore di vita medio in questo settore” Mucche Viand » Il valore del settore vino è stato di 19.500 euro, mentre il valore del settore vino è stato di 27.100 euro.

READ  A Bruxelles e in Vallonia quasi un ospedale su due è in zona rossa

Nella maggior parte dei settori, l’agricoltura convenzionale rimane più redditizia dell’agricoltura biologica. Il divario è particolarmente netto per i due settori che rappresentano la quota maggiore di prodotti biologici: l’orticoltura (21,5% biologico nel 2020) e la produzione di frutta (18,5%). Il surplus operativo totale per agricoltore, che misura la redditività, era rispettivamente inferiore del 57,7% e del 31,1% nell’agricoltura biologica rispetto all’agricoltura convenzionale.

Elevato tasso di povertà nelle piccole aziende agricole

Nel modello attuale il tenore di vita aumenta anche con la dimensione delle aziende agricole. Le piccole aziende agricole sono guidate dal 23% dei poveri, le aziende medie dal 17% e le grandi aziende dal 10%. L'unica eccezione a questa regola: le piccole aziende agricole con un tasso di povertà fino al 15%.

In tutte le aziende agricole, il tasso di povertà tra gli agricoltori è del 16%, quindi superiore al tasso di povertà tra la popolazione generale, pari al 14%. Quest'ultimo è definito da un tenore di vita inferiore al 60% del tenore di vita medio.

Tuttavia, l’Istituto Nazionale di Statistica e Studi Economici (INSEE) sottolinea che raramente le famiglie agricole riferiscono di dover affrontare difficoltà abitative o restrizioni nei consumi, a causa dell’autoconsumo di prodotti alimentari. È inversamente correlato al livello di reddito, con il tasso di povertà che raggiunge l’11,5% per i viticoltori, ma sale al 21,5% per i produttori di carne bovina.

Vedi anche su L'Huff Post :